Tabella 15 - Il Trono di Dio e quel ch'è attorno. (FORMATO LARGO)





La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)



1,1 Nel trentesimo anno, il cinque del
quarto mese, avvenne che, mentre mi
trovavo tra i deportati presso il fiume Kebar,
i cieli si aprirono ed ebbi visioni da parte di
DIO.
1,2 Il cinque del mese (era il quinto anno
della cattività del re Jehoiakin),
1,3 la parola dell'Eterno fu espressamente
rivolta al sacerdote Ezechiele, figlio di Buzi,
nel paese dei Caldei, presso il fiume
Kebar; e là fu sopra di lui la mano
dell'Eterno.









1,4 Mentre guardavo, ecco venire dal nord
un vento di tempesta, una grossa nuvola
con un fuoco che si avvolgeva su se
stesso; intorno ad esso e dal mezzo di
esso emanava un grande splendore come
il colore di bronzo incandescente in mezzo
al fuoco.





Introduzione.

8,1 Nel sesto anno, nel sesto mese, il cinque
del mese, avvenne che mentre ero seduto in
casa mia e gli anziani di Giuda stavano
seduti di fronte a me, la mano del Signore,
l'Eterno, cadde in quel luogo su di me.
8,2 Io guardai, ed ecco una figura di uomo
dall'aspetto di fuoco; da ciò che sembravano
i suoi lombi in giù pareva di fuoco, e da ciò
che sembravano i suoi lombi in su pareva
splendente come il colore di bronzo
incandescente.
8,3 Egli stese una forma di mano e mi
afferrò per una ciocca dei miei capelli, e lo
Spirito mi sollevò fra terra e cielo e mi
trasportò in visioni di DIO a Gerusalemme,
all'ingresso della porta interna che guarda a
nord, dove era posto l'idolo della gelosia, che
provoca a gelosia.
8,4 Ed ecco, là era la gloria del DIO d'Israele,
simile alla visione che avevo visto nella
pianura.


10,15 Poi i cherubini si alzarono. Essi erano
gli stessi esseri viventi che avevo visto
presso il fiume Kebar










4,1 Dopo queste cose, io vidi, ed ecco una
porta aperta nel cielo, e la prima voce che
avevo udito parlare con me come una
tromba disse: «Sali quassù e ti mostrerò le
cose che devono avvenire dopo queste».
4,2 E subito fui rapito in spirito; ed ecco, un
trono era posto nel cielo e sul trono stava
uno seduto.
4,3 E colui che sedeva era nell'aspetto
simile a una pietra di diaspro e di sardio; e
intorno al trono c'era un arcobaleno che
rassomigliava a uno smeraldo.
4,4 E intorno al trono c'erano ventiquattro
troni, e sui troni vidi seduti ventiquattro
anziani vestiti di bianche vesti; e sul loro
capo avevano delle corone d'oro.





4,5 E dal trono procedevano lampi, tuoni e
voci; e davanti al trono c'erano sette
lampade ardenti, che sono i sette Spiriti di
Dio.










La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)



1,5 Dal suo mezzo appariva la sembianza
di quattro esseri viventi; e questo era il
oro aspetto: avevano la sembianza d'uomo.
1,6 Ognuno di essi aveva quattro facce e
ognuno quattro ali.
1,7 Le loro gambe erano diritte e la pianta
dei loro piedi era come la pianta del piede
di un vitello, e sfavillavano come il bronzo
lucidato.
1,8 Sui loro quattro lati, sotto le ali,
avevano mani d'uomo; e tutti e quattro
avevano le proprie facce e le proprie ali.
1 9 Le loro ali si toccavano l'una con l'altra;
avanzando, non si voltavano, ma ciascuno
andava diritto davanti a sé.
1,10 Quanto all'aspetto delle loro facce,
avevano tutti la faccia di uomo, tutti e quattro
la faccia di leone a destra, tutti e quattro la
faccia di toro a sinistra, e tutti e quattro la
faccia di aquila.
1,11 Tali erano le loro facce. Le loro ali
erano distese verso l'alto; ciascuno aveva
due ali che si toccavano e due che
coprivano il loro corpo.
1,12 Ciascuno andava diritto davanti a sé;
andavano ovunque lo spirito voleva andare
e, andando, non si voltavano.








