Discorso 111 – L’inganno pseudo‒cristiano ai danni degli Israeliti.





Il La Lettera agli Ebrei.

Le cerimonie sacrificali nella fede mosaica.

L’altare degli olocausti nel tempio.

La distruzione del tempio.

Da duemila anni Israele è senza Dio.

Il Nuovo Patto.

La Legge e i profeti.

Le chiese cristiane.

Il "Giudaismo Messianico" è un movimento malvagio? / Rabbino Dr. Chaim Z. Rozwaski, Berlino 2011-12-06

La ricerca della corretta comprensione.

Gli ebrei dovrebbero attenersi all’Antica Alleanza? / Commento Ingmar Bauer 00, 2012-02-11

Cosa sarebbe successo se gli ebrei avessero creduto in Gesù? / Commento Ingmar Bauer 01, 2012-03-12

Come ebreo ho consegnato la mia vita a Gesù Cristo. / Commento David Libbre USA, 00, 2012-08-13

Le alleanze di Dio, di Jacob Damkani.  – Discorso 1111

Gesù è al lavoro per adempiere le sue promesse a Israele?  Parte 2  – Discorso 1112 [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.]

Cristiani difende il Vangelo verso gli "amici di Israele"  Parte 3  – Discorso 1113 [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.]

La dottrina degli ebrei messianici – l’analisi  Parte 4  – Discorso 1114


La Lettera agli Ebrei.

Quasi duemila anni fa, un rabbino ebreo con un’eccellente conoscenza della Torah scrisse una lettera ai suoi fratelli, gli Ebrei, che fu poi inclusa nel canone del Nuovo Testamento della Bibbia alcuni secoli dopo, nel 367 (Lettera di Pasqua di Atanasio). Questa lettera del Nuovo Testamento viene menzionata piuttosto sporadicamente – a torto - nella letteratura cristiana fino ai giorni nostri. Forse perché lo scrittore della Lettera agli Ebrei tratta il tema cristiano specificamente dal punto di vista dell’Antico Testamento, e questo è evidentemente meno interessante per alcuni autori cristiani non ebrei.

Nella documentazione qui presentata sull’inganno ai danni degli Israeliti dei nostri giorni, non si intendono qui - come già indica il termine "Israeliti" nel titolo - gli israeliani, cioè i cittadini di Israele per eccellenza, che oltre ai nativi comprendono anche immigrati dalla Russia, Polonia, Romania, Canada, Sud America e Iraq, e che sono in gran parte atei.

No, queste righe sono indirizzate a quella minoranza israelita che ancora professa il suo Dio. A quegli Israeliti - in Israele e nella diaspora mondiale - che nella fedeltà alla propria fede religiosa rispettano le leggi mosaiche e quelle leggi e quegli obblighi religiosi che sono ancora possibili per loro dopo la distruzione del Tempio nell’anno 70 e quindi dell’altare del Tempio, indispensabile per la liturgia mosaica (Es 29:38-42; Lev 9:17-20).


Le cerimonie sacrificali nella fede mosaica.

Questo vale in particolare per gli atti sacrificali che, secondo la legge mosaica, erano comandati da Dio agli Israeliti credenti. Ci sono quattro sacrifici principali: l’olocausto (Lev 1,1-17), l’offerta di grano (Lev 2,1-16), l’offerta di riconoscenza (Lev 3,1-17) e l’offerta per il peccato (Lev 4,1-35 - 5,1-13), che possono essere combinati con l’offerta di colpa (Lev 5,14-26).

Al fine di dare ai lettori che non hanno familiarità con questi argomenti una panoramica comprensibile, nella prima sezione che segue verranno citati i versetti iniziali relativi a ciascuno di questi comandamenti, insieme a una breve spiegazione.

L’olocausto

Poserà la mano sulla testa dell’olocausto, e il SIGNORE lo accetterà come espiazione.

Lev 1,1 Il SIGNORE chiamò Mosè, gli parlò dalla tenda di convegno e gli disse: 1,2 «Parla ai figli d’Israele e di’ loro: "Quando qualcuno di voi vorrà portare un’offerta al SIGNORE, offrirete bestiame grosso o minuto. 1,3 Se la sua offerta è un olocausto di bestiame grosso, offrirà un maschio senza difetto: l’offrirà all’ingresso della tenda di convegno, per ottenere il favore del SIGNORE. 1,4 Poserà la mano sulla testa dell’olocausto, e il SIGNORE lo accetterà come espiazione. 1,5 Poi sgozzerà il vitello davanti al SIGNORE e i sacerdoti, figli d’Aaronne, offriranno il sangue e lo spargeranno sull’altare, da ogni lato, all’ingresso della tenda di convegno. 1,6 Poi scuoierà l’olocausto e lo taglierà a pezzi. 1,7 I figli del sacerdote Aaronne metteranno del fuoco sull’altare e disporranno della legna sul fuoco. 1,8 Poi i sacerdoti, figli d’Aaronne, disporranno quei pezzi, la testa e il grasso, sulla legna messa sul fuoco che è sull’altare; Lev 1,1-8;


Come olocausto senza una particolare occasione, per "ottenere il favore del Signore" si può offrire un bue, una pecora o una capra - a seconda delle possibilità economiche. Deve essere un animale maschio senza difetti. Solo se le circostanze finanziarie non permettono neanche questo, come olocausto può essere offerta una colomba. In ogni caso, il sangue deve essere asperso sull’altare e l’animale sacrificale completamente bruciato in un fuoco di legna sull’altare.


L’offerta di grano

Quando qualcuno offrirà al SIGNORE un’oblazione, la sua offerta sarà di fior di farina.

Lev 2,1 «"Quando qualcuno offrirà al SIGNORE un’oblazione, la sua offerta sarà di fior di farina, su cui verserà dell’olio, e vi aggiungerà dell’incenso. 2,2 La porterà ai sacerdoti figli d’Aaronne; il sacerdote prenderà una manciata piena del fior di farina spruzzata d’olio, con tutto l’incenso, e farà bruciare ogni cosa in cima sull’altare, come ricordo. Questo è un sacrificio di profumo soave, consumato dal fuoco per il SIGNORE. 2,3 Ciò che rimarrà dell’oblazione sarà per Aaronne e per i suoi figli; è cosa santissima tra i sacrifici consumati dal fuoco per il SIGNORE. Lev 2,1-3;

L’offerta di grano - sia che si tratti di cibo già preparato (torta non lievitata in teglie o focacce) o di cibo ancora non cotto - deve essere fatta di fior di farina mescolata con olio e salata. Da questa offerta di grano, il sacerdote solleva la parte superiore (Askara) e la getta sul fuoco dell’altare. Il resto dell’offerta appartiene al sacerdote e alla sua famiglia.


L’offerta di riconoscenza

Poserà la mano sulla testa della sua offerta, la sgozzerà all’ingresso della tenda di convegno.

Lev 3,1 «"Quando uno offrirà un sacrificio di riconoscenza, se offre bestiame grosso, un maschio o una femmina, l’offrirà senza difetto davanti al SIGNORE. 3,2 Poserà la mano sulla testa della sua offerta, la sgozzerà all’ingresso della tenda di convegno e i sacerdoti, figli d’Aaronne, spargeranno il sangue sull’altare da ogni lato. 3,3 Di questo sacrificio di riconoscenza offrirà, come sacrificio consumato dal fuoco per il SIGNORE, il grasso che copre le interiora e tutto il grasso che vi aderisce, 3,4 i due rognoni, il grasso che c’è sopra e che copre i fianchi, e la rete del fegato, che staccherà vicino ai rognoni. 3,5 I figli d’Aaronne faranno bruciare tutto questo sull’altare sopra l’olocausto, che è sulla legna messa sul fuoco. Questo è un sacrificio di profumo soave, consumato dal fuoco per il SIGNORE. Lev 3, 1- 5;


L’offerta di riconoscenza può anche essere costituita da un bovino, un montone o un caprone senza difetti, sebbene qui si possano sacrificare anche animali di sesso femminile. Come per l’olocausto, il sangue viene asperso tutto intorno all’altare e tutto il grasso dell’intero animale sacrificato deve essere bruciato sull’altare come offerta consumata dal fuoco. Gli Israeliti non possono mangiare né grasso né sangue.


L’offerta per il peccato

Quando uno dunque si sarà reso colpevole di una di queste cose, confesserà il peccato che ha commesso;

Lev 5,1 «"Una persona pecca se, udite le parole di giuramento, quale testimone non dichiara ciò che ha visto o ciò che sa. Porterà la propria colpa. 5,2 Quando uno, anche senza saperlo, avrà toccato qualcosa di impuro, come il cadavere di una bestia selvatica impura, di un animale domestico impuro o di un rettile impuro, rimarrà egli stesso impuro e colpevole. 5,3 Quando uno, anche senza saperlo, avrà toccato un’impurità umana, qualunque di quelle impurità che rendono l’uomo impuro, appena viene a saperlo, diventa colpevole.

5,4 Quando uno giura con le labbra, parlando senza riflettere, di fare qualcosa di male o di bene, proferendo con leggerezza uno di quei giuramenti che gli uomini sono soliti pronunciare, quando viene a saperlo, è colpevole delle sue azioni. 5,5 Quando uno dunque si sarà reso colpevole di una di queste cose, confesserà il peccato che ha commesso; 5,6 porterà al SIGNORE il sacrificio per la colpa, per il peccato che ha commesso. Porterà una femmina del gregge, una pecora o una capra, come sacrificio espiatorio e il sacerdote farà per lui l’espiazione del suo peccato.

