Discorso 140 – Lo sfondo dell’assassinio del Messia ebraico Gesù di Nazareth.




"Morto per i nostri peccati?" – Approcci cristologici da parte dei giovani di Friedhelm Kraft.

L’amore incondizionato di Dio e la morte come fine dell’esistenza umana.

L’instaurazione del regno, che è stata rinviata.

Il nuovo messaggio.

La battaglia in cielo.

La distruzione del tempio.

Israele è senza Dio da duemila anni.

Il cristianesimo biblico.

La pretesa della rappresentanza esclusiva del cristianesimo biblico.



(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

"Morto per i nostri peccati?" – Approcci cristologici da parte dei giovani di Friedhelm Kraft.

È il momento degli "addii necessari"? – riflessioni biblico–teologiche


Nel suo libro "Auf dem Weg zu einem glaubwürdigen Christentum" ["Sulla via di un cristianesimo credibile"] il professore emerito di teologia pratica di Berlino, Klaus Peter Jörns, crede che sia arrivato il momento degli "addii necessari". Tra le idee che la teologia e la chiesa dovrebbero abbandonare appartiene, a suo parere, anche il discorso sulla morte espiatoria vicaria di Gesù Cristo. Così scrive Jörns: "La teologia cristiana del sacrificio espiatorio è un anacronismo, in vista della trasformazione storica delle idee di sacrificio e di Dio". E poi ancora: "Il messaggio centrale di Gesù sull’amore incondizionato di Dio contraddice un’interpretazione della sua morte in quanto sacrificio espiatorio".

E anche i contemporanei laici in ciò non sono da meno. Questo domanda il filosofo Herbert Schnädelbach in un saggio pubblicato su DIE ZEIT: "Perché il Dio cristiano non può perdonare senza un agnello sacrificale?", "Perché in tutte le chiese e nelle aule scolastiche bavaresi è appeso un impiccato morente e non uno risorto?". La "giustificazione" nel cristianesimo sarebbe degenerata in un " sanguinoso commercio legale ". La crudeltà dell’esecuzione di Cristo ha fatto scuola nelle "crudeltà in nome di Cristo", della chiesa e dell’inquisizione.

La critica al concetto del sacrificio espiatorio è molto diffusa, non solo nella chiesa ma anche negli spazi pubblici. Se mirasse a un’immagine di Dio la cui gloria dipendesse dalla soddisfazione nel senso di sacrificio, nessuno potrebbe dissentire. Ma rimane tuttavia da chiedersi se una rappresentazione arcaica di espiazione influenzi effettivamente l’immagine biblica di Dio. Per dirla in modo diverso: in che modo il Nuovo Testamento presenta l’idea scandalosa dell’espiazione? (…)

Religionspädagogisches Institut Loccum [Istituto per l’educazione religiosa di Loccum]





L’amore incondizionato di Dio e la morte come fine dell’esistenza umana.

Prima di tutto, dobbiamo chiarire il significato delle definizioni utilizzate dall’autore del libro sopracitato, il professore di teologia Hans Peter Jörn. L’"amore incondizionato di Dio" è un luogo comune, che ci si aspetterebbe di trovare di più nei giornali scandalistiche in un trattato teologico. Questo la dice lunga sulla competenza professionale dell’autore.

Perlomeno, se vogliamo parlare del Dio cristiano della Bibbia, un "amore incondizionato" - così come, a questo proposito, la definizione spesso utilizzata di "amore infinito" – di Dio è una totale assurdità.


L’amore infinito e incondizionato di Dio.

Se l’amore di Dio fosse infinito e incondizionato, questo Dio dovrebbe rimettere a tutti gli esseri umani di tutti i tempi (all’infinito!!) tutti i loro peccati senza rimorso né conversione (incondizionatamente!!). Allora, non sarebbe più necessario alcun sacrificio espiatorio – e Gesù Cristo non avrebbe dovuto morire sulla croce.

Allora tutti i delinquenti, tutti i pluriomicidi, tutti gli atei, tutti i tiranni e tutto il resto della peggior feccia, dal principio del mondo fino alla sua fine (all’infinito!!), senza rimorso né conversione (incondizionatamente!!), entrerebbero nella vita eterna insieme a tutti i cristiani biblici.

Perciò, chi parla di un amore "infinito" e "incondizionato" di Dio, dimostra di non avere alcuna idea del perché Dio abbia lasciato morire suo Figlio sulla croce. Simili persone non hanno ancora assolutamente compreso il fondamento della fede cristiana e sono dunque totalmente inadatte ad esprimere dichiarazioni in merito ad una qualunque caratteristica di Dio.

(Vedi anche discorso 30: "Perché Gesù dovette morire sulla croce?")



Ma nel suo libro: "Auf dem Weg zu einem glaubwürdigen Christentum" ["Sulla via di un cristianesimo credibile"] non solamente la definizione dell’"amore incondizionato di Dio" non è plausibile, ma anche l’affermazione fatta a tal proposito: "Il messaggio centrale di Gesù sull’amore incondizionato di Dio contraddice un’interpretazione della sua morte come sacrificio espiatorio".

Questa affermazione, infatti, rivela una totale ignoranza, da un lato, del reale sfondo biblico di questo fenomeno generale della morte umana e, dall’altro, della morte di questo Gesù di Nazareth come sacrificio espiatorio per i peccati di tutti gli esseri umani, in particolare.

Prima di entrare un po’ più nel dettaglio della morte del Messia ebraico, Gesù di Nazareth, concludiamo qui questo chiarimento delle definizioni con il significato biblico dell’evento della morte umana. Anche in questo caso, questo teologo procede evidentemente dalla visione popolare secondo cui con la morte è "tutto finito".

Non è difficile immaginare che la Bibbia veda le cose in modo diverso. Così come quando ci si addormenta nel letto non finisce la propria vita, perché normalmente ci si risveglia la mattina dopo, anche la vita non finisce dopo la morte, perché lo spirito della persona cheé lascia il corpo fisico.

Ed è per questo che i materialisti hanno difficoltà di comprensione, perché non hanno alcuna prova fisica – "tangibile" – dell’ulteriore esistenza di quest’uomo. È più o meno lo stesso che successe al contadino che non volendo credere che il suo denaro fosse effettivamente disponibile in banca, si fece mostrare l’intera somma.

Quando il corpo muore – alla data di scadenza dell’"hardware", per così dire – il "software", lo spirito, viene immagazzinato nel "cloud", per poi essere riattivato in seguito con un nuovo hardware. Capire questo è ovviamente un po’ difficile per i caratteri semplici ed è per questo che ci sono sempre i profeti, che diffondono con successo la loro favola, cioè che "dopo la morte è tutto finito".



L’esistenza eterna di ogni essere umano.

Ogni essere umano, che con la sua nascita corporale abbandona, vivo, il sacco amniotico della madre, e che, dunque è "nato d’acqua" (liquido amniotico, fluidità amniotica) (Giov 3:5), riceve da Dio (Giov 4:24) uno spirito umano (1Cor 2:11) con l’esistenza eterna (Mat 25:46). Nella prima parte temporale e terrena di questa esistenza – nella sua vita, l’essere umano ha la possibilità di scegliere in assoluta libertà e senza alcuna costrizione con lo spirito datogli da Dio (Gen 2,7; 6,3) se donare a questo Dio, il creatore di tutta la vita, la sua completa fiducia e tutto il suo amore.

Dopo la sua morte, il corpo dell’essere umano ridiventa polvere, dalla quale esso era stato creato (Gen 2:7), mentre il suo spirito si incamminerà verso il regno dei morti (Dan 12:2; 1Piet 3:18–19; 1Cor 15:23–24), dove esso trascorrerà il tempo fino alla sua risurrezione in uno stato simile al sonno (1Tess 4:15–16).

Nel momento della Risurrezione (Rom 6:4–5), la "rinascita dallo spirito" (Mat 19:28; 1Piet 1:18; Giov 3:7), l’essere umano riceve nuovamente un corpo (1Cor 15:43–44; Mat 22:30; Giov 3:8; Rom 8:10–11), simile a quello del figlio di Dio dopo la sua risurrezione (Giov 20:26–27).

Se c’è un corpo naturale, c’è anche un corpo spirituale.

1Cor 15,42 Così è pure della risurrezione dei morti. Il corpo è seminato corruttibile e risuscita incorruttibile; 15,43 è seminato ignobile e risuscita glorioso; è seminato debole e risuscita potente; 15,44 è seminato corpo naturale e risuscita corpo spirituale. Se c’è un corpo naturale, c’è anche un corpo spirituale. 15,45 Così anche sta scritto: «Il primo uomo, Adamo, divenne anima vivente» (Gen 2,7); l’ultimo Adamo è spirito vivificante. 15,46 Però, ciò che è spirituale non viene prima; ma prima, ciò che è naturale, poi viene ciò che è spirituale. 15,47 Il primo uomo, tratto dalla terra, è terrestre; il secondo uomo è dal cielo. 15,48 Qual è il terrestre, tali sono anche i terrestri; e quale è il celeste, tali saranno anche i celesti. 15,49 E come abbiamo portato l’immagine del terrestre, così porteremo anche l’immagine del celeste. 1Cor 15,42–49;


Con questo corpo, l’essere umano starà poi durante il Giudizio Universale al cospetto del Figlio di Dio, che, per incarico di Dio (Giov 5:22, 26–27), giudicherà ciascun essere umano secondo le azioni terrene e in base alla scelta da lui compiuta in vita a favore o contro Dio (Rom 2:16).

Ogni essere umano, che durante la sua vita ha scelto a favore di Dio e di abbracciare la fede in suo figlio Gesù Cristo (Giov 17:3), ha la possibilità, davanti a questo tribunale, di ricorrere alla morte espiante del Figlio di Dio, che rappresenta l’espiazione per i peccati di tutti gli uomini, anche per la cancellazione dei propri peccati – ossia le trasgressioni dei comandamenti di Dio (Giov 3:16) – ed egli così sarà salvato (Giov 5:24). A quegli esseri umani che non hanno accettato questa fede, non verrà concessa la remissione dei loro peccati ed essi saranno perciò condannati (Giov 3:36).

Dopo il Giudizio Universale, questi esseri umani condannato trascorreranno la loro esistenza eterna nelle tenebre (Mat 22:13) della dannazione del fuoco eterno (Mat 18:8), con pianti e stridore di denti (Mat 13:49–50), poiché essi in vita hanno rifiutato di accostarsi alla fede, e con la consapevolezza definitiva che non potranno mai più riparare e che la loro condizione non potrà mai più essere cambiata.

Coloro che sono stati salvati, al contrario, trascorreranno la loro vita eterna (Mat 25:46) nella Nuova Creazione alla luce di Dio su una terra nuova (Apoc 20:11) e sotto un nuovo cielo, che Dio ha creato (Apoc 21:1–3,5).

Il Figlio di Dio ha detto:

"Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro consolatore, perché stia con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché dimora con voi, e sarà in voi." Giov 14,15–17;

Gesù disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; e chiunque vive e crede in me, non morirà mai.» Giov 11,25–26;


Da questo punto di vista si è già espresso il noto evangelista e predicatore Wilhelm Busch con i suoi ascoltatori: "Non c’è bisogno che accettiate il messaggio che io vi rivolgo. Potete lasciare stare di convertirvi a Gesù. Ma sappiate bene che così facendo scegliete l’inferno! Avete piena libertà!" ( Persone che non sono capaci di credere.)