I quattro esseri viventi.

10,20 Erano gli stessi esseri viventi che
avevo visto sotto il DIO d'Israele presso il
fiume Kebar e riconobbi che erano
cherubini.
10,14a Ogni cherubino aveva quattro facce:



10,8 Ora i cherubini sembravano avere la
forma di una mano d'uomo sotto alle ali.
10,21 Ognuno di loro aveva quattro facce,
ognuno quattro ali, e sotto le loro ali
appariva la forma di mani d'uomo.



10,14b la prima faccia era faccia di
cherubino, la seconda faccia era faccia
d'uomo, la terza faccia di leone, la quarta
faccia di aquila.

10,22 Quanto all'aspetto delle loro facce,
erano le stesse facce che avevo visto
presso il fiume Kebar; erano le stesse loro
sembianze e gli stessi cherubini. Ognuno
andava diritto davanti a sé
.











4,6 Davanti al trono vi era come un mare
trasparente simile a cristallo. In mezzo al
trono e intorno al trono vi erano quattro
esseri viventi pieni d'occhi davanti e di
dietro.




4,8a I quattro esseri viventi hanno ciascuno
sei ali




4,7 Il primo vivente era simile a un leone, il
secondo essere vivente aveva l'aspetto di
un vitello, il terzo vivente aveva l'aspetto
d'uomo, il quarto vivente era simile a
un'aquila mentre vola.

















La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)


Il fuoco tra i  Cherubini.






















1,13 Tra quegli esseri viventi si vedevano
come carboni ardenti simili a torce che si
muovevano in mezzo a loro. Il fuoco
risplendeva e dal fuoco si sprigionavano
bagliori.










Il fuoco tra i  Cherubini.

10,2 L'Eterno parlò quindi all'uomo vestito di
lino e disse: «Va' fra le ruote sotto il
cherubino, riempiti le mani di carboni ardenti
che sono fra i cherubini
e spargili sulla
città». Ed egli vi andò mentre io guardavo.
10,3 Quando l'uomo entrò, i cherubini
stavano sulla destra del tempio e la nuvola
riempiva il cortile interno.
10,4 Quindi la gloria dell'Eterno si alzò sopra
il cherubino muovendo verso la soglia del
tempio; allora il tempio fu ripieno della
nuvola e il cortile fu ripieno dello splendore
della gloria dell'Eterno.
10,5 Il rumore delle ali dei cherubini fu udito
fin nel cortile esterno, come la voce di Dio
onnipotente quando parla.
10,6 Ora, quando l'Eterno ebbe comandato
all'uomo vestito di lino, dicendo: «Prendi il
fuoco fra le ruote che sono tra i cherubini»,
egli andò a fermarsi vicino a una ruota.
10,7 Allora un cherubino stese la mano fra i
cherubini verso il fuoco
che era fra i
cherubini, ne prese e lo mise nelle mani
dell'uomo vestito di lino, che lo ricevette ed
uscì.











I primi quattro angeli del giudizio.

6,1 Poi vidi quando l'Agnello aperse il primo
dei sette sigilli, e udii uno dei quattro
esseri viventi, che diceva come con voce di
tuono: «Vieni e vedi».
6,2 E io vidi, ed ecco un cavallo bianco. E
colui che lo cavalcava aveva un arco e gli fu
data una corona, ed egli uscì fuori come
vincitore e per vincere.
6,3 Quando egli aperse il secondo sigillo,
udii il secondo essere vivente che diceva:
«Vieni e vedi».
6,4 Allora uscì fuori un altro cavallo rosso; e
a colui che lo cavalcava fu dato di togliere la
pace dalla terra, affinché gli uomini si
uccidessero gli uni gli altri, e gli fu data una
grande spada.
6,5 Quando egli aperse il terzo sigillo udii il
terzo essere vivente che diceva: «Vieni e
vedi». E io vidi, ed ecco un cavallo nero; e
colui che lo cavalcava aveva una bilancia in
mano.
6,6 E udii una voce in mezzo ai quattro
esseri viventi che diceva: «Un chenice di
frumento per un denaro e tre chenici d'orzo
per un denaro, e non danneggiare né l'olio
né il vino».