 5,7 Se non ha mezzi per procurarsi una pecora, porterà al SIGNORE, come sacrificio per la colpa, per il peccato che ha commesso, due tortore o due giovani piccioni: uno come sacrificio espiatorio, l’altro come olocausto. 5,8 Li porterà al sacerdote, il quale offrirà prima il sacrificio espiatorio, tagliandogli la testa vicino alla nuca, ma senza staccarla del tutto; 5,9 poi spargerà del sangue del sacrificio espiatorio sopra uno dei lati dell’altare e il resto del sangue sarà fatto colare ai piedi dell’altare. Questo è un sacrificio espiatorio. Lev 5, 1- 9;


Nel sacrificio per il peccato, si distingue se si tratta di un peccato inconsapevole o consapevole. Se un peccato inconsapevole viene portato alla coscienza ed è un sacerdote che ha peccato, egli deve offrire un giovane toro senza macchia. Tutto il sangue del toro deve essere versato ai piedi dell’altare dell’olocausto.

Tutto il grasso dell’animale viene estratto e bruciato sull’altare. L’intero toro viene poi bruciato fuori dal tempio. Lo stesso avviene quando tutta la comunità ha peccato inconsapevolmente e lo riconosce. Nel caso di un capo, questo rituale richiede l’offerta di un caprone come animale sacrificale; nel caso di un singolo membro della congregazione, una capra - senza difetti in entrambi i casi.

Se qualcuno pecca deliberatamente, deve confessarsi e offrire una pecora o una capra. Se non può permetterselo, due colombe, una come sacrificio per il peccato e una come olocausto. Se è troppo povero anche per questo, può portare un decimo di un efa di fior di farina (senza olio) come offerta per il peccato al sacerdote ed egli otterrà con questo l’espiazione per lui.


L’offerta per la colpa

Quando uno peccherà facendo, senza saperlo, qualcuna delle cose che il SIGNORE ha vietato di fare, sarà colpevole e porterà la pena della sua iniquità..

Lev 55,14 Il SIGNORE parlò ancora a Mosè, e disse: 5,15 «Quando qualcuno commetterà un’infedeltà e peccherà involontariamente riguardo a ciò che dev’essere consacrato al SIGNORE, porterà al SIGNORE, come sacrificio per la colpa, un montone senza difetto, preso dal gregge, in base alla tua valutazione in sicli d’argento secondo il siclo del santuario, come sacrificio per la colpa. 5,16 Risarcirà il danno fatto al santuario, aggiungendovi un quinto in più, e lo darà al sacerdote. Il sacerdote farà per lui l’espiazione con il montone offerto come sacrificio per la colpa e gli sarà perdonato.

5,17 Quando uno peccherà facendo, senza saperlo, qualcuna delle cose che il SIGNORE ha vietato di fare, sarà colpevole e porterà la pena della sua iniquità. 5,18 Presenterà al sacerdote, come sacrificio per la colpa, un montone senza difetto, scelto dal gregge, in base alla tua valutazione. Il sacerdote farà per lui l’espiazione dell’errore commesso per ignoranza e gli sarà perdonato. 5,19 Questo è un sacrificio per la colpa; quel tale si è realmente reso colpevole verso il SIGNORE». Lev 5,14-19;


Un’offerta per colpa deve essere fatta se, per esempio, qualcuno consapevolmente o inconsapevolmente giura il falso, nega un bene che gli è stato affidato, ha rubato qualcosa, ricatta qualcuno o trova dei beni persi e li nega. Deve restituire il bene in questione nella sua interezza e aggiungere un quinto di essa. Come offerta per la colpa deve portare un montone senza difetti, proveniente dal piccolo bestiame (pecora, capra) al sacerdote, ed egli gli espierà la colpa con il sacrificio dell’animale, ed egli sarà perdonato.

I peccati che non possono essere perdonati.

Questi comandamenti sacrificali della Torah sono essenzialmente da intendersi come l’espiazione di quei peccati che possono essere perdonati con il sacrificio. Ma nella legge mosaica ci sono anche i peccati per i quali il perdono non può essere ottenuto da nessun sacrificio, ma solo dalla morte del peccatore stesso. Uno di questi peccati imperdonabili è l’assassinio di una persona - Israelita o straniero - nella terra d’Israele.

Non si potrà fare per il paese alcuna espiazione del sangue che vi sarà stato sparso, se non mediante il sangue di colui che l’avrà sparso.

Num 35,32 Non accetterete prezzo di riscatto che permetta a un omicida di mettersi in salvo nella sua città di rifugio e di ritornare ad abitare nel paese prima della morte del sacerdote. 35,33 Non contaminerete il paese dove sarete, perché il sangue contamina il paese; non si potrà fare per il paese alcuna espiazione del sangue che vi sarà stato sparso, se non mediante il sangue di colui che l’avrà sparso. 35,34 Non contaminerete dunque il paese che andate ad abitare, e in mezzo al quale io dimorerò; poiché io sono il SIGNORE che dimoro in mezzo ai figli d’Israele"». Num 35,32-34;


E qui, nel senso della legge mosaica, l’Israele di oggi ha su di sé un pesante fardello in termini di peccato. Hanno assassinato migliaia di palestinesi con carri armati, aerei e altre armi non solo nelle guerre di conquista in Israele (Palestina) stessa, ma anche in Cisgiordania ("Giudea e Samaria") che Israele rivendica come territorio israeliano, e nella striscia di Gaza ("culla della civiltà ebraica"). Per tutti questi morti, secondo la legge mosaica, nessuna espiazione può essere ottenuta se non attraverso la morte del rispettivo assassino nell’esercito israeliano.


L’altare degli olocausti nel Tempio.

Questo è quanto, quindi, a titolo di una breve panoramica delle più importanti attività sacrificali mosaiche e del loro contesto. Come possiamo facilmente vedere sulla base dell’elenco di cui sopra, tutte queste cerimonie sacrificali presuppongono l’esistenza di un altare. In particolare, l’altare degli olocausti nel Tempio di Gerusalemme (in precedenza la tenda dell’incontro nel deserto). Le offerte non devono essere fatte in nessun altro luogo.

Allora ti guarderai bene dall’offrire i tuoi olocausti in un luogo qualsiasi;

Deut 12,13 Allora ti guarderai bene dall’offrire i tuoi olocausti in un luogo qualsiasi; 12,14 ma offrirai i tuoi olocausti nel luogo che il SIGNORE avrà scelto in una delle tue tribù; là farai tutto quello che ti comando. Deut 12,13-14;


Durante le cerimonie sacrificali nel Tempio di Gerusalemme, il grasso degli animali sacrificati doveva essere bruciato su questo altare dell’olocausto e il sangue versato sull’altare, poiché agli Israeliti era vietato mangiare il grasso o il sangue con la carne.

Ma guàrdati assolutamente dal mangiarne il sangue, perché il sangue è la vita, e tu non mangerai la vita insieme con la carne.

Deut 12,23 ma guàrdati assolutamente dal mangiarne il sangue, perché il sangue è la vita, e tu non mangerai la vita insieme con la carne. 12,24 Non lo mangerai; lo spargerai per terra come acqua. 12,25 Non lo mangerai affinché tu sia felice, e i tuoi figli dopo di te, quando avrai fatto ciò che è giusto agli occhi del SIGNORE.
12,26 Ma quanto alle cose che avrai consacrato o promesso per voto, le prenderai e andrai al luogo che il SIGNORE avrà scelto, 12,27 e offrirai i tuoi olocausti, la carne e il sangue, sull’altare del SIGNORE tuo Dio; e il sangue delle altre tue vittime dovrà essere sparso sull’altare del SIGNORE tuo Dio, e tu mangerai la carne. Deut 12,23-27;


Al di là di tutte queste cerimonie sacrificali legate alle occasioni, c’è però anche il cosiddetto sacrificio "quotidiano" o "continuo" (tamid). Si riferisce al sacrificio del mattino e della sera nel Tempio. Per questo sacrificio, due agnelli di un anno devono essere offerti ogni giorno sull’altare del Tempio, come segno che Dio abita nel Tempio ed è in mezzo ai figli d’Israele.

Or questo è ciò che offrirai sull’altare: due agnelli di un anno, ogni giorno, sempre.

Es 29,36 Ogni giorno offrirai un toro come sacrificio di espiazione, per fare l’espiazione; purificherai l’altare mediante questa tua espiazione, e lo ungerai per consacrarlo. 29,37 Per sette giorni farai l’espiazione dell’altare, lo santificherai e l’altare sarà santissimo: tutto ciò che toccherà l’altare sarà santo. 29,38 «Or questo è ciò che offrirai sull’altare: due agnelli di un anno, ogni giorno, sempre. 29,39 Uno degli agnelli lo offrirai la mattina e l’altro lo offrirai sull’imbrunire. 29,40 Con il primo agnello offrirai la decima parte di un efa di fior di farina impastata con la quarta parte di un hin di olio vergine e una libazione di un quarto di hin di vino.