Per tutti coloro che vorrebbero averlo breve e moderno:
Lo spirito dell’uomo è il "software" – il sistema operativo – che fa funzionare "l’hardware" – il corpo. Alla scadenza dell’hardware, il software viene archiviato nel cloud. Alla fine del mondo, il software ottiene un nuovo hardware con runtime illimitato.






L’instaurazione del regno, che è stata rinviata.

Ciò a cui di solito viene data poca attenzione nella letteratura cristiana è il fatto biblico che Gesù Cristo (Christus = ebraico: maschiach, Messia / l’Unto) ha evangelizzato solo nel territorio di Israele all’inizio del suo ministero. E questo è anche perfettamente in linea con la Scrittura, visto che egli era il Messia, promesso dai profeti, che Dio avrebbe mandato al popolo d’Israele.

Così, quando Gesù inviò i suoi discepoli, ordinò loro di andare solo dalle "pecore perdute della casa d’Israele" e di non evangelizzare nemmeno i samaritani, figuriamoci le nazioni.

Non andate tra i pagani e non entrate in nessuna città dei Samaritani, ma andate piuttosto verso le pecore perdute della casa d’Israele.

Mat 10,5 Questi sono i dodici che Gesù mandò, dando loro queste istruzioni: «Non andate tra i pagani e non entrate in nessuna città dei Samaritani, 10,6 ma andate piuttosto verso le pecore perdute della casa d’Israele. Mat 10, 5– 6;


Lo conferma anche l’incontro del Signore con la donna cananea, il cui testo – così come il sermone di Pietro in Atti 3:26 – non lascia dubbi su questo fatto:

Ma egli rispose: «Io non sono stato mandato che alle pecore perdute della casa d’Israele».

Mat 15,21 Partito di là, Gesù si ritirò nel territorio di Tiro e di Sidone. 15,22 Ed ecco una donna cananea di quei luoghi venne fuori e si mise a gridare: «Abbi pietà di me, Signore, Figlio di Davide. Mia figlia è gravemente tormentata da un demonio». 15,23 Ma egli non le rispose parola. E i suoi discepoli si avvicinarono e lo pregavano dicendo: «Mandala via, perché ci grida dietro». 15,24 Ma egli rispose: «Io non sono stato mandato che alle pecore perdute della casa d’Israele». 15,25 Ella però venne e gli si prostrò davanti, dicendo: «Signore, aiutami!» 15,26 Gesù rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli per buttarlo ai cagnolini». 15,27 Ma ella disse: «Dici bene, Signore, eppure anche i cagnolini mangiano delle briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».15, 28 Allora Gesù le disse: «Donna, grande è la tua fede; ti sia fatto come vuoi». E da quel momento sua figlia fu guarita. Mat 15,21–28;


Ciò che Gesù ha annunciato è stato il messaggio del "regno dei cieli" , che era ormai imminente (Mat 4,17; Mar 1,15; Luc 10,9). Per gli ebrei il segno della venuta del Messia era sempre stato l’instaurazione di questo "regno".

I profeti parlavano del fatto che il Messia sarebbe diventato il sovrano del mondo e avrebbe governato il mondo intero come suo regno, di cui Israele sarebbe stata la nazione leader sulla terra (ad esempio, Es 19,1-6; Num 24,1-9; 1Cro 17,7-14; Isa 60,1-22; Ger 31,7-9; ecc.).

Vedi anche Discorso 1111: "L’alleanza di Dio, di Jacob Damkani." [non ancora disponibile in Italiano, leggi in tedesco / leggi in inglese])


Come possiamo vedere, queste sono proprio quelle profezie a cui si fa riferimento anche nel Nuovo Testamento (per esempio Ebr 4,2-5) in occasione della promessa del Millennio, del Regno Millenario della pace del Figlio di Dio. E da questo è anche evidente che se gli Israeliti avessero accettato il loro Messia in quel momento – se, cioè, le profezie dell’Antico Testamento di Dio avessero fatto il loro corso – allora il Millennio sarebbe già iniziato in quel momento.

(Vedi anche Capitolo 10: "Il Millennio.")


Anche per questo motivo, Gesù è stato annunciato da Giovanni Battista come colui "a cui si riferisce il profeta Isaia" (Isa 40:3).

Di lui parlò infatti il profeta Isaia quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: "Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri.

Mat 3,1 In quei giorni venne Giovanni il battista, che predicava nel deserto della Giudea, e diceva: 3,2 «Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino». 3,3 Di lui parlò infatti il profeta Isaia quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: "Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri"». Mat 3,1–3;


Ed è per questo che Gesù in quel periodo agli Israeliti parlava anche sempre del "regno dei cieli" (come si legge in Matteo e "regno di Dio" in Marco e Luca). Era l’annuncio del cambiamento di paradigma dalla religione mosaica al cristianesimo, dalla legge e dai profeti fino a Giovanni Battista, al vangelo del regno di Dio che da questo momento in poi sarebbe stato annunciato.

La legge e i profeti hanno durato fino a Giovanni; da quel tempo è annunciata la buona notizia del regno di Dio, e ciascuno vi entra a forza.

Luca 16,16 La legge e i profeti hanno durato fino a Giovanni; da quel tempo è annunciata la buona notizia del regno di Dio, e ciascuno vi entra a forza. Luca 16,16;


Questo "Regno di Dio" sulla terra – cioè il "regno" profetizzato dai profeti – in cui il Messia, l’Unto di Dio, sarebbe dovuto essere il sovrano del mondo e il popolo di Dio di Israele il "capo delle nazioni" (Ger 31:7; 2Sam 22:44; Salmi 18:44), non divenne mai realtà.



Il nuovo messaggio.

Nell’annuncio del Regno di Dio da parte del Signore, dobbiamo tener presente che tutte queste dichiarazioni, come la Risurrezione Universale, la Rinascita, la Prima Risurrezione, il Ritorno del Signore, il Risveglio dai Morti e il Rapimento ecc. non erano ancora accessibili agli Israeliti di quel tempo, i quali, per questo motivo, erano estremamente scettici su tutte le affermazioni al riguardo. Il Vangelo di Giovanni ci offre una relazione particolarmente significativa in questo senso, che è veramente degna di essere letta, e che va riportata qui nella sua interezza per rappresentare realisticamente la situazione di allora:

Noi siamo discendenti d’Abraamo, e non siamo mai stati schiavi di nessuno.

Giov 8,31 Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: «Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; 8,32 conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». 8,33 Essi gli risposero: «Noi siamo discendenti d’Abraamo, e non siamo mai stati schiavi di nessuno; come puoi tu dire: "Voi diverrete liberi"?» 8,34 Gesù rispose loro: «In verità, in verità vi dico che chi commette il peccato è schiavo del peccato. 8,35 Ora lo schiavo non dimora per sempre nella casa: il figlio vi dimora per sempre. 8,36 Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete veramente liberi. Giov 8,31–36;

Noi non siamo nati da fornicazione; abbiamo un solo Padre: Dio.

Giov 8,37 So che siete discendenti d’Abraamo; ma cercate di uccidermi, perché la mia parola non penetra in voi. 8,38 Io dico quel che ho visto presso il Padre mio; e voi pure fate le cose che avete udite dal padre vostro». 8,39 Essi gli risposero: «Nostro padre è Abraamo». Gesù disse loro: «Se foste figli di Abraamo, fareste le opere di Abraamo; 8,40 ma ora cercate di uccidermi, perché vi ho detto la verità che ho udita da Dio; Abraamo non fece così. 8,41 Voi fate le opere del padre vostro». Essi gli dissero: «Noi non siamo nati da fornicazione; abbiamo un solo Padre: Dio». 8,42 Gesù disse loro: «Se Dio fosse vostro Padre, mi amereste, perché io sono proceduto e vengo da Dio; infatti io non sono venuto da me, ma è lui che mi ha mandato. 8,43 Perché non comprendete il mio parlare? Perché non potete dare ascolto alla mia parola. Giov 8,37–43;

Voi siete figli del diavolo, che è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro.

Giov 8,44 Voi siete figli del diavolo, che è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità, perché non c’è verità in lui. Quando dice il falso, parla di quel che è suo perché è bugiardo e padre della menzogna. 8,45 A me, perché io dico la verità, voi non credete. 8,46 Chi di voi mi convince di peccato? Se dico la verità, perché non mi credete? 8,47 Chi è da Dio ascolta le parole di Dio. Per questo voi non le ascoltate; perché non siete da Dio». 8,48 I Giudei gli risposero: «Non diciamo noi con ragione che sei un Samaritano e che hai un demonio?» 8,49 Gesù replicò: «Io non ho un demonio, ma onoro il Padre mio e voi mi disonorate. 8,50 Io non cerco la mia gloria; v’è uno che la cerca e che giudica. Giov 8,44–50;

In verità, in verità vi dico: prima che Abraamo fosse nato, io sono.

Giov 8,51 In verità, in verità vi dico che se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte». 8,52 I Giudei gli dissero: «Ora sappiamo che tu hai un demonio. Abraamo e i profeti sono morti, e tu dici: "Se uno osserva la mia parola, non gusterà mai la morte". 8,53 Sei tu forse maggiore del padre nostro Abraamo il quale è morto? Anche i profeti sono morti; chi pretendi di essere?» 8,54 Gesù rispose: «Se io glorifico me stesso, la mia gloria è nulla; chi mi glorifica è il Padre mio, che voi dite: "È nostro Dio!" 8,55 e non l’avete conosciuto; ma io lo conosco, e se dicessi di non conoscerlo, sarei un bugiardo come voi; ma io lo conosco e osservo la sua parola. 8,56 Abraamo, vostro padre, ha gioito nell’attesa di vedere il mio giorno; e l’ha visto, e se n’è rallegrato». 8,57 I Giudei gli dissero: «Tu non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abraamo?» 8,58 Gesù disse loro: «In verità, in verità vi dico: prima che Abraamo fosse nato, io sono». 8,59 Allora essi presero delle pietre per tirargliele; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio. Giov 8,51–59;


Da un punto di vista puramente oggettivo, si potrebbe certamente avere un po’ di comprensione per questi Israeliti. Questi si sono detti: "A questo punto potrebbe venire chiunque". Tuttavia, il Signore ha dimostrato, attraverso i miracoli che ha compiuto, di non essere "chiunque". In realtà non si trattava affatto di portare prove o testimoni. Anche se avesse compiuto miracoli ancora più grandi e avesse potuto portare molti testimoni, essi non gli avrebbero creduto. Non fu la mancanza di prove, ma la mancanza di fede che portò gli Israeliti al loro falso giudizio. Fu la mancanza di fiducia nel proprio Dio, la completa assenza dello Spirito Santo, che indurì i loro cuori e chiuse le orecchie alle parole del Figlio di Dio.

Sopra, in Giov 8,40, il Signore ha accusato gli Ebrei di volerlo uccidere. Non era solo il popolo a volerlo uccidere, ma anche e soprattutto il Sinedrio, i capi religiosi di Israele temevano infatti di perdere il loro potere e si consultarono così tra loro su come ucciderlo.

Perché quest’uomo fa molti segni miracolosi. Se lo lasciamo fare, tutti crederanno in lui.