La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)


L'apparato di ruote.

1,15 Come guardavo gli esseri viventi, ecco
una ruota in terra accanto agli esseri viventi
con le loro quattro facce.

1,16 L'aspetto delle ruote e la loro fattura
era come l'aspetto di colore del crisolito;
tutte e quattro si somigliavano. Il loro
aspetto e la loro fattura era come quella di
una ruota in mezzo a un'altra ruota
.
1,17 Quando si muovevano, andavano
verso una delle loro quattro direzioni e,
andando, non si voltavano.


1,18 Quanto ai loro cerchi, erano alti e
imponenti; e i cerchi di tutti e quattro
erano pieni di occhi tutt'intorno.



1,19 Quando gli esseri viventi si
muovevano, anche le ruote si muovevano
accanto
a loro e quando gli esseri viventi
si alzavano da terra, si alzavano anche le
ruote.

1,20 Dovunque lo spirito voleva andare,
andavano anch'essi, perché là andava lo
spirito; le ruote si alzavano con essi, perché
lo spirito degli esseri viventi era nelle ruote.
1,21 Quando essi si muovevano, anche le
ruote si muovevano; quando essi si
fermavano,
anch'esse si fermavano, e
quando essi si alzavano da terra, anche le
ruote si alzavano con essi
, perché lo
spirito degli esseri viventi era nelle ruote.

L'apparato di ruote.

10,9 Guardai ancora ed ecco, a fianco dei
cherubini vi erano quattro ruote, una ruota a
fianco di ogni cherubino e un'altra ruota per
ogni altro cherubino; le ruote avevano
l'aspetto di una pietra di topazio.
10,10 Sembravano avere tutt'e quattro la
medesima forma, come se una ruota fosse
in mezzo all'altra.
10,11 Quando si muovevano, andavano
verso una delle loro quattro direzioni e,
andando non si voltavano, ma seguivano la
direzione verso la quale la testa era rivolta e,
andando, non si voltavano.
10,12 Tutto il loro corpo, il loro dorso, le loro
mani, le loro ali e le ruote erano pieni di
occhi tutt'intorno, sì, le ruote stesse che i
quattro avevano.
10,13 Io udii che le ruote erano chiamate
"Turbine".
10,16 Quando i cherubini si muovevano,
anche le ruote si muovevano al loro fianco
e, quando i cherubini spiegavano le ali per
alzarsi da terra, le ruote non si
allontanavano dal loro fianco.
10,17 Quando essi si fermavano, si
fermavano anch'esse; quando essi si
alzavano, si alzavano anch'esse con loro,
perché lo spirito degli esseri viventi era in
esse.







Il quarto essere vivente.

6,7 Quando egli aperse il quarto sigillo, udii
la voce del quarto essere vivente che
diceva: «Vieni e vedi».
6,8 E io vidi, ed ecco un cavallo giallastro; e
colui che lo cavalcava aveva nome la Morte,
e dietro ad essa veniva l'Ades. E fu loro data
potestà sulla quarta parte della terra, per
uccidere con la spada, con la fame, con la
morte e mediante le fiere della terra.


4,6b ed in mezzo al trono e attorno al trono
c'erano quattro esseri viventi, pieni di
occhi davanti e di dietro.
4,8b intorno e dentro erano pieni di occhi;
e non cessano mai, né giorno né notte, di
dire: «Santo, santo, santo è il Signore Dio,
l'Onnipotente, che era, che è e che ha da
venire!».
4,9 E ogni volta che gli esseri viventi
rendono gloria, onore e grazie a colui che
siede sul trono, a colui che vive nei secoli
dei secoli,
4,10 i ventiquattro anziani si prostrano
davanti a colui che siede sul trono e
adorano
colui che vive nei secoli dei secoli, e gettano
le loro corone davanti al trono, dicendo:
4,11 «Degno sei, o Signore, di ricevere la
gloria, l'onore e la potenza, perché tu hai
creato tutte le cose, e per tua volontà
esistono e sono state create»



.