29,41 Il secondo agnello lo offrirai sull’imbrunire; lo accompagnerai con la stessa oblazione e con la stessa libazione della mattina; è un sacrificio di profumo soave offerto mediante il fuoco al SIGNORE. 29,42 Sarà l’olocausto quotidiano offerto dai vostri discendenti, all’ingresso della tenda di convegno, davanti al SIGNORE, dove io vi incontrerò per parlare con te. 29,43 Lì mi troverò con i figli d’Israele e la tenda sarà santificata dalla mia gloria. 29,44 Santificherò la tenda di convegno e l’altare; anche Aaronne e i suoi figli santificherò, perché mi servano come sacerdoti. 29,45 Abiterò in mezzo ai figli d’Israele e sarò il loro Dio. 29,46 Essi conosceranno che io sono il SIGNORE, il loro Dio; li ho fatti uscire dal paese d’Egitto per abitare in mezzo a loro. Io sono il SIGNORE, il loro Dio. Es 29,36-46;


Confidando in questo sacrificio, ogni Israelita poteva chiedere il perdono della sua colpa senza dover partecipare personalmente alla cerimonia sacrificale. Il termine tamid significa letteralmente "ciò che è costante", e indica il "perdono costante dei peccati (perdonabili) che Dio dà all’uomo sulla base di questo sacrificio quotidiano".


La distruzione del tempio.

0

Il 1° luglio 69 d.C. Tito, figlio dell’allora imperatore romano Vespasiano, fu inviato a Gerusalemme come comandante in capo dell’esercito per porre fine alla guerra ebraica, dove nell’aprile del 70 d.C. fece marciare un esercito di quattro legioni e numerose truppe ausiliarie di re alleati (Giuseppe Flavio, Bell, 5,40–6,120). Tito fece assediare la città e la fece accerchiare da un’alta muraglia (Giuseppe Flavio, Bell, 5,130–135.491–511; Tacito, Hist. 5,1.10–14).

All’inizio di settembre del 70, Gerusalemme fu poi conquistata in seguito alla carestia e a un bagno di sangue, che Tito cercò invano di evitare(!). Il tempio, in cui si erano rifugiati 6000 ebrei in virtù di un oracolo profetico che preannunciava la salvezza finale del santuario (Giuseppe Flavio, Bell 6.285 ss.), fu distrutto da un incendio (Bell 6,220–270). Secondo Giuseppe Flavio, si dice che Tito fino alla fine abbia tentato invano di evitare la distruzione del tempio (Bell, 6,241,266).

n questo modo Tito voleva essere sollevato dal senso di colpa personale per la sventura degli ebrei. Ma con furia cieca i soldati avevano disobbedito al suo ordine (Bell, 6,254–259). La città fu rasa al suolo. Solo le torri della cittadella furono risparmiate e rinforzate, affinché vi stazionasse l’esercito.

Se consideriamo i suddetti resoconti degli storici, non è certo stata la potenza terrena – cioè il comandante romano Tito – a voler distruggere il tempio. Al contrario, come scrive Giuseppe Flavio, Tito diede alle sue truppe proprio l’ordine esplicito di non distruggere il tempio. Tuttavia, tutta questa guerra non è stata decisa a livello terreno. Era stato Dio Onnipotente a decidere che sia la città che il tempio dovessero essere distrutti. Forse per la prima volta in vita sua Tito sperimentò così il rifiuto dei legionari romani di eseguire un ordine del loro comandante prendendo d’assalto il tempio e bruciandolo.

Ora dobbiamo chiederci obiettivamente se questa affermazione, che la distruzione di Gerusalemme e del tempio era la volontà di Dio, è confermata anche nella Bibbia. E qui, in Luca 19,41-44, abbiamo per la prima volta il lamento del Figlio di Dio riguardante Gerusalemme:

Non lasceranno in te pietra su pietra, perché tu non hai conosciuto il tempo nel quale sei stata visitata.

Luca 19,41 Quando fu vicino, vedendo la città, pianse su di essa, dicendo: 19,42 «Oh se tu sapessi, almeno oggi, ciò che occorre per la tua pace! Ma ora è nascosto ai tuoi occhi. 19,43 Poiché verranno su di te dei giorni nei quali i tuoi nemici ti faranno attorno delle trincee, ti accerchieranno e ti stringeranno da ogni parte; 19,44 abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché tu non hai conosciuto il tempo nel quale sei stata visitata». Luca 19,41-44;


Qui il Signore in Luca 9,43 non solo ha profetizzato le "trincee", cioè l’alta muraglia che Tito fece costruire per assediare Gerusalemme, ma ha anche fatto notare che gli assedianti della città non lasceranno una pietra su un’altra, cosa che lo storico Giuseppe Flavio ha confermato poi anche con le parole: "la città fu rasa al suolo" (vedi sopra).

In riferimento al tempio in Mat 24,1-2 troviamo poi la profezia della sua distruzione nella risposta del Signore alle parole di ammirazione dei discepoli sulla gloria del tempio:

Non sarà lasciata qui pietra su pietra che non sia diroccata.

Mat 24,1 Mentre Gesù usciva dal tempio e se ne andava, i suoi discepoli gli si avvicinarono per fargli osservare gli edifici del tempio. 24,2 Ma egli rispose loro: «Vedete tutte queste cose? Io vi dico in verità: Non sarà lasciata qui pietra su pietra che non sia diroccata». Mat 24, 1– 2;


Queste sono solo le profezie di quegli eventi che si verificarono effettivamente circa 40 anni dopo. Ma con questo non sappiamo ancora perché Dio abbia deciso la distruzione di questa città e del tempio. Osservando attentamente un’altra affermazione del Signore, a prima vista poco significativa, riconosciamo delle connessioni piuttosto inaspettate. In Giov 8,24, il Signore disse ai farisei che lo accusavano di avere solo se stesso come testimone della sua affermazione di essere il Figlio di Dio, ma la legge ebraica richiedeva almeno due testimoni e quindi la sua testimonianza non è vera:

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;


Nel testo biblico menzionato sopra, sia in Giov 8,21 che in Giov 8,24, il Signore fa riferimento alla profezia: "morirete nei vostri peccati". Per i farisei a cui lo disse, fu proprio questa stessa affermazione un’ulteriore prova che questo Gesù di Nazareth stava diffondendo solo menzogne e non conosceva i comandamenti mosaici.

Dopotutto, avevano ancora le cerimonie sacrificali prescritte dalla Legge (la Torah) per il sacrificio del peccato e quello della colpa, i quali potevano liberarli dai loro peccati. E in più, avevano il "tamid", il sacrificio quotidiano e costante nel tempio, attraverso il quale Dio concede loro il perdono permanente dei peccati perdonabili.

Né i farisei di allora né la maggior parte degli esegeti di oggi hanno riconosciuto la terribile serietà che sta alla base di queste poche parole. È proprio qui che abbiamo la chiave per comprendere l’azione di Dio sul suo popolo d’Israele. Basta un esame superficiale per comprendere che naturalmente non era il Signore ad essere inconsapevole, ma che, in verità, i farisei non avevano la minima idea che 40 anni dopo non sarebbero esistiti né il tempio né l’altare e quindi per i sacerdoti non sarebbe più stato possibile eseguire le previste offerte sacrificali sull’altare sacrificale nel tempio.

La conseguenza di ciò fu che dalla distruzione del tempio e dell’altare sacrificale – e fino ad oggi (!) – tutti gli Israeliti non hanno avuto alcuna possibilità di remissione dei peccati e sono morti nei loro peccati come il Signore aveva profetizzato. E sia secondo la dottrina di Mosè che secondo quella cristiana tutta questa moltitudine di persone è perduta e trascorrerà l’eternità nella dannazione.

Se poi andiamo più in profondità nella nostra riflessione, riconosciamo un retroscena ancora più serio. Mentre molti Israeliti al tempo di Gesù con il loro rifiuto del Nazareno ritenevano di essere completamente in linea con la legge mosaica e con i comandamenti del loro Dio, in realtà avevano abbandonato proprio questa strada. Il Sinedrio ebraico, sotto la guida del suo sommo sacerdote Caifa, aveva condannato Gesù perché aveva confermato loro di essere il Figlio di Dio:

Allora il sommo sacerdote stracciò le sue vesti, dicendo: Egli ha bestemmiato; Egli è reo di morte!

Mat 26,63 Ma Gesù taceva. E il sommo sacerdote replicò dicendo: «Io ti scongiuro per il Dio vivente di dirci se sei il Cristo (Messia), il Figlio di Dio». 26,64 Gesù gli disse: «Tu l’hai detto! Anzi io vi dico che in avvenire voi vedrete il Figlio dell’uomo sedere alla destra della Potenza, e venire sulle nuvole del cielo». 26,65 Allora il sommo sacerdote stracciò le sue vesti, dicendo: «Egli ha bestemmiato; quale bisogno abbiamo più di testimoni? Ecco, ora avete udito la sua bestemmia. 26,66 Che ve ne pare?». Ed essi, rispondendo, dissero: «Egli è reo di morte!». Mat 26,63–66;


Lo avevano giudicato reo di morte perché diceva di essere il Figlio di Dio. Tuttavia, al Sinedrio – la guida religiosa di Israele – in base alle leggi della potenza occupante romana non era permesso di eseguire pene di morte, ma doveva trasferire questi casi alla giurisdizione romana. Per i romani, tuttavia, le dispute interne degli ebrei sulla loro religione non costituivano il presupposto di una pena e ancor meno di una pena di morte.

Pertanto, il Sinedrio ebraico diffuse l’accusa che questo Gesù avesse detto di essere il Re dei Giudei (Giov 18:33-35). In questo modo la giurisdizione romana trasferiva la fattispecie di reato di sovversione e attacco all’autorità dell’imperatore di Roma, per il quale, in base al diritto romano, era prevista la morte in croce (Giov 19:12).

Ma negando questo Gesù come loro Messia, con la sua condanna a morte e con la sua consegna ai romani per la crocefissione, i Giudei avevano anche rinnegato – e perduto il loro Dio.