Giov 11,47 I capi dei sacerdoti e i farisei, quindi, riunirono il sinedrio e dicevano: «Che facciamo? Perché quest’uomo fa molti segni miracolosi. 11,48 Se lo lasciamo fare, tutti crederanno in lui; e i Romani verranno e ci distruggeranno come città e come nazione». 11,49 Uno di loro, Caiafa, che era sommo sacerdote quell’anno, disse loro: «Voi non capite nulla, 11,50 e non riflettete come torni a vostro vantaggio che un uomo solo muoia per il popolo e non perisca tutta la nazione». 11,51 Or egli non disse questo di suo; ma, siccome era sommo sacerdote in quell’anno, profetizzò che Gesù doveva morire per la nazione; 11,52 e non soltanto per la nazione, ma anche per riunire in uno i figli di Dio dispersi. 11,53 Da quel giorno dunque deliberarono di farlo morire. Giov 11,47–53;


Così era chiaro che gli Ebrei avevano respinto il Figlio di Dio e rifiutato la salvezza del loro Dio. Il Signore ha descritto questa situazione in modo particolarmente appropriato nella parabola del re che preparò il banchetto nuziale per suo figlio.

Andate dunque ai crocicchi delle strade e chiamate alle nozze quanti troverete.

Mat 22,2 «Il regno dei cieli è simile a un re, il quale fece le nozze di suo figlio. 22,3 Mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze; ma questi non vollero venire. 22,4 Mandò una seconda volta altri servi, dicendo: "Dite agli invitati: Io ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e i miei animali ingrassati sono ammazzati; tutto è pronto; venite alle nozze". 22,5 Ma quelli, non curandosene, se ne andarono, chi al suo campo, chi al suo commercio; 22,6 altri poi, presero i suoi servi, li maltrattarono e li uccisero.

22,7 Allora il re si adirò, mandò le sue truppe a sterminare quegli omicidi e a bruciare la loro città. 22,8 Quindi disse ai suoi servi: "Le nozze sono pronte, ma gli invitati non ne erano degni. 22,9 Andate dunque ai crocicchi delle strade e chiamate alle nozze quanti troverete". 22,10 E quei servi, usciti per le strade, radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni; e la sala delle nozze fu piena di commensali. 22,11 Ora il re entrò per vedere quelli che erano a tavola e notò là un uomo che non aveva l’abito di nozze. 22,12 E gli disse: "Amico, come sei entrato qui senza avere un abito di nozze?" E costui rimase con la bocca chiusa. 22,13 Allora il re disse ai servitori: "Legatelo mani e piedi e gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor dei denti". 22,14 Poiché molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti». Mat 22, 2–14;


Il re in questa parabola è Dio; suo figlio, al quale ha preparato il banchetto nuziale, è il Figlio di Dio, Nostro Signore Gesù Cristo. I servi, che il re ha mandato per chiamare gli invitati alle nozze, sono i profeti di Israele dell’Antico Testamento. Avevano ripetutamente chiamato il popolo d’Israele a pentirsi davanti al loro Dio. Gli ospiti invitati sono il popolo di Dio di Israele.

Questi invitati al matrimonio non avevano però alcun interesse, e continuarono i loro affari perversi. Per di più, presero i servi e li uccisero, similmente ai molti profeti che erano stati maltrattati e uccisi dai re e dai governanti di Israele nel corso dei secoli – proprio come Giovanni Battista e il Signore Gesù stesso.

Quando il re vide che gli invitati non erano degni, fece incendiare la loro città (Gerusalemme "rasa al suolo" da Tito nel 70 d.C.) e fece uccidere questi assassini. Poi il re mandò di nuovo dei servi (apostoli e predicatori del vangelo di Gesù Cristo), che avrebbero dovuto invitare tutte le persone disposte a venire (provenienti da tutte le nazioni e anche dai Giudei). Questa è dunque la situazione che si presenta dopo che il Signore venne rifiutato dagli Ebrei e crocifisso dai romani. Da quel momento e fino alla fine, Dio manda i suoi servitori – questa volta cristiani – per invitare tutti , sia i buoni che i cattivi.

Così Israele, per la sua ostinazione, ha perso la sua posizione di unico popolo eletto. Se prima l’appartenenza a una delle dodici tribù di Israele era il requisito per l%#8217;elezione, da questo momento i criteri sono cambiati. Non è più l’appartenenza fisica ad un popolo ad essere determinante, ma piuttosto la disponibilità interiore e spirituale ad accettare la fede in questo Dio (essere vestito in abito nuziale) – indipendentemente dalla razza, dal colore della pelle, dall’origine o dalla posizione.

Paolo, quando era prigioniero a Roma, si trova in una situazione molto simile, quando aveva chiamato a sé gli Ebrei e aveva annunciato loro il messaggio di salvezza. Una parte di loro lo ascoltò, un’altra parte lo respinse. E anche Paolo realizzò che gli Ebrei avevano indurito i loro cuori e annunciò loro nello Spirito Santo che la salvezza era stata tolta loro e destinata alle Nazioni.

Sappiate dunque che questa salvezza di Dio è rivolta alle nazioni; ed esse presteranno ascolto.

Atti 28,25 Essendo in discordia tra di loro, se ne andarono, mentre Paolo pronunciava quest’unica sentenza: «Ben parlò lo Spirito Santo quando per mezzo del profeta Isaia disse ai vostri padri: 28,26 "Va’ da questo popolo e di’: ’Voi udrete con i vostri orecchi e non comprenderete; guarderete con i vostri occhi, e non vedrete; 28,27 perché il cuore di questo popolo si è fatto insensibile, sono divenuti duri d’orecchi, e hanno chiuso gli occhi, affinché non vedano con gli occhi e non odano con gli orecchi, non comprendano con il cuore, non si convertano, e io non li guarisca’". 28,28 Sappiate dunque che questa salvezza di Dio è rivolta alle nazioni; ed esse presteranno ascolto». Atti 28,25–28;

Ma poiché la respingete e non vi ritenete degni della vita eterna, ecco, ci rivolgiamo agli stranieri.

Atti 13,46 Ma Paolo e Barnaba dissero con franchezza: «Era necessario che a voi per primi si annunciasse la Parola di Dio; ma poiché la respingete e non vi ritenete degni della vita eterna, ecco, ci rivolgiamo agli stranieri. Atti 13,46;


Il regno di Dio è quindi destinato alle nazioni e non più a Israele. Anche il Signore non si è più accontentato delle parabole, ma ha mostrato agli Israeliti l’amara conseguenza della loro incredulità:

il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti.

Mat 21,43 Perciò vi dico che il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti. 44 Chi cadrà su questa pietra sarà sfracellato; ed essa stritolerà colui sul quale cadrà». 21,45 I capi dei sacerdoti e i farisei, udite le sue parabole, capirono che parlava di loro; 21,46 e cercavano di prenderlo, ma ebbero paura della folla, che lo riteneva un profeta. Mat 21,43–46;

Ma i farisei e i dottori della legge, non facendosi battezzare da lui, hanno respinto la volontà di Dio per loro.

Luca 7,28 Io vi dico: fra i nati di donna nessuno è più grande di Giovanni; però, il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui. 7,29 Tutto il popolo che lo ha udito, anche i pubblicani, hanno riconosciuto la giustizia di Dio, facendosi battezzare del battesimo di Giovanni; 7,30 ma i farisei e i dottori della legge, non facendosi battezzare da lui, hanno respinto la volontà di Dio per loro. Luca 7,28–30;

Quando vedrete Abraamo, Isacco, Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio e voi ne sarete buttati fuori.

Luca 13,24 «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché io vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno. 13,25 Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, stando di fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: "Signore, aprici". Ed egli vi risponderà: "Io non so da dove venite". 13,26 Allora comincerete a dire: "Noi abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza, e tu hai insegnato nelle nostre piazze!" 13,27 Ed egli dirà: "Io vi dico che non so da dove venite. Allontanatevi da me, voi tutti, malfattori". 13,28 Là ci sarà pianto e stridor di denti, quando vedrete Abraamo, Isacco, Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio e voi ne sarete buttati fuori. 13,29 E ne verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno, e staranno a tavola nel regno di Dio. 13,30 Ecco, vi sono degli ultimi che saranno primi e dei primi che saranno ultimi». Luca 13,24–30;


Infine, in questo testo si conferma ancora una volta che il Regno di Dio e il Regno Millenario sono due periodi completamente separati in termini di tempo e di contenuto. Quando sopra si dice, in Luca 13,28, "Là ci sarà pianto e stridore di denti quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel Regno di Dio", riconosciamo attraverso il "pianto e stridore di denti" che questa affermazione si riferisce al momento successivo al Giudizio Universale e quindi alla Nuova Creazione nell’eternità. Se poi ciò viene menzionato insieme al Regno di Dio in termini di tempo, non può più trattarsi del Millennio. Qui si vede chiaramente che il Regno Millenario della Pace è l’ultima tappa dell’epoca presente, mentre il Regno di Dio si riferisce all’età futura, all’eternità (Mat 12,32; Luca 18,30; Efes 1,21).

Anche nella parabola del Signore riportata qui sotto e relativa ai due figli che dovevano lavorare nella vigna in Mat 21,28–32, possiamo riconoscere Israele e le nazioni pagane. Nell’antichità i pagani si erano creati molti idoli e falsi dei (Egiziani, Assiri, Babilonesi, Persiani, Greci, Romani) e non volevano credere in un solo Dio. Loro in questa parabola rappresentano il primo figlio, che all’inizio non voleva andare in vigna. Israele, invece, era pronto in quel momento a seguire questo Dio. Poi, però, quando il Messia si rivolse a loro per mettere alla prova la loro fede, lo rifiutarono e lo respinsero. Gli Israeliti sono come il secondo figlio che ha detto: "Sì, Signore; ma non andò".

Io vi dico in verità: I pubblicani e le prostitute entrano prima di voi nel regno di Dio.gno di Dio.

Mat 21,28 «Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si avvicinò al primo e gli disse: "Figliolo, va’ a lavorare nella vigna oggi". 21,29 Ed egli rispose: "Vado, signore"; ma non vi andò. 21,30 Il padre si avvicinò al secondo e gli disse la stessa cosa. Egli rispose: "Non ne ho voglia"; ma poi, pentitosi, vi andò. 21,31 Quale dei due fece la volontà del padre?» Essi gli dissero: «L’ultimo». E Gesù a loro: «Io vi dico in verità: I pubblicani e le prostitute entrano prima di voi nel regno di Dio. 21,32 Poiché Giovanni è venuto a voi per la via della giustizia, e voi non gli avete creduto; ma i pubblicani e le prostitute gli hanno creduto; e voi, che avete visto questo, non vi siete pentiti neppure dopo per credere a lui. Mat 21,28–32;


Molte tra le nazioni pagane, invece, alle quali da questo momento in poi viene annunciata la buona novella, l’accettano e si convertono all’unico e solo Dio. Questi sono gli ultimi menzionati dal Signore nella parabola citata prima, in Luca’13,30, che hanno accettato la fede e che saranno risuscitati per primi al momento del Rapimento e andranno in cielo. Gli Israeliti, invece, che sono stati i primi, risorgeranno per ultimi solo alla Fine Del Mondo, con la rinascita nella Risurrezione Universale.



Israele alla luce della Bibbia.

Secondo l’Antico Testamento

Dio non ha più alcuna compassione per la casa d’Israele (Os 1:6). Loro non sono più il suo popolo (Os 1:9). Il Signore salverà solo la casa di Giuda. Non con la guerra, però, ma con il suo Spirito (Os 1:7). Soltanto nel Millennio, quando il Figlio di Dio avrà assunto il suo dominio millenario sulla terra (Os 2:1,20; Ez 34:25; Isa 2:4), il Signore li riconoscerà di nuovo come il suo popolo (Os 2:25; Ger 31:27–28).