La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)


Il firmamento sopra i cherubini.

1,22 Sopra le teste degli esseri viventi c'era
la sembianza di un firmamento, simile al
colore di un maestoso cristallo, disteso
sopra le loro teste.
1,23 Sotto il firmamento si stendevano
diritte le loro ali, l'una verso l'altra; ciascuno
ne aveva due che coprivano un lato e due
che coprivano l'altro lato del corpo.
1,24 Quando essi si muovevano, io sentivo
il fragore delle loro ali, come il fragore delle
grandi acque, come la voce
dell'Onnipotente, il rumore di un gran
tumulto, come lo strepito di un esercito;
quando si fermavano, abbassavano le loro
ali.
1,25 E si udiva un rumore dal di sopra del
firmamento che era sopra le loro teste;
quando si fermavano, abbassavano le loro
ali.
































































































La visione
presso il fiume Kebar (Ez 1,1-28)



La visione
a Gerusalemme (Ez 8,1-4; 10,1-22)



La visione 
nel cielo (Apoc 4,1-11; 6,1-8)


Il trono sopra il firmamento.

1,26 Al di sopra del firmamento che stava
sopra le loro teste, c'era la sembianza di
un trono che sembrava come una pietra di
zaffiro, e su questa specie di trono, in alto
su di esso, stava una figura dalle
sembianze di uomo.

La gloria dell'Eterno.

1,27 Da ciò che sembravano i suoi lombi in
su vidi pure come il colore di bronzo
incandescente che sembrava come fuoco
tutt'intorno dentro di esso; e da ciò che
sembravano i suoi lombi in giù vidi qualcosa
somigliante al fuoco e che emanava
tutt'intorno un grande splendore.
1,28 Com'è l'aspetto dell'arcobaleno nella
nuvola in un giorno di pioggia, così era
l'aspetto di quello splendore che lo
circondava. Questa era un'apparizione
dell'immagine della gloria dell'Eterno.
Quando la vidi, caddi sulla mia faccia e udii
la voce di uno che parlava.













l trono sopra il firmamento

10,1 Io guardavo ed ecco, sul firmamento
che stava sopra il capo dei cherubini,
appariva sopra di essi come una pietra di
zaffiro che somigliava nella forma a un trono.



La gloria dell'Eterno.

8,2 Io guardai, ed ecco una figura di uomo
dall'aspetto di fuoco; da ciò che sembravano
i suoi lombi in giù pareva di fuoco, e da ciò
che sembravano i suoi lombi in su pareva
splendente come il colore di bronzo
incandescente.
10,18 La gloria dell'Eterno si allontanò
quindi dalla soglia del tempio e si fermò sui
cherubini.
10,19 Poi i cherubini spiegarono le loro ali e
si sollevarono da terra sotto i miei occhi;
mentre si allontanavano anche le ruote erano
accanto a loro. Si fermarono quindi
all'ingresso della porta che guarda a est
della casa dell'Eterno, mentre la gloria del
Dio d'Israele stava in alto su di loro.











Il trono nel cielo.

4,2 E subito fui rapito in spirito; ed ecco un
trono era posto nel cielo, e sul trono v'era
uno a sedere.










4,3 E Colui che sedeva era nell'aspetto
simile a una pietra di diaspro e di sardonico;
e attorno al trono c'era un arcobaleno che, a
vederlo, somigliava a uno smeraldo.







I  ventiquattro anziani

4,4 E attorno al trono c'erano ventiquattro
troni; e sui troni sedevano ventiquattro
anziani, vestiti di bianche vesti, e avevano sui
loro capi delle corone d'oro.

(Vedi anche excursus 11: "Il Trono di Dio.")

(Vedi anche discorso 72: "Chi sono i ventiquattro anziani nell'Apocalisse di Giovanni?")