Chiunque nega il Figlio, non ha neanche il Padre; chi riconosce il Figlio, ha anche il Padre.

1Gio 2,22 Chi è il mendace, se non colui che nega che Gesù è il Cristo? Costui è l’anticristo, che nega il Padre e il Figlio. 2,23 Chiunque nega il Figlio, non ha neanche il Padre; chi riconosce il Figlio, ha anche il Padre. 2,24 Quanto a voi dunque, dimori in voi ciò che avete udito dal principio; se ciò che avete udito dal principio dimora in voi, anche voi dimorerete nel Figlio e nel Padre. 1Gio 2,22–24;

Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

Giov 14,6 Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Giov 14,6;

Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.

Giov 5,22 Poiché il Padre non giudica nessuno, ma ha dato tutto il giudizio al Figlio, 23 affinché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre; chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. Giov 5,22–23;

Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita.

1Gio 5,10 Chi crede nel Figlio di Dio ha questa testimonianza in sé; chi non crede a Dio, lo ha fatto bugiardo, perché non ha creduto alla testimonianza che Dio ha reso circa suo Figlio. 5,11 E la testimonianza è questa: Dio ci ha dato la vita eterna, e questa vita è nel suo Figlio. 5,12 Chi ha il Figlio, ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita. 1Gio 5,10–12;


Insieme ad altre indicazioni bibliche, anche le profezie di cui sopra costituiscono una prova del fatto che da questo momento in poi Israele ha perso ogni legame con il suo Dio ed è perciò “ateo”, cioè “senza Dio”, in entrambi i sensi.

Hanno abbandonato l’Eterno, hanno disprezzato il Santo d’Israele.

Isa 1,2 Udite, o cieli, e ascolta, o terra, perché l’Eterno ha parlato: «Ho allevato dei figli e li ho fatti crescere, ma essi si sono ribellati contro di me. 1,3 Il bue riconosce il suo proprietario e l’asino la mangiatoia del suo padrone, ma Israele non ha conoscenza e il mio popolo non ha intendimento». 1,4 Guai, nazione peccatrice, popolo carico di iniquità, razza di malfattori, figli che operano perversamente! Hanno abbandonato l’Eterno, hanno disprezzato il Santo d’Israele, si sono sviati e voltati indietro. 1,5 Perché volete essere ulteriormente colpiti? Vi ribellereste ancor di più. Tutto il capo è malato, tutto il cuore langue. Isa 1,2–5;


Da duemila anni Israele è senza Dio.

E qui vediamo ora il motivo per cui Dio fece distruggere la città e il tempio di Gerusalemme dai Romani: dopo l’uccisione di suo figlio sulla croce, Dio ha abbandonato il tempio, la città e il popolo d’Israele. Nel seguente racconto tratto da Mat 27,45-51, relativo alla morte di Gesù in croce, troviamo due riferimenti concreti a questo proposito.

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo.

Mat 27,45 Dall’ora sesta fino all’ora nona si fecero tenebre su tutto il paese. 27,46 Verso l’ora nona, Gesù gridò con gran voce dicendo: «Elì, Elì, lammà sabactanì?». Cioè: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?». 27,47 E alcuni fra i presenti, udito questo, dicevano: «Costui chiama Elia». 27,48 E in quell’istante uno di loro corse, prese una spugna, l’inzuppò d’aceto e, infilatala in cima ad una canna, gli diede da bere. 27,49 Ma gli altri dicevano: «Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo». 27,50 E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rese lo spirito. 27,51 Ed ecco, il velo del tempio si squarciò in due, da cima a fondo; la terra tremò e le rocce si spaccarono; Mat 27,45–51;


DLe ultime parole del Signore sulla croce furono: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Si tratta di quel momento in cui il peccato del mondo intero fu fatto ricadere sul Figlio di Dio e lo Spirito Santo del Padre dovette lasciare il Figlio perché non poteva rimanere in un corpo con un peccato non perdonato. Da un lato, questo era l’evento per la cui realizzazione il Figlio di Dio era venuto nel mondo: offrire il sacrificio vicario gradito a Dio per i peccati di tutti gli esseri umani.

Ma, d’altra parte, questo grido di morte era una profezia per gli ebrei, che da questo momento in poi si trovarono esattamente in questa situazione. Come il loro Messia aveva profetizzato loro: "se non credete che io sono, morirete nei vostri peccati" (Giov 8,24), non avevano più la remissione dei loro peccati, perché Dio li aveva abbandonati.

E anche il fatto che il velo del tempio, altrimenti sempre tenuto chiuso, sia stato strappato in due dall’alto verso il basso, ha il suo significato, se si sa che questo velo separava le due stanze – quella del Santo, il vestibolo, e quella del Santo dei Santi in cui dimorava Dio (Es 26,33). Questa era la prova che Dio aveva lasciato il tempio e che il popolo d’Israele, diventato l’assassino di suo Figlio, era ormai senza Dio.

E anche questo era stato profetizzato loro dal Signore quando era ancora in vita:

Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"

Mat 23,32 Voi superate la misura dei vostri padri! 23,33 Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete al giudizio della Geenna? 23,34 Perciò, ecco io vi mando dei profeti, dei savi e degli scribi; di loro ne ucciderete e crocifiggerete alcuni, altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città, 23,35 affinché ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia, che uccideste fra il tempio e l’altare.

23,36 In verità vi dico che tutte queste cose ricadranno su questa generazione. 23,37 Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che ti sono mandati! Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! 23,38 Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta. 23,39 Poiché io vi dico, che da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"». Mat 23,32–39;

La legge e i profeti (la religione mosaica) hanno durato fino a Giovanni;

Luca 16,16 La legge e i profeti hanno durato fino a Giovanni; da quel tempo è annunciata la buona notizia del regno di Dio, e ciascuno vi entra a forza. Luca 16,16;


Qui sopra, in Mt 23,38, il Signore dice agli Israeliti: "Ecco, la vostra casa sta per esservi lasciata deserta". Questo è originariamente un detto di Davide (Sal 69,25: «Sia desolata la loro dimora, nessuno abiti le loro tende»), che Pietro cita anche in Atti 1,20, nel suo discorso sull’elezione di un nuovo dodicesimo apostolo al posto del traditore Giuda Iscariota, insieme a un altro detto di Davide, da Sal 109,8: « … un altro prenda il suo posto».

È significativo che questi due detti di Daniele si applicano non solo al traditore Giuda Iscariota, ma anche al tradimento del popolo d’Israele contro il suo Messia. La loro casa sarà lasciata desolata – Dio ha sciolto l’alleanza con Israele – e il loro ufficio – il governo del regno di Dio sulla terra, il Millennio – sarà dato a gente che ne faccia i frutti (Mat 21,43).

Da un punto di vista biblico, dunque, il popolo d’Israele – dopo il suo rifiuto del Messia e a seguito della distruzione del tempio e quindi dell’altare sacrificale a Gerusalemme, nel periodo tra la morte e la risurrezione del Signore fino al suo Ritorno per assumere il suo governo nel Regno Millenario della Pace – non ha più la possibilità di avere un’interazione con il suo Dio, né attraverso la preghiera né attraverso le offerte. Quindi non hanno neanche la remissione dei peccati, a meno che non si convertano a Gesù Cristo – diventando in questo modo cristiani.


Il Nuovo Patto.

Ora ci sono molti esegeti cristiani - soprattutto negli Stati Uniti - che si dedicano all’interpretazione della Bibbia in relazione a Israele. Anche se riconoscono il sacrificio vicario del Figlio di Dio per i peccati dell’umanità, sembra che facciano un’eccezione per gli Israeliti. Traendo le loro conoscenze in gran parte dall’Antico Testamento, dai profeti e dal Libro di Daniele, postulano che Israele potrà tornare a credere nel suo Dio solo in futuro, per mezzo di una "nuova alleanza".

(Vedi anche Discorso 103 "Il "Giorno del Signore" è visibile nel Pentateuco?"/ Interpretazione Reggie Kelly – USA)


Che Israele tornerà alla fede alla venuta del suo Messia - al Ritorno di nostro Signore Gesù Cristo - può essere vero per gli Israeliti rimasti nel Millennio. Ma l’affermazione che Dio avrebbe poi fatto una nuova alleanza con Israele che sarebbe stata valida per l’eternità è semplicemente una falsa conclusione.

A maggior ragione se questa "nuova" alleanza si basa poi nuovamente sulla legalità e sulla rettitudine dell’uomo, invece che sulla grazia di Dio attraverso il sacrificio vicario del Figlio di Dio. Per una migliore comprensione di questa questione, dobbiamo definire cos’è la rettitudine e, ancora di più, cos’è una persona retta.


La salvezza per rettitudine.

Una persona retta è una persona che osserva tutti i comandamenti di Dio. E quindi Cristo, che ha adempiuto a tutti i comandamenti di Dio - fino alla morte sulla croce - era il retto assoluto e la sua rettitudine era perfetta. Il Dio assolutamente giusto esige tale perfetta rettitudine da tutti i suoi servi e credenti. Chi non osserva i comandamenti di Dio è condannato da Dio alla morte. Ma la rettitudine dell’uomo non potrà mai essere perfetta, e quindi tutti gli uomini sono condannati alla morte.

Non c’è nessun giusto, neppure uno, non c’è nessuno che capisca, non c’è nessuno che cerchi Dio.