Secondo il Nuovo Testamento

È la volontà di Dio che noi prestiamo ascolto a suo Figlio (Mat 17:5). Questo Figlio di Dio ci ha detto che ogni essere umano che lo rifiuta, rifiuta anche Dio (1Gio 2:23; Luca 10:16; Giov 5:22–23, 15:23). Il popolo d’Israele di oggi nega il Figlio di Dio e lo offende come truffatore e bestemmiatore. Attraverso questa negazione del Figlio, Israele ha rifiutato anche il Padre ed è dunque un popolo senza–Dio (Giov 8:24).


Gli "amici di Israele" nelle comunità cristiane vendono dunque il loro diritto di primogenitura come discepoli di Cristo contro il piatto di lenticchie di un complice di atei truffatori. – Per Israele non vi è alcuna conversione spirituale al loro Dio, né alcun ritorno nel loro paese voluto da Dio, a meno che essi non si convertano a Gesù Cristo!! (Mat 23:38–39; Gal 5:4).




La battaglia in cielo.

Quando Gesù annunciò questo vangelo del "regno" sulla terra, Satana sedusse un terzo degli angeli di Dio in cielo per combattere con lui per la supremazia in cielo contro i restanti angeli sotto la guida dell’arcangelo Michele. Satana perse questa battaglia e fu cacciato via dal cielo sulla terra con i suoi angeli (Apoc 12:7-9).

Questo fatto biblico ci viene tramandato in diversi passi biblici: Luca 10:17-18; Apoc 12:12; Apoc 12:3-4; Giov 12:28-31; Giov 14:28-31; Giov 17:7-11. E anche la circostanza che in quel tempo migliaia di persone erano possedute dai demoni, poiché questi angeli caduti, cacciati via così improvvisamente dal cielo, si rifugiarono nello spirito degli uomini, ci viene descritto dalla Bibbia, per esempio in Luca 8:26-33 (una legione romana aveva circa 6000 uomini a quel tempo).

Da allora, aspettano il loro tempo donato da Dio (John Glenn: "Miriadi di stelle") e quando colui che "lo trattiene" – lo Spirito Santo (Giov 16:7) – è stato "tolto di mezzo" (2Tess 2:7-9), loro hanno di nuovo campo libero, come duemila anni fa.

Vedi anche Discorso128: "I veri extraterrestri che dominano il nostro mondo.")


Anche se a quel tempo i demoni potevano essere scacciati dallo spirito del popolo da Gesù e dai discepolii, un racconto presente in Luca ci mostra che Dio aveva già deciso di consegnare il mondo non a suo Figlio, ma al diavolo. La ragione di ciò potrebbe essere stata la stessa che ha permesso a Satana di sedurre già i primi uomini nel Giardino dell’Eden. Dio ha messo alla prova gli uomini attraverso Satana, per vedere a quale parola credessero di più: quella di Dio o quella di Satana.

Quando poi Gesù digiunò nel deserto per 40 giorni, all’inizio del suo ministero, Satana cercò di sedure anche lui offrendogli il dominio su tutti i regni di questo mondo.

Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni; perché essa mi è stata data, e la do a chi voglio.

Luca 4,5 Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un attimo tutti i regni del mondo e gli disse: 4,6 «Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni; perché essa mi è stata data, e la do a chi voglio. 4,7 Se dunque tu ti prostri ad adorarmi, sarà tutta tua». 4,8 Gesù gli rispose: «Sta scritto: "Adora il Signore, il tuo Dio, e a lui solo rendi il tuo culto"». Luca 4,5-8;


E attraverso l’affermazione: "perché essa mi è stata data" e il fatto che Gesù qui – a questo proposito e a differenza delle altre tentazioni di Satana – non ha avanzato alcuna argomentazione contraria, possiamo vedere che Dio aveva effettivamente consegnato questo potere al diavolo e che il diavolo è quindi libero di darlo a chi vuole.

Ovviamente il diavolo qui aveva adocchiato prima di tutto quelle persone che, attraverso il potere e l’influenza sono sottomesse alla sua volontà come i successivi imperatori e le case reali, i papi cattolici e in seguito, naturalmente, i politici e i magnati della finanza. Ma il diavolo ci ha voluto provare anche con il Figlio di Dio e, come previsto, ha fallito.

Ciò che l’umanità ha poi vissuto nei duemila anni successivi fino ai giorni nostri è stato quindi un periodo tutt’altro che tranquillo. Con le guerre – dall’impero romano fino alla seconda guerra mondiale e oltre, fino a quando gli esseri umani governeranno questo mondo –e i crimini: le persecuzioni dei cristiani (dall’impero romano all’inquisizione della Chiesa cattolica!), le persecuzioni degli ebrei (i pogrom dal medioevo fino all’olocausto dei tempi moderni), ecc., abbiamo la prova che non era Dio ma il Diavolo ad aver avuto e ad avere ancora il dominio del mondo.

A quel tempo, duemila anni fa, gli ebrei non sapevano in cosa stavano andando a finire condannando questo Gesù di Nazareth.
A quel tempo, duemila anni fa, gli ebrei non sapevano a cosa andassero incontro con la condanna di questo Gesù di Nazareth. Una parte del clero ebraico, il Sinedrio, probabilmente temeva per il proprio potere e la propria influenza in quanto clero dominante, se ora il Messia avesse preso il dominio. Gli altri erano incerti – come Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea – e così la maggioranza acconsentì quando il sommo sacerdote Caifa disse: "è reo di morte".

Sulla crocifissione e la morte di Gesù stesso ci sono alcuni trattati su Immanuel.at, nello specifico anche nel Discorso 87: "La Sindone di Torino", quindi qui faremo un salto di circa 40 anni arrivando alla distruzione del tempio erodiano da parte di Tito e delle sue truppe romane.




La distruzione del tempio.

Il 1° luglio 69 d.C. Tito, figlio dell’allora imperatore romano Vespasiano, fu inviato a Gerusalemme come comandante in capo dell’esercito per porre fine alla guerra ebraica, dove nell’aprile del 70 d.C. fece marciare un esercito di quattro legioni e numerose truppe ausiliarie di re alleati (Giuseppe Flavio, Bell, 5,40–6,120). Tito fece assediare la città e la fece accerchiare da un’alta muraglia (Giuseppe Flavio, Bell, 5,130–135.491–511; Tacito, Hist. 5,1.10–14).

All’inizio di settembre del 70, Gerusalemme fu poi conquistata in seguito alla carestia e a un bagno di sangue, che Tito cercò invano di evitare(!). Il tempio, in cui si erano rifugiati 6000 ebrei in virtù di un oracolo profetico che preannunciava la salvezza finale del santuario (Giuseppe Flavio, Bell 6.285 ss.), fu distrutto da un incendio (Bell 6,220–270).

Secondo Giuseppe Flavio, si dice che Tito fino alla fine abbia tentato invano di evitare la distruzione del tempio (Bell, 6,241,266). In questo modo Tito voleva essere sollevato dal senso di colpa personale per la sventura degli ebrei. Ma con furia cieca i soldati avevano disobbedito al suo ordine (Bell, 6,254–259). La città fu rasa al suolo. Solo le torri della cittadella furono risparmiate e rinforzate, affinché vi stazionasse l’esercito.

Se consideriamo i suddetti resoconti degli storici, non è certo stata la potenza terrena – cioè il comandante romano Tito – a voler distruggere il tempio. Al contrario, come scrive Giuseppe Flavio, Tito diede alle sue truppe proprio l’ordine di non distruggere il tempio. Tuttavia, tutta questa guerra non è stata decisa a livello terreno.

Era stato Dio Onnipotente a decidere che sia la città che il tempio dovessero essere distrutti. Forse per la prima volta in vita sua Tito sperimentò così il rifiuto dei legionari romani di eseguire un ordine del loro comandante prendendo d’assalto il tempio e bruciandolo.
Ora dobbiamo chiederci obiettivamente se questa affermazione, che la distruzione di Gerusalemme e del tempio era la volontà di Dio, è confermata anche nella Bibbia. E qui, in Luca 19,41-44, abbiamo per la prima volta il lamento del Figlio di Dio riguardante Gerusalemme:

Non lasceranno in te pietra su pietra, perché tu non hai conosciuto il tempo nel quale sei stata visitata.

Luca 19,41 Quando fu vicino, vedendo la città, pianse su di essa, dicendo: 19,42 «Oh se tu sapessi, almeno oggi, ciò che occorre per la tua pace! Ma ora è nascosto ai tuoi occhi. 19,43 Poiché verranno su di te dei giorni nei quali i tuoi nemici ti faranno attorno delle trincee, ti accerchieranno e ti stringeranno da ogni parte; 19,44 abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché tu non hai conosciuto il tempo nel quale sei stata visitata». Luca 19,41-44;


Qui il Signore in Luca 9,43 non solo ha profetizzato le "trincee", cioè l’alta muraglia che Tito fece costruire per assediare Gerusalemme, ma ha anche fatto notare che gli assedianti della città non lasceranno una pietra su un’altra, cosa che lo storico Giuseppe Flavio ha confermato poi anche con le parole: "la città fu rasa al suolo" (vedi sopra).

In riferimento al tempio in Mat 24,1-2 troviamo poi la profezia della sua distruzione nella risposta del Signore alle parole di ammirazione dei discepoli sulla gloria del tempio:

Non sarà lasciata qui pietra su pietra che non sia diroccata.

Mat 24,1 Mentre Gesù usciva dal tempio e se ne andava, i suoi discepoli gli si avvicinarono per fargli osservare gli edifici del tempio. 24,2 Ma egli rispose loro: «Vedete tutte queste cose? Io vi dico in verità: Non sarà lasciata qui pietra su pietra che non sia diroccata». Mat 24, 1– 2;


Queste sono solo le profezie di quegli eventi che si verificarono effettivamente circa 40 anni dopo. Ma con questo non sappiamo ancora perché Dio abbia deciso la distruzione di questa città e del tempio. Osservando attentamente un’altra affermazione del Signore, a prima vista poco significativa, riconosciamo delle connessioni piuttosto inaspettate.

In Giov 8,24, il Signore disse ai farisei che lo accusavano di avere solo se stesso come testimone della sua affermazione di essere il Figlio di Dio, ma la legge ebraica richiedeva almeno due testimoni e quindi la sua testimonianza non è vera:

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;


Nel testo biblico menzionato sopra, sia in Giov 8,21 che in Giov 8,24, il Signore fa riferimento alla profezia : "morirete nei vostri peccati". Per i farisei a cui lo disse, fu proprio questa stessa affermazione un’ulteriore prova che questo Gesù di Nazareth stava diffondendo solo menzogne e non conosceva i comandamenti mosaici.

Dopotutto, avevano ancora le cerimonie sacrificali prescritte dalla Legge (la Torah) per il sacrificio del peccato e quello della colpa, i quali potevano liberarli dai loro peccati. E in più, avevano il "tamid", il sacrificio quotidiano e costante nel tempio, attraverso il quale Dio concede loro il perdono permanente dei peccati perdonabili.

Né i farisei di allora né la maggior parte degli esegeti di oggi hanno riconosciuto la terribile serietà che sta alla base di queste poche parole. È proprio qui che abbiamo la chiave per comprendere l’azione di Dio sul suo popolo d’Israele.

Basta un esame superficiale per comprendere che naturalmente non era il Signore ad essere inconsapevole, ma che, in verità, i farisei non avevano la minima idea che 40 anni dopo non sarebbero esistiti né il tempio né l’altare per i sacerdoti quindi non sarebbe più stato possibile eseguire le previste offerte sacrificali sull’altare sacrificale nel tempio.

La conseguenza di ciò fu che dalla distruzione del tempio e dell’altare sacrificale – e fino ad oggi (!) – tutti gli israeliti non hanno avuto alcuna possibilità di remissione dei peccati e sono morti nei loro peccati come il Signore aveva profetizzato. E sia secondo la dottrina di Mosè che secondo quella cristiana tutta questa moltitudine di persone è perduta e trascorrerà l’eternità nella dannazione.

Se poi andiamo più in profondità nella nostra riflessione, riconosciamo un retroscena ancora più serio. Mentre molti israeliti al tempo di Gesù con il loro rifiuto del Nazareno ritenevano di essere completamente in linea con la legge mosaica e con i comandamenti del loro Dio, in realtà avevano abbandonato proprio questa strada. Il Sinedrio ebraico, sotto la guida del suo sommo sacerdote Caifa, aveva condannato Gesù perché aveva confermato loro di essere il Figlio di Dio:

Allora il sommo sacerdote stracciò le sue vesti, dicendo: Egli ha bestemmiato; Egli è reo di morte!

Mat 26,63 Ma Gesù taceva. E il sommo sacerdote replicò dicendo: «Io ti scongiuro per il Dio vivente di dirci se sei il Cristo (Messia), il Figlio di Dio». 26,64 Gesù gli disse: «Tu l’hai detto! Anzi io vi dico che in avvenire voi vedrete il Figlio dell’uomo sedere alla destra della Potenza, e venire sulle nuvole del cielo». 26,65 Allora il sommo sacerdote stracciò le sue vesti, dicendo: «Egli ha bestemmiato; quale bisogno abbiamo più di testimoni? Ecco, ora avete udito la sua bestemmia. 26,66 Che ve ne pare?». Ed essi, rispondendo, dissero: «Egli è reo di morte!». Mat 26,63–66;


Lo avevano giudicato reo di morte perché diceva di essere il Figlio di Dio. Tuttavia, al Sinedrio – la guida religiosa di Israele – in base alle leggi della potenza occupante romana non era permesso di eseguire pene di morte, ma doveva trasferire questi casi alla giurisdizione romana.
Per i romani, tuttavia, le dispute interne degli ebrei sulla loro religione non costituivano il presupposto di una pena e ancor meno di una pena di morte. Pertanto, il Sinedrio ebraico diffuse l’accusa che questo Gesù avesse detto di essere il Re dei Giudei (Giov 18:33-35). In questo modo la giurisdizione romana trasferiva la fattispecie di reato di sovversione e attacco all’autorità dell’imperatore di Roma, per il quale, in base al diritto romano, era prevista la morte in croce (Giov 19:12).

Ma negando questo Gesù come loro Messia, con la sua condanna a morte e con la sua consegna ai romani per la crocefissione, i Giudei avevano anche rinnegato – e perduto il loro Dio.

Chiunque nega il Figlio, non ha neanche il Padre; chi riconosce il Figlio, ha anche il Padre.

1Gio 2,22 Chi è il mendace, se non colui che nega che Gesù è il Cristo? Costui è l’anticristo, che nega il Padre e il Figlio. 2,23 Chiunque nega il Figlio, non ha neanche il Padre; chi riconosce il Figlio, ha anche il Padre. 2,24 Quanto a voi dunque, dimori in voi ciò che avete udito dal principio; se ciò che avete udito dal principio dimora in voi, anche voi dimorerete nel Figlio e nel Padre. 1Gio 2,22–24;

Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

Giov 14,6 Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Giov 14,6;

Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.

Giov 5,22 Poiché il Padre non giudica nessuno, ma ha dato tutto il giudizio al Figlio, 23 affinché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre; chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. Giov 5,22–23;

Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita.

1Gio 5,10 Chi crede nel Figlio di Dio ha questa testimonianza in sé; chi non crede a Dio, lo ha fatto bugiardo, perché non ha creduto alla testimonianza che Dio ha reso circa suo Figlio. 5,11 E la testimonianza è questa: Dio ci ha dato la vita eterna, e questa vita è nel suo Figlio. 5,12 Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita. 1Gio 5,10–12;

Insieme ad altre indicazioni bibliche, anche le profezie di cui sopra costituiscono una prova del fatto che da questo momento in poi Israele ha perso ogni legame con il suo Dio ed è perciò “ateo”, cioè “senzaDio”, in entrambi i sensi.

Hanno abbandonato l’Eterno, hanno disprezzato il Santo d’Israele.

Isa 1,2 Udite, o cieli, e ascolta, o terra, perché l’Eterno ha parlato: «Ho allevato dei figli e li ho fatti crescere, ma essi si sono ribellati contro di me. 1,3 Il bue riconosce il suo proprietario e l’asino la mangiatoia del suo padrone, ma Israele non ha conoscenza e il mio popolo non ha intendimento». 1,4 Guai, nazione peccatrice, popolo carico di iniquità, razza di malfattori, figli che operano perversamente! Hanno abbandonato l’Eterno, hanno disprezzato il Santo d’Israele, si sono sviati e voltati indietro. 1,5 Perché volete essere ulteriormente colpiti? Vi ribellereste ancor di più. Tutto il capo è malato, tutto il cuore langue. Isa 1,2–5;




Israele è senza Dio da duemila anni.

E qui vediamo ora il motivo per cui Dio fece distruggere la città e il tempio di Gerusalemme dai Romani: dopo l’uccisione di suo figlio sulla croce, Dio ha abbandonato il tempio, la città e il popolo d’Israele. Nel seguente racconto tratto da Mat 27,45-51, relativo alla morte di Gesù in croce, troviamo due riferimenti concreti a questo proposito.

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo.

Mat 27,45 Dall’ora sesta fino all’ora nona si fecero tenebre su tutto il paese. 27,46 Verso l’ora nona, Gesù gridò con gran voce dicendo: «Elì, Elì, lammà sabactanì?». Cioè: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». 27,47 E alcuni fra i presenti, udito questo, dicevano: «Costui chiama Elia». 27,48 E in quell’istante uno di loro corse, prese una spugna, l’inzuppò d’aceto e, infilatala in cima ad una canna, gli diede da bere. 27,49 Ma gli altri dicevano: «Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo». 27,50 E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rese lo spirito. 27,51 Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo; la terra tremò e le rocce si spaccarono; Mat 27,45–51;


Le ultime parole del Signore sulla croce furono: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Si tratta di quel momento in cui il peccato del mondo intero fu fatto ricadere sul Figlio di Dio e lo Spirito Santo del Padre dovette lasciare il Figlio perché non poteva rimanere in un corpo con un peccato non perdonato.

Da un lato, questo era l’evento per la cui realizzazione il Figlio di Dio era venuto nel mondo: offrire il sacrificio vicario gradito a Dio per i peccati di tutti gli esseri umani.

Ma, d’altra parte, questo grido di morte era una profezia per gli ebrei, che da questo momento in poi si trovarono esattamente in questa situazione. Come il loro Messia aveva profetizzato loro: "se non credete che io sono, morirete nei vostri peccati" (Giov 8,24), non avevano più la remissione dei loro peccati, perché Dio li aveva abbandonati.

E anche il fatto che il velo del tempio, altrimenti sempre tenuto chiuso, sia stato strappato in due dall’alto verso il basso, ha il suo significato, se si sa che questo velo separava le due stanze – quella del Santo, il vestibolo, e quella del Santo dei Santi in cui dimorava Dio (Es 26,33). Questa era la prova che Dio aveva lasciato il tempio e che il popolo d’Israele, diventato l’assassino di suo Figlio, era ormai senza Dio.

E anche questo era stato profetizzato loro dal Signore quando era ancora in vita:

Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"

Mat 23,32 Voi superate la misura dei vostri padri! 23,33 Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete al giudizio della Geenna? 23,34 Perciò, ecco io vi mando dei profeti, dei savi e degli scribi; di loro ne ucciderete e crocifiggerete alcuni, altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città, 23,35 affinché ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia, che uccideste fra il tempio e l’altare.

23,36 In verità vi dico che tutte queste cose ricadranno su questa generazione. 23,37 Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che ti sono mandati! Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! 23,38 Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta. 23,39 Poiché io vi dico, che da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"». Mat 23,32–39;


Da un punto di vista biblico, dunque, il popolo d’Israele – dopo il suo rifiuto del Messia e a seguito della distruzione del tempio e quindi dell’altare sacrificale a Gerusalemme, nel periodo tra la morte e la risurrezione del Signore fino al suo Ritorno per assumere il suo governo nel Regno Millenario della Pace – non ha più la possibilità di avere un’interazione con il suo Dio, né attraverso la preghiera nè attraverso le offerte.

Quindi non hanno neanche la remissione dei peccati, a meno che non si convertano a Gesù Cristo – diventando in questo modo cristiani. Come possiamo vedere, da questo momento in poi gli Israeliti sono un popolo senza Dio. Sono passati dall’essere "grano" all’essere erbaccia – per esprimerlo in modo comprensibile anche nella lingua dei calvinisti.

Ma Dio, con la sua misericordia, ha dato anche a loro la possibilità che ha offerto a tutti gli uomini di questo mondo: la fede in suo Figlio. Questa è la "buona notizia", l’euangelion: non c’è uomo al mondo escluso da questa offerta di Dio. Credete in Gesù Cristo come vostro Redentore e sarete salvati.

Il regno di Dio vi sarà tolto e sarà dato a una gente che lo farà fruttificare.

Mat 21,42 Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: "La pietra che gli edificatori hanno rigettata è divenuta la testata d’angolo. Questa è opera del Signore, ed è meravigliosa agli occhi nostri"? 21,43 Perciò io vi dico che il regno di Dio vi sarà tolto e sarà dato a una gente che lo farà fruttificare. 21,44 E chi cadrà su questa pietra sarà sfracellato; e colui sul quale essa cadrà sarà stritolato». Mat 21,42–44;

I figli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori.

Mat 8,11 Or io vi dico, che molti verranno da levante e da ponente e sederanno a tavola con Abraamo, con Isacco e con Giacobbe, nel regno dei cieli. 8,12 Ma i figli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori. Lì sarà il pianto e lo stridor di denti». Mat 8,11–12;

Vi sono alcuni fra gli ultimi che saranno i primi, e alcuni fra i primi che saranno gli ultimi».

Luca 13,25 Una volta che il padrone di casa si è alzato ed ha chiuso la porta, voi allora, stando di fuori, comincerete a bussare alla porta dicendo: "Signore, Signore, aprici". Ma egli, rispondendo, vi dirà: "Io non so da dove venite". 13,26 Allora comincerete a dire: "Noi abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza, e tu hai insegnato nelle nostre piazze". 13,27 Ma egli dirà: "Io vi dico che non so da dove venite; via da me voi tutti operatori d’iniquità". 13,28 Lì sarà pianto e stridor di denti, quando vedrete Abraamo, Isacco, Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, mentre voi ne sarete cacciati fuori. 13,29 Ne verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno, e sederanno a tavola nel regno di Dio. 13,30 Ed ecco, vi sono alcuni fra gli ultimi che saranno i primi, e alcuni fra i primi che saranno gli ultimi». Luca 13,25–30;

Mat 19,29 E chiunque ha lasciato casa, fratelli, sorelle, padre, madre, moglie, figli o campi per amore del mio nome, ne riceverà il centuplo ed erediterà la vita eterna. 19,30 Ma molti primi saranno ultimi e molti ultimi saranno primi». Mat 19,29–30;


E non c’è nemmeno un limite di tempo. Questo vangelo, la buona notizia della salvezza per grazia, fu annunciato dopo la morte del Figlio di Dio persino a coloro che erano morti fino a quel momento. Dopotutto, non potevano sapere nulla di questo sacrilegio degli Israeliti e del conseguente cambiamento di paradigma nella religione mosaica che ne è derivato, dal momento che erano morti prima. Nel regno dei morti il Signore, dopo la sua morte, risuscitò gli spiriti dei defunti per un breve periodo (3 giorni) e offrì anche a loro questa scelta.