Rom 3,9 Che dire dunque? Noi siamo forse superiori? No affatto! Perché abbiamo già dimostrato che tutti, Giudei e Greci, sono sottoposti al peccato, 3,10 com’è scritto: «Non c’è nessun giusto, neppure uno. 3,11 Non c’è nessuno che capisca, non c’è nessuno che cerchi Dio. 3,12 Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corrotti. Non c’è nessuno che pratichi la bontà, no, neppure uno». Rom 3,9-12; (Salmi 143,2)

Infatti il salario del peccato è la morte.

Rom 6,23 Infatti il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore. Rom 6,23;


La salvezza per grazia.

Ma Dio ama le persone, perciò permise agli Israeliti nella vecchia alleanza - come documentato all’inizio - di non dover dare la propria vita per i loro peccati, ma di sacrificare la vita di un animale al loro posto. In questo modo i peccati perdonabili degli Israeliti venivano espiati, ed essi ebbero di nuovo accesso a Dio nella preghiera e nella loro vita in qualità di retti.

Ma poi Dio ha mandato suo Figlio sulla terra come essere umano. Poiché Dio era stanco dei molti sacrifici animali, ed inoltre per soddisfare la giustizia assoluta di Dio una volta per tutte, Gesù Cristo ha dato la sua vita sulla croce in offerta per tutti i peccati di tutti gli uomini.

Da quel punto in poi non c’è più la giustizia secondo la legge, ma solo la giustizia per grazia attraverso la fede in Gesù Cristo e il Suo sacrificio vicario per i peccati di tutta l’umanità. Nostro Signore Gesù Cristo è stato il sacrificio per il peccato, l’"Agnello di Dio" che ha dato la sua vita per i peccati del mondo, sostituendo una volta per tutte il sacrificio quotidiano e continuo - il "tamid" - nel tempio. La "legge", l’Antica Alleanza, è dissolta. Nessuno può più essere giustificato secondo questa legge. Solo più la grazia di Dio nel suo Figlio Gesù Cristo giustifica e salva una persona e la rende giusta davanti a Dio per grazia.

Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia.

Gal 5,3 Dichiaro di nuovo: ogni uomo che si fa circoncidere, è obbligato a osservare tutta la legge. 5,4 Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia. Gal 5,3-4;


Come si può vedere, non ci sono eccezioni qui. I presupposti sono gli stessi per tutte le persone. E non ci sono nemmeno "accordi particolari". Che siano ebrei o greci o di qualsiasi nazionalità: solo coloro che vengono alla fede in Gesù Cristo e reclamano questo sacrificio redentore del Figlio di Dio anche per i loro peccati saranno salvati.

Dio, nostro Salvatore, quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità.

1Tim 2,3 Questo è buono e gradito davanti a Dio, nostro Salvatore, 2,4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. 2,5 Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, 2,6 che ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti; questa è la testimonianza resa a suo tempo, 1Tim 2, 3- 6;

Così pure, con un solo atto di giustizia, la giustificazione che dà la vita si è estesa a tutti gli uomini.

Rom 5,18 Dunque, come con una sola trasgressione la condanna si è estesa a tutti gli uomini, così pure, con un solo atto di giustizia, la giustificazione che dà la vita si è estesa a tutti gli uomini. Rom 5,18;


Ma questo significa che non ci può essere un’eccezione nemmeno per gli ebrei - che siano gli ebrei di oggi o quelli del futuro. Possono essere salvati solo se - come per tutte le altre persone - crederanno nel Figlio di Dio - che purtroppo ancora oggi insultano come ingannatore e bestemmiatore - come loro Salvatore e Messia. E quindi è anche del tutto irresponsabile dare agli Israeliti qualsiasi speranza di una nuova "alleanza extra".

La Nuova Alleanza che gli Israeliti aspettano e nella quale sperano, è già stata fatta duemila anni fa. È la Nuova Alleanza nel sangue del Signore Gesù, che fu versato come sacrificio vicario - come un nuovo "tamid" - per tutta l’umanità, anche e in particolare per gli ebrei.

Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi

Luca 22,19 Poi prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me». 22,20 Allo stesso modo, dopo aver cenato, diede loro il calice dicendo: «Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi. Luca 22,19-20;

Per questo Gesu Cristo è mediatore di un nuovo patto, affinché i chiamati ricevano l’eterna eredità promessa.

Ebr 9,11 Ma venuto Cristo, sommo sacerdote dei beni futuri, egli, attraverso un tabernacolo più grande e più perfetto, non fatto da mano d’uomo, cioè, non di questa creazione,

9,12 è entrato una volta per sempre nel luogo santissimo, non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue. Così ci ha acquistato una redenzione eterna.

9,13 Infatti, se il sangue di capri, di tori e la cenere di una giovenca sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano, in modo da procurare la purezza della carne, 9,14 quanto più il sangue di Cristo, che mediante lo Spirito eterno offrì se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la nostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente! 9,15 Per questo egli è mediatore di un nuovo patto. La sua morte è avvenuta per redimere dalle trasgressioni commesse sotto il primo patto, affinché i chiamati ricevano l’eterna eredità promessa. Ebr 9,11-15;

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;


Da questo possiamo comprendere che Dio ha sì punito gli ebrei per la morte di Suo Figlio, tuttavia ha anche lasciato loro aperta una possibilità. Il Signore Gesù dice: "Se non credete che io sono (il Messia)". E lo disse anche agli ebrei. Qui diventa chiaro: in quel momento Dio ha sciolto l’alleanza con il popolo ebraico a causa del loro imperdonabile atto di sangue, ma la sua grazia ha offerto loro una via d’uscita: se gli ebrei crederanno che questo Gesù di Nazareth è il Messia promesso e il Figlio di Dio, allora saranno redenti dai loro peccati e salvati.

Quindi non hanno più bisogno di un tempio, di un altare o di sacrifici animali, ma possono portare questo sacrificio vicario del Figlio di Dio per i loro peccati davanti a Dio e ottenere così il perdono dei peccati. Sono giustificati per grazia, e possono stare davanti al loro Dio come giusti e pregarlo.


La Legge e i profeti.

L’argomentazione di alcuni circoli ebraici secondo cui tutte queste sono solo affermazioni del Nuovo Testamento che non concordano affatto con il Tanakh ebraico, con la Legge (Torah) e i Profeti (Neviim), fu già contraddetta da nostro Signore Gesù Cristo a suo tempo e confutata sulla base della Torah.

Abbiamo nel quarto libro di Mosè il racconto della ribellione del popolo d’Israele quando si trovava sul monte Hor e non aveva né pane né acqua. E si lamentarono di nuovo con Mosè e Aronne: "Perché ci avete fatti salire fuori d’Egitto per farci morire in questo deserto?". Allora il SIGNORE mandò tra il popolo dei serpenti velenosi i quali mordevano la gente, e un gran numero d’Israeliti morì.

Quando il popolo riconobbe il proprio peccato, Mosè pregò il Signore. E Dio gli disse di fare un serpente di bronzo, di inchiodarlo a un’asta e di metterlo in mezzo all’accampamento, e quando un serpente mordeva qualcuno, se questi guardava il serpente di bronzo, restava in vita.

Quando un serpente mordeva qualcuno, se questi guardava il serpente di bronzo, restava in vita.

Num 21,4 Poi gli Israeliti partirono dal monte Or, andarono verso il mar Rosso per fare il giro del paese di Edom; durante il viaggio il popolo si perse d’animo. 21,5 Il popolo parlò contro Dio e contro Mosè, e disse: «Perché ci avete fatti salire fuori d’Egitto per farci morire in questo deserto? Poiché qui non c’è né pane né acqua, e siamo nauseati di questo cibo tanto leggero». 21,6 Allora il SIGNORE mandò tra il popolo dei serpenti velenosi i quali mordevano la gente, e gran numero d’Israeliti morirono. 21,7 Il popolo venne da Mosè e disse: «Abbiamo peccato, perché abbiamo parlato contro il SIGNORE e contro di te; prega il SIGNORE che allontani da noi questi serpenti». E Mosè pregò per il popolo. 21,8 Il SIGNORE disse a Mosè: «Fòrgiati un serpente velenoso e mettilo sopra un’asta: chiunque sarà morso, se lo guarderà, resterà in vita». 21,9 Mosè allora fece un serpente di bronzo e lo mise sopra un’asta; e avveniva che, quando un serpente mordeva qualcuno, se questi guardava il serpente di bronzo, restava in vita. Num 21, 4- 9;


Questa fu la primissima profezia della morte espiatoria sulla croce del Figlio di Dio. - Ed è scritta nella Torah ebraica!!! Proprio come il serpente di bronzo fu innalzato e a quegli Israeliti che lo guardarono furono perdonati i loro peccati e salvati da morte certa, così anche il Figlio dell’Uomo fu innalzato sulla croce. E chi crede in questo sacrificio vicario sarà salvato, gli saranno perdonati i peccati e gli sarà donata vita eterna. Il Signore lo confermò anche a loro:

E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato.

Giov 3,14 «E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, 3,15 affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. 3,16 Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. 3,17 Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 3,18 Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. Giov 3,14-18;


Anche se devo ammettere che il testo della crocifissione di cui sopra da Num 21,4-9 è naturalmente molto più facile da interpretare a posteriori - dopo la crocifissione di Gesù - gli scribi del Sinedrio durante la vita del Signore - ma ancor più le generazioni di Israele dopo e fino ad oggi(!) – dovevano aver conosciuto senza dubbio la profezia, riportata sotto, riguardante il "Servo di Dio" tratta da Isaia 53,1-12, poiché essa - soprattutto l’introduzione in Isa 52:13-15 - è sempre stata riferita al Messia in Israele.

Il mio servo, il giusto, renderà giusti i molti, si caricherà egli stesso delle loro iniquità.

Isa 53,1 Chi ha creduto a quello che abbiamo annunciato? A chi è stato rivelato il braccio del SIGNORE? 53,2 Egli è cresciuto davanti a lui come una pianticella, come una radice che esce da un arido suolo; non aveva forma né bellezza da attirare i nostri sguardi, né aspetto tale da piacerci. 53,3 Disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare con la sofferenza, pari a colui davanti al quale ciascuno si nasconde la faccia, era spregiato, e noi non ne facemmo stima alcuna.

53,4 Tuttavia erano le nostre malattie che egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui si era caricato; ma noi lo ritenevamo colpito, percosso da Dio e umiliato! 53,5 Egli è stato trafitto a causa delle nostre trasgressioni, stroncato a causa delle nostre iniquità; il castigo, per cui abbiamo pace, è caduto su di lui e mediante le sue lividure noi siamo stati guariti. 53,6 Noi tutti eravamo smarriti come pecore, ognuno di noi seguiva la propria via; ma il SIGNORE ha fatto ricadere su di lui l’iniquità di noi tutti.

53,7 Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la bocca. Come l’agnello condotto al mattatoio, come la pecora muta davanti a chi la tosa, egli non aprì la bocca. 53,8 Dopo l’arresto e la condanna fu tolto di mezzo; e tra quelli della sua generazione chi rifletté che egli era strappato dalla terra dei viventi e colpito a causa dei peccati del mio popolo? 9 Gli avevano assegnato la sepoltura fra gli empi, ma nella sua morte, egli è stato con il ricco (Giuseppe di Arimathia), perché non aveva commesso violenze né c’era stato inganno nella sua bocca.

53,10 Ma il SIGNORE ha voluto stroncarlo con i patimenti. Dopo aver dato la sua vita in sacrificio per il peccato, egli vedrà una discendenza, prolungherà i suoi giorni, e l’opera del SIGNORE prospererà nelle sue mani. 53,11 Dopo il tormento dell’anima sua vedrà la luce e sarà soddisfatto; per la sua conoscenza, il mio servo, il giusto, renderà giusti i molti, si caricherà egli stesso delle loro iniquità. 53,12 Perciò io gli darò in premio le moltitudini, egli dividerà il bottino con i molti, perché ha dato se stesso alla morte ed è stato contato fra i malfattori; perché egli ha portato i peccati di molti e ha interceduto per i colpevoli.  Isa 53,1-12;


Questi due passi scritturali del Tanakh, Numeri 21,4-9 e Isaia 53,1-12, contengono l’intera verità sulla vita, le opere e la morte del Figlio di Dio in questo mondo. E anche se gli scribi del Sinedrio di allora avessero potuto conoscere questi testi - il che è piuttosto improbabile - i rabbini degli ultimi duemila anni, che (dovrebbero) conoscere le scritture ebraiche come nessun altro, non hanno mai letto questa profezia sul "Servo di Dio" nel profeta Isaia?

Qui è rappresentata l’intera vita di Gesù di Nazareth. Sorge quindi il sospetto che essi conoscessero molto bene queste affermazioni e che le abbiano anche interpretate correttamente, ma la loro testardaggine e mancanza di volontà di pentirsi è stata più forte della loro coscienza.

Israele non ha conoscenza e il mio popolo non ha intendimento.

Isa 1,2 Udite, o cieli, e ascolta, o terra, perché l’Eterno ha parlato: «Ho allevato dei figli e li ho fatti crescere, ma essi si sono ribellati contro di me. 1,3 Il bue riconosce il suo proprietario e l’asino la mangiatoia del suo padrone, ma Israele non ha conoscenza e il mio popolo non ha intendimento». 1,4 Guai, nazione peccatrice, popolo carico di iniquità, razza di malfattori, figli che operano perversamente! Hanno abbandonato l’Eterno, hanno disprezzato il Santo d’Israele, si sono sviati e voltati indietro. 1,5 Perché volete essere ulteriormente colpiti? Vi ribellereste ancor di più. Tutto il capo è malato, tutto il cuore langue. Isa 1,2–5; Isa 1,2-5;

Dio li consumi, e quelli rifiutano di ricevere la correzione;

Ger 5,3 SIGNORE, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà? Tu li colpisci, e quelli non sentono nulla; tu li consumi, e quelli rifiutano di ricevere la correzione; essi hanno reso il loro volto più duro della roccia, rifiutano di convertirsi. 5,4 Io dicevo: «Questi non sono che miseri, insensati che non conoscono la via del SIGNORE, il giudizio del loro Dio»; 5,5 io andrò dai grandi e parlerò loro, perché essi conoscono la via del SIGNORE, il giudizio del loro Dio; ma anch’essi tutti quanti hanno spezzato il giogo, hanno rotto i legami. Ger 5,3-5;


Si potrebbe pensare che la distruzione del Tempio e della città di Gerusalemme da parte delle truppe romane di Tito nel 70 e l’espulsione del popolo d’Israele dalla sua terra avrebbero fatto riflettere gli Israeliti. Purtroppo, i molti dolorosi pogrom in alcuni paesi europei e, non da ultimo, la sofferenza di milioni di persone nella Shoah - l’Olocausto - sono interpretati da alcuni cristiani come una "punizione" di Dio per Israele. Tuttavia, questo non tiene conto del fatto che Israele è stato senza Dio per duemila anni. E Dio semplicemente non si preoccupa più delle persone senza Dio. Né con la benedizione, ma nemmeno con la punizione.

Ciò che gli ebrei hanno dovuto sperimentare negli ultimi mille anni in termini di tribolazioni e umiliazioni non è stata una punizione di Dio, ma la normalissima brutalità, perversione e violenza di altre persone senza Dio in questo mondo. Ma come dimostra la realtà, anche questo non è stato un motivo valido per il popolo d’Israele di tornare al suo Dio nella fede nel suo Figlio. Ancora una volta, purtroppo, la testardaggine di Israele è stata più forte e gli ebrei si sono rifiutati di pentirsi e di camminare sulla via del bene fino ad oggi. Come Dio disse a Mosè:

"Il SIGNORE disse ancora a Mosè: «Ho considerato bene questo popolo; ecco, è un popolo dal collo duro»." (Es 32,9)

(Vedi anche Discorso 41: "Il collo duro di Israele nel presente e nel passato." [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.])


Gli interpreti cristiani, d’altra parte, che fanno di tutto per trovare una base nelle Scritture per attribuire a Israele una nuova alleanza in un tempo futuro, non fanno altro che rafforzare questo atteggiamento di rigidità degli Israeliti e portarli fuori strada. Essi frugano nell’Antico Testamento, e chiaramente non hanno letto il Nuovo Testamento o passi biblici come Luc 22,20, dove il Signore dice ai Giudei (i suoi discepoli):

"«Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi»."

E qui di nuovo, per escludere un trattamento discriminatorio di Israele come "caso speciale" - come quello che viene spesso usato come base per l’opinione che la conversione di Israele avrà luogo solo in un lontano futuro - Paolo ci dice nella sua lettera a Timoteo:

Dio vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità.

1Tim 2,3 Questo è buono e gradito davanti a Dio, nostro Salvatore, 2,4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. 2,5 Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, 2,6 che ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti; questa è la testimonianza resa a suo tempo, 1Tim 2,3-6;


Quindi, se Paolo dice che Dio vuole che tutta l’umanità sia salvata e arrivi alla conoscenza della verità, perché alcuni predicatori cristiani affermano che questo non si applicherebbe agli ebrei?? Gli ebrei non sono forse esseri umani (abbiamo già avuto questo atteggiamento!)? Cristo è morto quindi solo per i "Gojim" (i non ebrei)?

Gli ebrei, a causa del loro passato e della loro innata testardaggine, fanno già abbastanza fatica ad ammettere a se stessi che i loro padri hanno consegnato il Figlio di Dio alla croce. La consapevolezza che è proprio questo che può portare loro la salvezza e perdonare i loro peccati in un colpo solo viene ora dissuasa in modo fraudolento da predicatori pseudo-cristiani che rivendicano di per sé questo sacrificio redentore del Figlio di Dio per i propri peccati, ma lo vogliono negare agli ebrei.

Non è già sufficiente che l’Agenzia Ebraica, l’agenzia per l’immigrazione del governo israeliano, richieda ad ogni immigrato l’obbligo contrattuale(!) di non predicare il cristianesimo né parlare di Gesù Cristo in Israele? Non basta già che i cristiani evangelici in Israele siano perseguitati e ostacolati sia dagli ebrei ortodossi che dagli atei russi immigrati e dalla massa senza Dio degli israeliani, come scrive suor Hanna Weitzel, che si trova attualmente in Israele::

“Vorrei andare qui nella loro comunità con Suor Shoshanna e prendere contatto con altri credenti (che qui stanno soffrendo una persecuzione abbastanza massiccia da parte degli ebrei ortodossi). Si riuniscono come comunità, ma certamente hanno ancora bisogno del sostegno delle nostre preghiere. Qui ad Arad c’è anche un numero incredibile di immigrati dalla Russia! (Una questione di profonda preoccupazione per me, come molti sanno). (...) Qui in questo luogo i fedeli che credono nel SIGNORE GESÙ CRISTO stanno soffrendo la più violenta persecuzione! Sono perseguitati dagli Harridim (ebrei ultra-ortodossi/nota), le loro case vengono incendiate, non ricevono alcun sostegno dalla polizia quando sono sotto attacco, non hanno alcun sostegno dal sindaco, devono cambiare continuamente luogo per continuare a tenere le loro riunioni/assemblee, gli immigrati russi evangelici sono stati vicini a morire bruciati alcuni anni fa, se il fuoco appiccato dagli Harridim non si fosse spento. E quando ora leggiamo anche che il CORPO DI CRISTO non è benvenuto, né qui né alle conferenze in Germania, allora è davvero ora di svegliarsi!”