Era pure disceso nelle parti più basse della terra.

Efes 4,8 Per la qual cosa la Scrittura dice: «Essendo salito in alto, egli ha condotto prigioniera la prigionia e ha dato dei doni agli uomini». 4,9 Or questo: «È salito» che cosa vuol dire se non che prima era pure disceso nelle parti più basse della terra? 4,10 Colui che è disceso è lo stesso che è anche salito al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose. Efes 4, 8–10;

È stato predicato l’evangelo anche ai morti.

1Piet 4,6 Per questo infatti è stato predicato l’evangelo anche ai morti, affinché fossero giudicati nella carne secondo gli uomini, ma vivessero nello spirito secondo Dio. 1Piet 4, 6;

Il Cristo risuscitasse dai morti il terzo giorno.

Luca 24,45 Allora aprì loro la mente, perché comprendessero le Scritture, 24,46 e disse loro: «Così sta scritto, e così era necessario che il Cristo soffrisse e risuscitasse dai morti il terzo giorno. Luca 24,45–46;


Ma come sembra oggi, tutto questo – almeno per quanto riguarda gli Israeliti viventi – è stato un vano sforzo d’amore. Tutt’ora si rifiutano di credere in questo Gesù come loro Messia e Figlio di Dio, e da duemila anni lo considerano un impostore e un blasfemo. E così, da duemila anni non ricevono più perdono per i loro peccati e di conseguenza sono morti nei loro peccati.

A meno che non siano giunti a credere in nostro Signore Gesù Cristo, saranno da lui condannati nel Giudizio Universale e andranno in perdizione. E questo vale nella stessa misura per tutti i futuri ebrei che ancora nasceranno fino all’inizio del Millennio, il Regno Millenario della Pace del Figlio di Dio.

Con la morte di suo figlio sulla croce (nel 32 d.C. circa), Dio ha lasciato il tempio di Gerusalemme – e con esso il popolo d’Israele – ha fatto distruggere la città e il tempio dai Romani (70 d.C.) e infine ha fatto scacciare gli Israeliti dal loro paese nella diaspora (nel 132 d.C.).

Il movimento sionista fondato da Theodor Herzl poi, dopo la seconda guerra mondiale (1948), istituì lo Stato di Israele e in circostanze difficilissime portò in Palestina una parte degli ebrei di tutto il mondo. Questa immigrazione, chiamata dagli ebrei "Aliyah"1), viene ancora oggi venduta al mondo dai sionisti come il "ritorno del popolo di Dio nel suo paese" profetizzato nella Scrittura.

E dopo che i Giudei, duemila anni fa, avevano fatto crocifiggere dai Romani come impostore e blasfemo il loro vero Messia, Gesù di Nazareth , ancora oggi aspettano l’"Unto". E il diavolo, che governa questo mondo, presto presenterà loro un "Messia". Un falso Messia, cioè l’Anticristo profetizzato nella Scrittura.

Egli poi dirà di essere il "vero" Messia, chiamerà il vero Messia, Gesù di Nazareth, bugiardo e ingannatore, e sarà così accolto con gioia e ammirazione dagli ebrei. E anche se difficilmente potrà presentarsi come Gesù "il ritornato", con ogni probabilità sarà accettato anche dalla chiesa cattolica.

E nonostante la stragrande maggioranza dell’attuale popolazione di Israele sia di fatto atea, i pochi ebrei di fede mosaica rimasti ricostruiranno il tempio negli Ultimi Tempi. Ma la maledizione dell’empietà rimarrà sul popolo d’Israele, finché non tornerà colui che hanno trafitto e faranno cordoglio per lui.

Ecco, egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà, anche quelli che lo hanno trafitto; e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui.

Apoc 1,4 Giovanni, alle sette chiese che sono nell’Asia: grazia a voi e pace da colui che è, che era e che ha da venire, e dai sette spiriti che sono davanti al suo trono, 1,5 e da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dai morti e il Principe dei re della terra. A lui, che ci ha amati, ci ha lavati dai nostri peccati nel suo sangue, 1,6 e ci ha fatti re e sacerdoti per Dio e Padre suo, a lui sia la gloria e il dominio nei secoli dei secoli. Amen. 1,7 Ecco, egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà, anche quelli che lo hanno trafitto; e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Sì, amen. 1,8 «Io sono l’Alfa e l’Omega, il principio e la fine», dice il Signore «che è, che era e che ha da venire, l’Onnipotente». Apoc 1, 4– 8;

Guarderanno a me, a colui che hanno trafitto; faranno quindi cordoglio per lui, come si fa cordoglio per un figlio unico.

Zac 12,10 «Riverserò sulla casa di Davide e sugli abitanti di Gerusalemme lo Spirito di grazia e di supplicazione; ed essi guarderanno a me, a colui che hanno trafitto; faranno quindi cordoglio per lui, come si fa cordoglio per un figlio unico, e saranno grandemente addolorati per lui, come si è grandemente addolorati per un primogenito. 12,11 In quel giorno ci sarà un grande cordoglio in Gerusalemme, simile al cordoglio di Hadad–rimmon nella valle di Meghiddo. Zac 12,10–11;

E il paese farà cordoglio tutte le famiglie rimaste della casa di Davide.

Zac 12,12 E il paese farà cordoglio, ogni famiglia da sé: la famiglia della casa di Davide da sé, e le loro mogli da sé; la famiglia della casa di Nathan da sé, e le loro mogli da sé; 12,13 la famiglia della casa di Levi da sé, e le loro mogli da sé; la famiglia di Scimei da sé, e le loro mogli da sé; 12,14 tutte le famiglie rimaste ognuna da sé, e le loro mogli da sé». Zac 12,12–14;


Questo è dunque l’inizio del Regno Millenario della Pace del Figlio di Dio sulla terra. Gli Israeliti che rimarranno in seguito alle catastrofi degli Ultimi Tempi si convertiranno a Gesù, il loro Messia, e anche molti uomini dei popoli pagani diranno: "Noi vogliamo venire con voi perché abbiamo udito che Dio è con voi".

In quei giorni dieci uomini afferreranno un Giudeo e diranno: "Noi vogliamo venire con voi perché abbiamo udito che DIO è con voi

Zac 8,20 Così dice l’Eterno degli eserciti: «Verranno ancora popoli e abitanti di molte città; 8,21 gli abitanti di una città andranno da quelli dell’altra, dicendo: "Andiamo subito a supplicare la faccia dell’Eterno e a cercare l’Eterno degli eserciti. Ci andrò anch’io". 8,22 Sì, molti popoli e nazioni potenti verranno a cercare l’Eterno degli eserciti a Gerusalemme e a supplicare la faccia dell’Eterno». 8,23 Così dice l’Eterno degli eserciti: «In quei giorni dieci uomini di tutte le lingue delle nazioni afferreranno un Giudeo per il lembo della veste e diranno: "Noi vogliamo venire con voi perché abbiamo udito che DIO è con voi"». Zac 8,20–23;


Insieme ricostruiranno il tempio, distrutto ancora una volta – una terza volta – durante la trasformazione del cielo e della terra e le catastrofi degli Ultimi Tempi, e Dio istaurerà di nuovo la sua dimora nel Santo dei Santi del tempio.

Anche quelli che sono lontani verranno per aiutare a costruire il tempio dell’Eterno.

Zac 6,15 Anche quelli che sono lontani verranno per aiutare a costruire il tempio dell’Eterno; allora riconoscerete che l’Eterno degli eserciti mi ha mandato a voi. Questo avverrà se obbedirete diligentemente alla voce dell’Eterno, il vostro DIO». Zac 6,15;

La gloria di questa casa sarà più grande di quella della casa precedente.

Agg 2,6 Così infatti parla il SIGNORE degli eserciti: "Ancora una volta, fra poco, io farò tremare i cieli e la terra, il mare e l’asciutto; 2,7 farò tremare tutte le nazioni, le cose più preziose di tutte le nazioni affluiranno e io riempirò di gloria questa casa", dice il SIGNORE degli eserciti. 2,8 "Mio è l’argento e mio è l’oro", dice il SIGNORE degli eserciti. 2,9 "La gloria di questa casa sarà più grande di quella della casa precedente", dice il SIGNORE degli eserciti. "In questo luogo io darò la pace", dice il SIGNORE degli eserciti». Agg 2,6–9;

(Vedi anche Capitolo 08: "La trasformazione del cielo e della terra.")


In questo momento, all’inizio del Millennio, tutti i cristiani saranno già stati risvegliati dai morti, al momento del Rapimento e rapiti in cielo insieme al Signore, così sulla terra resteranno solo più uomini senza Dio. Ma dopo che Dio nella sua ira avrà mostrato la sua potenza e la sua forza nelle catastrofi degli Ultimi Tempi, molti dei senza Dio di Israele e del mondo intero riconosceranno ora anche il loro errore fatale e si convertiranno a lui e a suo Figlio Gesù Cristo, l’attuale sovrano del mondo.

Tuttavia, non tutti gli uomini si convertiranno a Dio nel Millennio. Dopo che Satana sarà di nuovo liberato per un breve periodo alla fine del Millennio per mettere alla prova gli uomini anche durante gli Ultimi Tempi, moltissimi si lasceranno di nuovo sedurre da lui al punto che poi, quando avrà luogo l’Ultima Guerra con Satana, gli uomini lo seguiranno "come la sabbia del mare" e saranno annientati insieme al diavolo in questa guerra.

Satana uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle alla battaglia.

Apoc 20,7 Quando i mille anni saranno trascorsi, Satana sarà sciolto dalla sua prigione 20,8 e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarle alla battaglia: il loro numero è come la sabbia del mare. 20,9 E salirono sulla superficie della terra e assediarono il campo dei santi e la città diletta; ma un fuoco dal cielo discese e le divorò. 20,10 E il diavolo che le aveva sedotte fu gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli. Apoc 20, 7–10;

(Vedi anche Capitolo 11: "La fine del mondo.")


Come possiamo vedere qui, non c’e costrizioni nel Millennio, piutosto lì le persone possono decidere liberamente se vogliono ascoltare Dio o Satana. Questo viene sempre interpretato male in alcune denominazioni. Come nell’Islam ai kamikaze viene promesso un posto in paradiso e 72 vergini, così i testimoni di Geova insegnano, per esempio, che nel Millennio ci sarebbero solo credenti – ovviamente di testimoni di Geova. Basta studiare la Bibbia con attenzione per accorgersi che si tratta di falsi insegnamenti.




Il cristianesimo biblico.

Come già spiegato nel Discorso 131, la fede cristiana non è una religione. "Religione" deriva dalla parola latina "religio" e ha diversi significati. Secondo Cicerone il termine "religione" significa: "l’osservanza scrupolosa di regole tramandate". E qui abbiamo il significato più profondo di una religione, e quindi di tutte le religioni del mondo: un rito concepito e osservato dall’uomo, cioè l’uomo deve agire (ad esempio, facendo sacrifici o compiendo determinate azioni) e in cambio si aspetta un privilegio di qualche tipo.

La fede cristiana è proprio il contrario: Dio stesso interviene (1Giov 4:10) e manda suo Figlio, che secondo la volontà del Padre (Luc 22:42) è andato a morte come sacrificio per i peccati degli uomini (Gal 1:4). L’uomo deve solo accettare questo sacrificio nello Spirito come se fosse stato offerto per i propri peccati e invocarlo davanti al Padre nella preghiera. In questo modo egli è liberato dal peccato e può stare di nuovo davanti a Dio come uomo giusto e pregare per lo Spirito Santo (Luc 11:13).

(Vedi anche Discorso 51: "Ricevere lo Spirito Santo – come avviene?" [non ancora disponibile in Italiano, leggi in tedesco / leggi in inglese])


Secondo la fede biblico–cristiana c’è un solo Dio. E quindi può esserci una sola religione. Questa religione era la religione abramo‒mosaica. Sia Abramo che Mosè avevano un contatto diretto con questo uno e unico Dio. Di conseguenza, tutte le altre religioni di questo mondo sono invenzioni umane e non hanno alcun significato.

La religione abramo–mosaica era una religione destinata esclusivamente al popolo d’Israele e a tutti quei non Israeliti che volevano convertirsi alla fede mosaica, osservarne i comandamenti e farsi circoncidere. Tutte le altre religioni di questo mondo hanno più o meno adottato questo sistema di regole e comandamenti, ma senza conoscerne i contenuti spirituali e soprattutto senza conoscerne lo sviluppo più recente.

E questo vale anche per gli ebrei. Essi conoscono certamente questo recente sviluppo della loro fede mosaica, la "Nuova Alleanza", ma si sono fatalmente rifiutati di accettarla. In questo modo hanno rotto la loro Vecchia Alleanza con Dio. Perciò Dio ha sciolto questa alleanza e li ha abbandonati duemila anni fa (Luca 16:16; Mat 27:50-51). Ma come spesso accade, gli ebrei pensano di poter semplicemente ignorare il fatto che il loro Dio li abbia abbandonati e continuare come se nulla fosse accaduto.

Questa era la loro tattica già tremila anni fa, quando Mosè era con Dio sul monte Oreb e loro pensavano che non sarebbe più tornato. Lo ignorarono, si costruirono un vitello d’oro e semplicemente lo adorarono.

E così è anche oggi. La Bibbia profetizza che il popolo di Israele sarà di nuovo riunito dal suo Dio da tutto il mondo, ovunque Dio lo abbia disperso dopo che gli israeliti avevano rotto l’alleanza con lui (diaspora). Ma, secondo gli ebrei, ci sarebbe voluto troppo tempo. Così si sono riuniti sotto la guida di Theodor Herzl e dei suoi sionisti e hanno rioccupato il paese d’Israele con attentati e omicidi, senza che Dio abbia mai chiesto loro di farlo e, tanto meno, li abbia condotti a farlo, come dice la Bibbia (Os 1:7).

E così nel 1948 nasce lo Stato di Israele, il nuovo "vitello d’oro" degli ebrei. Se ci fosse bisogno di un’altra prova del fatto che Dio abbia abbandonato Israele, questa sarebbe la prova migliore. Ma è anche la prova che Dio ha sciolto l’alleanza con Israele e di conseguenza anche la religione mosaica, che si basa su questa alleanza, non è più valida. Qui, naturalmente, sarebbe giusto chiedersi se una dichiarazione così grave sia effettivamente sostenuta dalla Bibbia. Questo è proprio ciò che deve essere dimostrato in seguito.

Come già spiegato sopra, Dio mandò suo Figlio prima alle "pecore perdute della casa d’Israele", affinché egli, in quanto loro Messia, compisse le profezie e stabilisse il "regno", il Regno Millenario della Pace. Ma gli ebrei lo respinsero e lo condannarono a morte sulla croce. Se gli ebrei lo avessero accettato, la storia del mondo avrebbe avuto un corso completamente diverso.

Ma non lo accettarono (Giov 5:43) cambiando così completamente il loro destino e il corso di questo mondo. Uno di questi cambiamenti è stata la decisione di Dio di abbandonare il tempio in Israele e il popolo d’Israele (Mat 27:50-51) e di sciogliere la Vecchia Alleanza (Ebr 8:7-9). Ma non sarebbe il nostro onnipotente e misericordioso Dio e Padre nei cieli, se con questa giusta decisione non avesse creato anche una possibilità di salvezza.

Non solo la salvezza degli ebrei, questa volta, ma la salvezza di tutti gli esseri umani. Il problema di fondo di ogni persona era ed è l’incapacità di osservare i comandamenti di Dio nella loro totalità. Attraverso la fede debole (Luca 17:6) cediamo continuamente alle tentazioni di Satana. Ma l’inosservanza dei comandamenti di Dio è peccato e il peccato è punito con la morte (Rom 6:23).

(Vedi anche Excursus 08: "La prima e la seconda morte.")


Anche se questa non è la prima morte, quella fisica, ma la cosiddetta "seconda morte" (Apoc 21:8), cioè la condanna alla dannazione eterna al momento del Giudizio Universale. E qui, per non dover condannare tutti gli esseri umani in una volta sola, nella vecchia religione mosaica Dio ha ordinato al posto della morte dell’essere umano peccatore, la morte vicaria di animali, come, ad esempio, il sacrificio di agnelli innocenti di un anno (agnello sacrificale) per espiare il peccato degli esseri umani.

Ma quando i Giudei respinsero suo Figlio, Dio compì la profezia che dice:

Ecco, io ho posto come fondamento in Sion una pietra, una pietra provata, una pietra angolare preziosa, un fondamento solido.

Isa 28,16 Perciò così parla il Signore, DIO: «Ecco, io ho posto come fondamento in Sion una pietra, una pietra provata, una pietra angolare preziosa, un fondamento solido; chi confiderà in essa non avrà fretta di fuggire. Isa 28,16;

La pietra che i costruttori avevano disprezzata è divenuta la pietra angolare.

Salmi 118,22 La pietra che i costruttori avevano disprezzata è divenuta la pietra angolare. 118,23 Questa è opera del SIGNORE, è cosa meravigliosa agli occhi nostri. Salmi 118,22–23;


I costruttori, gli scribi ebrei e la congregazione religiosa della fede mosaica rifiutarono la pietra, il loro Messia, e così Dio ne fece la pietra angolare, cioè quella pietra delle fondamenta che sorregge e tiene insieme l’intero edificio. E sebbene gli scribi ebrei conoscessero benissimo la Torah e tutte le scritture, evidentemente non avevano compreso il significato di questa profezia (Mat 5:17).

Così si è arrivati a questo cambiamento di paradigma nella fede nell’uno e unico Dio. La vecchia fede mosaica era stata abolita, non era più in grado di perdonare i peccati. E anche questo disse loro nostro Signore Gesù Cristo, ma ormai non lo volevano più capire:

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;


Wer in seinen Sünden – also ohne Sündenvergebung – stirbt, wird beim Letzten Gericht zur ewigen Verdammnis verurteilt. Und genau das ist das Schicksal aller Juden, der Söhne des Reichs, denen das Reich genommen und einem anderen Volk gegeben wurde, das seine Früchte bringt.

Ma i figli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori. Là ci sarà pianto e stridor di denti.

Mat 8,11 E io vi dico che molti verranno da Oriente e da Occidente e si metteranno a tavola con Abraamo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli, 8,12 ma i figli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori. Là ci sarà pianto e stridor di denti». Mat 8,11–12;


Il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti.

Mat 21,33 «Udite un’altra parabola: C’era un padrone di casa, il quale piantò una vigna, le fece attorno una siepe, vi scavò una buca per pigiare l’uva e vi costruì una torre; poi l’affittò a dei vignaiuoli e se ne andò in viaggio. 21,34 Quando fu vicina la stagione dei frutti, mandò i suoi servi dai vignaiuoli per ricevere i frutti della vigna. 21,35 Ma i vignaiuoli presero i servi e ne picchiarono uno, ne uccisero un altro e un altro lo lapidarono. 21,36 Da capo mandò degli altri servi, in numero maggiore dei primi; ma quelli li trattarono allo stesso modo.

21,37 Finalmente, mandò loro suo figlio, dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio". 21,38 Ma i vignaiuoli, veduto il figlio, dissero tra di loro: "Costui è l’erede; venite, uccidiamolo, e facciamo nostra la sua eredità". 21,39 Lo presero, lo cacciarono fuori della vigna e l’uccisero.

21,40 Quando verrà il padrone della vigna, che farà a quei vignaiuoli?» 21,41 Essi gli risposero: «Li farà perire malamente, quei malvagi, e affiderà la vigna ad altri vignaiuoli i quali gliene renderanno il frutto a suo tempo». 21,42 Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: "La pietra che i costruttori hanno rifiutata è diventata pietra angolare; ciò è stato fatto dal Signore, ed è cosa meravigliosa agli occhi nostri"?

21,43 Perciò vi dico che il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti. 21,44 Chi cadrà su questa pietra sarà sfracellato; ed essa stritolerà colui sul quale cadrà».

21,45 I capi dei sacerdoti e i farisei, udite le sue parabole, capirono che parlava di loro; 21,46 e cercavano di prenderlo, ma ebbero paura della folla, che lo riteneva un profeta. Mat 21,33–46;



Wie man sieht, sitzen die Juden zwischen zwei Stühlen: im mosaischen Glauben des Alten Bundes können sie keine Sünden mehr vergeben bekommen. Nicht nur, weil dieser Bund von Gott aufgelöst wurde, sondern auch, weil die Sündopfer nur am Brandopferaltar im Tempel in Jerusalem – und nur dort (Deut 12:13-14)! – erbracht werden dürfen. Doch dieser Tempel und der Brandopferaltar wurden vor zweitausend Jahren zerstört (Luca 21:5-6).

Andererseits kann die Sündenvergebung im Neuen Bund des christlichen Glaubens nur im Glauben an das stellvertretende Loskaufopfer des Sohnes Gottes am Kreuz für die Sünden aller Menschen erlangt werden. Und das lehnen die Juden ab.

Daher hat ihnen der Herr oben, in Giov 8,24 auch gesagt: "Wenn ihr nicht glauben werdet, dass ich es (der Messias) bin, so werdet ihr in euren Sünden sterben." Und wer in seinen Sünden sterben muss, der hat keine Vergebung für seine Sünden und wird beim Letzten Gericht zur ewigen Verdammnis verurteilt.

Allerdings wäre es nun ein Fehler – dem leider einige christliche Denominationen erliegen – zu glauben, dass damit der mosaische Glaube und Israel von Gott auf ewig verworfen wäre. Diese Gott‒losigkeit des Volkes Israel geht vom Tod des Sohnes Gottes, als der Vater den Tempel verlassen hat, bis zum Beginn des Millenniums, wenn sich der übrig gebliebene Rest der Israeliten wieder zu ihrem Gott und seinem Sohn Jesus den Christus (den Messias) bekehren.

Wer die Bibel kennt, weiß daher, dass das Christentum nur ein "Einschub" in der Geschichte Gottes mit Israel ist. Im Millennium wird sich der Rest Israels zu Jesus Christus bekehren, Gott wird ihnen ihren König David auferwecken (Ger 30:8-9) und Israel wird zum "Haupt der Nationen" (Ger 31:6-8) in den tausend Jahren des Friedensreiches des Sohnes Gottes werden.