(Vedi anche Discorso 1013: "L’‘Aliyah’ – La grande tentazione per la comunità negli Ultimi Tempi" / Hannelore Weitzel 00, 02-05-2010)


Se Dio ha offerto questa salvezza per grazia (anche) agli ebrei, come possono alcuni esegeti e predicatori sostenere che questo non si applicherebbe agli ebrei perché dovrebbero aspettare una "nuova alleanza" nel futuro? È vero che non tutti gli Israeliti si convertiranno a Gesù Cristo. Ed è anche vero che gli occhi di tutto il popolo d’Israele si apriranno solo fino al Millennio, quando riceveranno il Figlio di Dio con le parole:

Da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!

Mat 23,36 Io vi dico in verità che tutto ciò ricadrà su questa generazione. 23,37 «Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi quelli che ti sono mandati, quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come la chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le ali; e voi non avete voluto! 23,38 Ecco, la vostra casa sta per esservi lasciata deserta. 23,39 Infatti vi dico che da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"» Mat 23,36-39;


Ma fino a quel momento è perfettamente possibile che singoli ebrei qua e là riconoscano la verità, giungano ad avere fede nel Figlio di Dio e siano salvati. Perché questa "Nuova Alleanza" del futuro, alla quale tutto il popolo d’Israele si unirà nel Millennio, non è altra alleanza che quella Nuova Alleanza che il nostro Signore Gesù Cristo ha concluso con Dio Padre duemila anni fa, versando il suo sangue per i peccati di tutti gli esseri umani.

«Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi..

Luca 22,19 Poi prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me». 22,20 Allo stesso modo, dopo aver cenato, diede loro il calice dicendo: «Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, che è versato per voi.  Luca 22,19-20;

Per questo Gesu Cristo è mediatore di un nuovo patto, affinché i chiamati ricevano l’eterna eredità promessa.

Ebr 9,11 Ma venuto Cristo, sommo sacerdote dei beni futuri, egli, attraverso un tabernacolo più grande e più perfetto, non fatto da mano d’uomo, cioè, non di questa creazione,

9,12 è entrato una volta per sempre nel luogo santissimo, non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue. Così ci ha acquistato una redenzione eterna.

9,13 Infatti, se il sangue di capri, di tori e la cenere di una giovenca sparsa su quelli che sono contaminati, li santificano, in modo da procurare la purezza della carne, 9,14 quanto più il sangue di Cristo, che mediante lo Spirito eterno offrì se stesso puro di ogni colpa a Dio, purificherà la nostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente! 9,15 Per questo egli è mediatore di un nuovo patto. La sua morte è avvenuta per redimere dalle trasgressioni commesse sotto il primo patto, affinché i chiamati ricevano l’eterna eredità promessa. Ebr 9,11-15;


Ogni israelita che aderisce a questa alleanza e viene alla fede in Gesù Cristo e nel suo sacrificio vicario, ha tutti i suoi peccati perdonati per grazia, e così sarà salvato dalla (seconda) morte certa. Così egli può stare giorno dopo giorno di fronte al suo Dio, proprio come se il sacrificio quotidiano ripetuto (il tamid) fosse ancora in corso nel Tempio di Gerusalemme, e può pregare il suo Dio come una persona giusta giustificata per grazia. E questo è anche confermato da quei passi dell’Antico Testamento cui si è fatto riferimento sopra (Num 21,4-9; Isa 52,13-15; Isa 53,1-12).

(Vedi anche Excursus 08: "La prima e il seconda morte.")


Israele alla luce della Bibbia.


Secondo l’Antico Testamento

Dio non ha più alcuna compassione per la casa d’Israele (Os 1:6). Loro non sono più il suo popolo (Os 1:9). Il Signore salverà solo la casa di Giuda. Non con la guerra, però, ma con il suo Spirito (Os 1:7). Soltanto nel Millennio, quando il Figlio di Dio avrà assunto il suo dominio millenario sulla terra (Os 2:1.20; Ez 34:25; Is 2:4), il Signore li riconoscerà di nuovo come il suo popolo (Os 2:25; Ger 31:27-28).

Secondo il Nuovo Testamento

È la volontà di Dio che noi prestiamo ascolto a suo Figlio (Mat 17:5). Questo Figlio di Dio ci ha detto che ogni essere umano che lo rifiuta, rifiuta anche Dio (1Gio 2:23; Luca 10:16; Giov 5:22-23.15,23). Il popolo d’Israele di oggi nega il Figlio di Dio e lo offende come truffatore e bestemmiatore. Attraverso questa negazione del Figlio, Israele ha rifiutato anche il Padre ed è dunque un popolo senza-Dio (Giov 8:24).


Gli "amici di Israele" nelle comunità cristiane vendono dunque il loro diritto di primogenitura come discepoli di Cristo contro il piatto di lenticchie di un complice di atei truffatori. - Per Israele non vi è alcuna conversione spirituale al loro Dio, né alcun ritorno nel loro paese voluto da Dio, a meno che essi non si convertano a Gesù Cristo!! (Mat 23:38-39; Gal 5:4).




Dio è uno solo?

Infine, l’argomento che viene ripetutamente avanzato dagli ebrei, che nella loro professione di fede "Shma Yisrael" in Deut 6,4: "Ascolta, Israele: il SIGNORE (YHWH), il nostro Dio (Elohim), è l’unico SIGNORE." parla solo di un Dio, è semplicemente sbagliato.

In questo testo, la parola ebraica per Dio: "Elohim" è plurale, simile a seraf/serafim, cherub/cherubim, tefil/tefilim, pur/purim, ulpan/ulpanim, sofer/sofrim, oleh/olim, ecc. La traduzione letterale corretta è quindi: "YHWH, i nostri dei". (Vedi anche:  (Vedi anche: https://www.amzi.org/html/schma_israel.html)

(Vedi anche Discorso 1072: "È la trinità solo una azione di Dio in tre persone?")


Le chiese cristiane.

Oltre all’inganno nei confronti degli Israeliti da parte di predicatori ed esegeti pseudo-cristiani che negano una possibilità attuale di conversione per gli ebrei e propagano la loro falsa speranza di una nuova alleanza nel futuro, anche tutti quegli Israeliti che hanno riconosciuto la verità e vogliono rivolgersi alla fede in Gesù Cristo sono condotti su una falsa strada dalle grandi chiese cristiane, come sarà dimostrato nel seguito. Al giorno d’oggi queste chiese non possono quindi più essere chiamate "cristiane", poiché hanno abbandonato la Bibbia come base della fede cristiana in molti ambiti.

Le Chiese cattoliche.

Che si tratti della Chiesa cattolica - romana o ortodossa - che adora un demone con il suo idolo non biblico "Maria", che appare a Lourdes e Fatima e che dal 1981 fino agli anni ’90 ha proclamato il noto messaggio a Medjugorje:

"Io sono la mediatrice tra voi e Dio" [1]

E questo nonostante il fatto che Paolo scriva in 1Tim 2,5:

"c’è un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo."

Ma le apparizioni mariane della chiesa cattolica (per esempio a Roma, 1977), presentano ai cattolici il seguente invito:

"Devi usarmi come il santo e unico mezzo per raggiungere Dio e portare le anime a me". " [2]

Dove finiranno queste anime è ovvio. Pertanto, queste apparizioni di Maria della Chiesa Cattolica sono chiaramente manifestazioni del mondo demoniaco. E poiché questa chiesa integra sempre più questo demone nella sua dottrina attraverso dogmi, come "l’immacolata concezione di Maria" (attraverso sua madre Anna!! 1854), "Madre di Dio" (1931), "Assunzione" (1950), al fine di ottenere una finta "uguaglianza" con nostro Signore Gesù Cristo e di spostare il popolo della chiesa dal culto del Figlio di Dio al culto di questo demone, chiunque aderisca a questa dottrina finisce nella dannazione.

Le chiese riformate.

Ed ora è interessante constatare che le chiese protestanti ed evangeliche, una volta riformate, oggigiorno non aderiscono più fedelmente al merito dei loro padri nella fede, la separazione dalla Chiesa cattolica. Nell’ecumenismo, sono desiderosi di unirsi alla Chiesa cattolica per partecipare alla pienezza del potere di questo tempio idolatrico.

Sono arrabbiati perché viene ancora negata loro la partecipazione all’"Eucaristia" cattolica - la "trasformazione" non biblica di un’ostia nel corpo di Cristo - da parte della Chiesa cattolica, invece di attenersi in modo orgoglioso e fedele alla vera commemorazione biblica della Cena del Signore come comandato dal Signore in Luca 22:19-20.

(Vedi anche Discorso 92: "La Cena del Signore: un pasto commemorativo o una transustanziazione?" [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.])


Inoltre, nelle chiese protestanti gli omosessuali sono sposati e persino nominati come sovrintendenti (vescovi), anche se Paolo ci avverte:

Gli uomini hanno abbandonato il rapporto naturale con la donna, si sono infiammati nella loro voluttà.