(Vedi anche Discorso 121: "Il cristianesimo: un inserimento nella storia di Dio con Israele." [non ancora disponibile in Italiano, leggi in tedesco / leggi in inglese])


Deshalb hat auch unser Herr Jesus Christus gesagt;

Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento.

Mat 5,17 «Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento. 5,18 Poiché in verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà senza che tutto sia adempiuto. 5,19 Chi dunque avrà violato uno di questi minimi comandamenti e avrà così insegnato agli uomini, sarà chiamato minimo nel regno dei cieli; ma chi li avrà messi in pratica e insegnati sarà chiamato grande nel regno dei cieli. 5,20 Poiché io vi dico che se la vostra giustizia non supera quella degli scribi e dei farisei, non entrerete affatto nel regno dei cieli. Mat 5,17–20;

(Vedi anche Discorso 131: "L’ebraismo e la sua visione di Gesù il Cristo (ebraico: maschiach, Messia / l’Unto).")


Für das Christentum gelten also genau die selben Gebote und Gesetze wie im mosaischen Glauben! Das ist es, was der Herr hier sagt. Der Sold der Sünde – also ungesühnte und unvergebene Nichtbeachtung der Gebote und Gesetze – ist noch immer der (zweite) Tod. Was sich jedoch geändert hat ist die Art der Sühne und der Vergebung.

War es im mosaischen Glauben ein Tier (Opferlamm), dass stellvertretend für den Menschen sein Leben lassen musste, ist es im christlichen Glauben der Sohn Gottes selbst, der sein Leben für die Sünder gegeben hat. Hatten die Juden viele Opfergesetze für die verschiedensten Sünden und Vergehen, so gilt im Christentum das eine Opfer des Sohnes Gottes für alle Sünder und alle Sünden, welche im Gesetz genannt sind.

Das ist der Neue Bund, das ist das Christentum. War im Alten Bund das Kennzeichen der Zugehörigkeit die Beschneidung, ist es im Neuen Bund der Glaube. Der Glaube an Jesus Christus und sein stellvertretendes Opfer am Kreuz für die Sünden der ganzen Welt. Wer es annehmen will, der hat Sündenvergebung und ist gerettet. Wer es nicht annehmen will, auf dem bleibt der Zorn Gottes und er geht in die Verdammnis.

Ein weiterer Unterschied zur mosaischen Religion ist – wie bereits weiter oben erwähnt –, dass der christliche Glaube eben keine Religion ist. Es ist eine Relation, eine Beziehung zu oder eine Verbindung mit Gott als unserem Vater im Himmel, der raumzeitlosen Dimension, in der Gott und seine Engel leben. Deshalb hat uns auch der Sohn Gottes gesagt:

Non chiamate nessuno sulla terra vostro padre, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è nei cieli.

Mat 23,9 Non chiamate nessuno sulla terra vostro padre, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è nei cieli. Mat 23,9;


Wir sollen also niemand auf Erden unseren Vater nennen, weil unser Vater im Himmel ist. – Damit ist aber auch klar, dass sämtliche katholischen Päpste, welche sich in schamloser Weise sogar "Heiliger Vater" nennen lassen – eine Bezeichnung, welche unser Herr Jesus Christus ausschließlich im Gebet für Gott verwendet hat (Giov 17:11) – allein schon aus diesem Grund in die Hölle fahren werden.

Die Mitglieder des Neuen Bundes erkennt man also daran, dass sie an Jesus Christus glauben. Sie sind Kinder – Söhne und Töchter – des lebendigen Gottes, der ihr Vater im Himmel ist. Und diese Beziehung, diese Verbindung ist geistiger Natur. Wie uns auch der Herr sagt:

Dio è Spirito; e quelli che l’adorano, bisogna che l’adorino in spirito e verità.

Giov 4,23 Ma l’ora viene, anzi è già venuta, che i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; poiché il Padre cerca tali adoratori. 4,24 Dio è Spirito; e quelli che l’adorano, bisogna che l’adorino in spirito e verità». Giov 4,23–24;


Im christlichen Glauben gibt es also keinen Ritus, keine Liturgie, keine "Messen", keine Priester, Bischöfe, Päpste usw. Und das biblische Christentum kennt auch keine "Gotteshäuser", wie die Kirchen, Moscheen oder Tempeln bei den Religionen. Denn der eine und einzige Gott hat uns gesagt:

"Il cielo è il mio trono, e la terra lo sgabello dei miei piedi. Quale casa mi costruirete."

Atti 7,48 L’Altissimo però non abita in edifici fatti da mano d’uomo, come dice il profeta: 7,49 "Il cielo è il mio trono, e la terra lo sgabello dei miei piedi. Quale casa mi costruirete, dice il Signore, o quale sarà il luogo del mio riposo? 7,50 Non ha la mia mano creato tutte queste cose?" Atti 7,48–50;


E Paolo ci scrive nella prima lettera ai Corinzi:

Non sapete che siete il tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?

1Cor 3,16 Non sapete che siete il tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? 3,17 Se uno guasta il tempio di Dio, Dio guasterà lui; poiché il tempio di Dio è santo; e questo tempio siete voi. 1Cor 3,16–17;


E infine il Figlio di Dio stesso ci spiega in che modo questo deve essere compreso:

Se uno mi ama, osserverà la mia parola; e il Padre mio l’amerà, e noi verremo da lui e dimoreremo presso di lui.

Giov 14,22 Giuda (non l’Iscariota) gli domandò: «Signore, come mai ti manifesterai a noi e non al mondo?» 14,23 Gesù gli rispose: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola; e il Padre mio l’amerà, e noi verremo da lui e dimoreremo presso di lui. 14,24 Chi non mi ama non osserva le mie parole; e la parola che voi udite non è mia, ma è del Padre che mi ha mandato.
14,25 Vi ho detto queste cose, stando ancora con voi; 14,26 ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto. Giov 14,22–26;


Così, per mezzo dello Spirito Santo in noi, anche il Padre e il Figlio dimoreranno in noi. E quindi noi (il nostro Spirito) siamo il tempio di Dio. Tutte queste altre invenzioni umane nelle religioni servono solo a impressionare il mondo materiale degli uomini, a vantarsi gli uni con gli altri. Tutto questo è un orrore per il Dio invisibile, che è spirito.

Religione è quando l'uomo cerca di raggiungere Dio. Nel cristianesimo biblico, Dio viene all'uomo. Dio è il nostro Santo Padre nei cieli e quindi attraverso lo Spirito Santo c'è in noi una relazione, un rapporto diretto e spirituale con l’uno e unico Dio.

Quando una persona è senza peccato - cioè deve prima pregare e chiedere il perdono dei suoi peccati nel nome del sacrificio redentore del Signore Gesù - ed è pronta a onorare la verità, allora entra in una stanza per non essere disturbata, chiude la porta, si siede e comincia a parlare nello Spirito con il proprio Padre che è nei cieli.

Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto.

Mat 6,5 «Quando pregate, non siate come gli ipocriti; poiché essi amano pregare stando in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle piazze (o al "Muro del pianto"!/FH) per essere visti dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno. 6,6 Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa. 6,7 Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole. 6,8 Non fate dunque come loro, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate. Mat 6, 5– 8;


Così, la vedeva anche Gottfried Daniel Pomacher, un predicatore revivalista dal Wuppertal quando disse:

Il cristianesimo non consiste nelle parole, ma nella potenza dello Spirito Santo nei credenti. Non quelli che suscitano apertamente ammirazione nei loro ascoltatori nelle preghiere con le invocazioni "Signore, Signore", ma quelli che a casa, nella loro stanzetta silenziosa e senza un solo ascoltatore, rivolgono le loro preghiere al Signore sono i veri pilastri della comunità.


Questo è l’unico modo in cui ogni persona può parlare (pregare) con Dio e può farsi anche ascoltare da lui. Tutte le altre "preghiere" – a chiunque siano rivolte – cadono nel vuoto e non arrivano a Dio. Perciò il cristianesimo non è una religione, ma una relazione. Un rapporto o un legame dell’uomo con il Padre nei cieli, il Dio Onnipotente, e con suo Figlio Gesù Cristo.

E come ormai si intuisce facilmente, la chiesa cattolica, che generalmente è vista nel mondo come la rappresentante del cristianesimo, non è una chiesa cristiana. La fede biblico-cristiana non si basa né sulle regole, né sul rito o sulla liturgia. La vera fede cristiana non conosce né sacerdoti, né vescovi, né cardinali, né papi. La vera fede cristiana è un rapporto con Dio come nostro Padre celeste e con Gesù Cristo, suo Figlio, come nostro Salvatore.





La pretesa della rappresentanza esclusiva del cristianesimo biblico.


La pretesa della rappresentanza esclusiva del cristianesimo biblico.


Dio è raggiungibile per ogni singola persona che lo desideri.
Tuttavia, non in diverse religioni, ma in suo figlio Gesù Cristo.
(Mat 28:18; Giov 14:6)

Ogni religione che non ha Gesù Cristo, in quanto Figlio di Dio e unico mediatore tra Dio e gli esseri umani, al centro della sua fede, è una falsa religione.
(Salmi 118:22; Isa 28:16; Mat 11:27; Mar 12:10; Giov 3:35–36; Giov 5:22–23; Luca 20:17; Atti 4:11; 1Tim 2:5; 1Piet 2:6–7)

–– o ––

Ogni preghiera, che non è rivolta esclusivamente a Gesù Cristo o a Dio della Bibbia, si rivolge a idoli e ripugna a Dio.
(Ger 10:2–5)

–– o ––

La fede biblica cristiana, con la Bibbia in quanto unico fondamento della fede e senza qualche supplemento inventato dagli esseri umani (Talmud, Catechismo, Corano, ecc.), è perciò la " porta stretta", la sola possibilità in questo mondo, che conduce gli esseri umani a credere al sacrificio espiatorio della croce del Figlio di Dio e quindi attraverso il perdono dei peccati rende possibile l’accesso all’uno ed unico Dio della Bibbia.
(Mat 7:13)

Poiché c ’è solo quest’uno e unico Dio vivente e il Suo Figlio Gesù Cristo, qualsiasi tolleranza di altri dei inventati, è una truffa per le creature che cercano veramente il loro Creatore, e quindi deve essere severamente condannato.

Non crede a nessuno di questi falsi predicatori, non importa quale religione. Per coloro che adorano gli idoli morti sono senza Dio e quelli che adorano solo il Padre non credono nel Figlio. Ma chiunque nega il Figlio, non ha neppure il Padre.
(1Gio 2:23)

E quelli che fingono di essere cristiani adorano gli idoli cattolici o come protestanti hanno vescovi gay. Sono frutti cattivi di alberi cattivi. Il loro Dio non li ascolta, le loro preghiere sono vuote e la loro benedizione diventa una maledizione!
(Mat 7:16–18)






Note


1) Il termine aliyah (ֽֽebraico עֲלִיָּה ʿalijjah, tedesco ’Aufstieg’, italiano ’ascesa’, plurale ʿalijjot) proviene dalla Bibbia e nel giudaismo indica – sin dall’esilio babilonese (586–539 a.C.) – il ritorno degli ebrei come individui o gruppi a Eretz, Israele. I partecipanti ad un’aliyah sono chiamati Olim in ebraico (al singolare: fem. Olah, masc. Oleh). Dall’emergere del sionismo politico nel XIX secolo, il termine in generale significa "immigrazione ebraica" in Palestina e, dal 1948, in Israele. (WIKIPEDIA))