Rom 1,24 Per questo Dio li ha abbandonati all’impurità, secondo i desideri dei loro cuori, in modo da disonorare fra di loro i loro corpi; 1,25 essi, che hanno mutato la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e servito la creatura invece del Creatore, che è benedetto in eterno. Amen. 1,26 Perciò Dio li ha abbandonati a passioni infami: infatti le loro donne hanno cambiato l’uso naturale in quello che è contro natura; 1,27 similmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono infiammati nella loro libidine gli uni per gli altri commettendo uomini con uomini atti infami, ricevendo in loro stessi la meritata ricompensa del proprio traviamento. Rom 1,24-27;


Le comunità evangeliche.

Nelle comunità evangeliche, infine, troviamo anche quegli esegeti che predicano che gli Israeliti riceveranno una nuova alleanza in futuro e non hanno alcuna possibilità di convertirsi prima di questo tempo. Questi sono spesso predicatori ebrei, e una delle false dottrine che propagano è l’opinione che la fondazione sionista dello Stato d’Israele nel 1948 sia stato il "raduno fatto da Dio" profetizzato nell’Antico Testamento. Questi predicatori ebrei sono anche quelli che invitano i fratelli e le sorelle delle comunità evangeliche a portare gli ebrei di tutto il mondo - soprattutto della Russia atea - in Israele (Aliyah), dove le missioni cristiane sono assolutamente vietate..

(Vedi anche Discorso 1013: "Il ‘movimento di Israele’ nelle comunità cristiane" – Il sionismo cristiano-evangelico.)


Inoltre, in queste comunità evangeliche molti predicatori offrono la fede cristiana come un’occasione, promettendo la salvezza completamente gratuita e senza alcuno sforzo. È il cosiddetto "vangelo della prosperità" che viene diffuso, e non è più una questione di conversione e pentimento, ma di "fare numero". Non solo in televisione, dove questi predicatori vendono la fede cristiana come un qualsiasi venditore ambulante, ma anche nelle missioni di evangelizzazione nelle comunità evangeliche, dove l’importante non è la qualità ma la quantità degli aderenti, generalmente sfruttata come base per la pubblicità.

Gli ebrei messianici.

Quelli che restano sono i cosiddetti "ebrei messianici". Gli ebrei messianici sono Israeliti che si considerano ebrei (orientamento osservante della Torah)[3] e allo stesso tempo credono in Gesù Cristo come loro Redentore. Non solo lo considerano il Redentore nel senso cristiano tradizionale, ma lo interpretano - giustamente - come il "Salvatore d’Israele" con l’aiuto della teologia del Nuovo Testamento e gli scritti della Bibbia cristiana.

La Bibbia - che per loro comprende sia il Tanakh ebraico (l’Antico Testamento) che le Scritture del Nuovo Testamento - forma la base della loro fede cristiana e trinitaria, della loro dottrina e del loro stile di vita. Sono convinti che la Bibbia cristiana nella sua interezza sia ispirata da Dio [4].

In questa forma di fede cristiana, in realtà troviamo esattamente la stessa forma che si trovava anche tra i primi cristiani. Anche loro erano ebrei mosaici che avevano professato Gesù Cristo come loro Salvatore. Eppure - o proprio per questo - gli ebrei messianici in Israele e anche al di fuori di Israele, come si può vedere dal commento qui sotto di un rabbino di Berlino, sono attaccati in modo sproporzionato dagli ebrei mosaici.


(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Il "Giudaismo Messianico" è un movimento malvagio? / Rabbino Dr. Chaim Z. Rozwaski, Berlino 2011-12-06)

(…) Credere in Gesù significava già allora, e significa ancora oggi, rifiutare il giudaismo. Ma essere ebreo significava già allora, e significa ancora oggi, rifiutare Gesù e il cristianesimo. Non c’è via di mezzo, questo era ed è un fatto storico. Negare questo significa non prendere atto della storia

Il "Giudaismo Messianico" è un movimento malvagio perché distorce ugualmente il giudaismo e il cristianesimo e distorce la verità su entrambe le religioni. Il cristianesimo è nel suo nucleo la negazione del giudaismo, così come il giudaismo è nella sua essenza la negazione del cristianesimo.

Affermare che è possibile essere un "ebreo per Gesù" danneggia la coscienza e il pensiero religioso di entrambe le fedi, e in questo senso il movimento è malvagio. Lo è anche perché porta alla distruzione della religione ebraica e del popolo ebraico. Questo movimento ha l’intenzione dichiarata di convertire gli ebrei al cristianesimo e quindi di distruggere il popolo ebraico alla radice. La vera natura dello slogan "Ebrei per Gesù" è l’intenzione di distruggere il giudaismo portando gli ebrei lontano da esso e verso Gesù, il punto focale del cristianesimo.

Non ci può essere malvagità più grande di questo inganno deliberato. Si presenta come una caramella velenosa in un involucro di cioccolato. Chi inghiotte questo dolce pensa di mangiare una caramella al cioccolato, ma alla fine sarà quasi certamente ucciso dal veleno. Lo stesso accadrà a tutti coloro che ingoiano la pillola degli "ebrei per Gesù". Possono pensare che questo abbia un sapore dolce all’inizio, ma alla fine l’ebraismo in loro morirà sicuramente e saranno persi per il popolo ebraico per sempre.

L’intenzione di queste persone è di distruggere il popolo ebraico. Questa è un’altra forma del tentativo missionario cristiano di convertire gli ebrei e quindi di farli sparire dalla faccia della terra. (…)

Rabbi Dr. Chaim Z. Rozwaski, rabbino della comunità liberale di Berlino

https://juden.judentum.org/judenmission/messianische-juden.html



Sappiamo dalle parole del loro e del nostro Dio (Ez 32:9) che Israele è un popolo testardo. Ma la malvagità imputata qui dal Rabbino Dr. Chaim Z. Rozwaski agli ebrei messianici si rivela chiaramente come una qualità che egli stesso possiede in abbondanza, quando afferma che Gesù e il cristianesimo vogliono annientare il "giudaismo". Questa è un’infame allusione alla persecuzione degli ebrei sotto il dominio dei nazisti, e chiunque cerchi di associare "Gesù e il cristianesimo" a ciò può essere descritto solo come maligno.

A parte questo, il "giudaismo" prima di tutto non è una categoria religiosa, ma la designazione dell’etnia di un ebreo. E ogni ebreo - anche quello non credente - si opporrebbe se non gli fosse più permesso di chiamarsi "ebreo". E infine, secondo le dichiarazioni della Bibbia, questo popolo non può essere affatto "distrutto". Ci sono chiare profezie nell’Antico Testamento (Ger 31:7) che predicono Israele nel Millennio come "capo delle nazioni" - cioè come potenza mondiale - così come riferimenti nel Nuovo Testamento (Mat 24:34) che vedono questo popolo anche alla fine dei giorni.

È proprio il vecchio problema per cui questo tipo di ebrei cerca sempre i difetti degli altri e non ha imparato nulla dalla storia - e nemmeno dalla Bibbia. Né la distruzione di Gerusalemme, del Tempio, dell’altare, né l’espulsione del popolo dalla sua terra fanno capire a questo popolo che Dio lo ha abbandonato da duemila anni - da quando ha consegnato suo Figlio alla croce. E quindi nulla qui può essere più "distrutto". A quel tempo, essi stessi avevano già distrutto ogni legame con il loro Dio.

In verità allora sono loro stessi questa "caramella avvelenata" - quelli che perpetuano il tradimento pseudo-cristiano nei confronti degli Israeliti credenti da parte ebraica, e cercano di convincere gli ebrei che Israele ha ancora un Dio da pregare. La tattica da entrambe le parti è la stessa: la gente prende le profezie dell’Antico Testamento che si riferiscono al Regno Millenario di Pace del Figlio di Dio alla fine dei giorni, e afferma che esse "si stanno realizzando ai nostri giorni".

Anche se - o proprio perché - gli ebrei messianici rappresentano i "protocristiani" del nostro tempo, non hanno nemmeno la corretta fede cristiana biblica. Il punto in questione è sicuramente ben lungi dall’essere il loro osservare il sabato invece della domenica. Senza voler qui difendere le false dottrine degli avventisti del settimo giorno, il sabato, come "giorno del Signore", ha effettivamente un’origine biblica. La festa della domenica è un’invenzione cattolica, simile al divieto del vino ai fedeli nella Cena del Signore. Allo stesso modo il divieto di mangiare carne il venerdì serviva al Vaticano come mezzo per aumentare il fatturato dei suoi allevamenti ittici in Italia.

No, il problema degli ebrei messianici è lo stesso problema che Paolo ha spiegato dettagliatamente nella sua lettera alla comunità protocristiana di Roma, specialmente in Rom 4:1-25. Si tratta della circoncisione. Per farla breve, Paolo si basa su un’affermazione di Davide nei Salmi:

Beato l’uomo a cui la trasgressione è perdonata, e il cui peccato è coperto!

Sal 32,1 Di Davide. Cantico. Beato l’uomo a cui la trasgressione è perdonata, e il cui peccato è coperto! 32,2 Beato l’uomo a cui il SIGNORE non imputa l’iniquità e nel cui spirito non c’è inganno! Sal 32, 1- 2;


Paolo associa questa beatitudine ad Abramo, visto che Abramo fu il primo a ricevere il comandamento della circoncisione. E Paolo dimostra che Abramo - mentre non era ancora stato circonciso - prima di tutto ebbe fede in Dio, e solo dopo ricevette da Dio l’ingiunzione di circoncidersi come sigillo della giustizia della fede. Così la fede gli fu attribuita sotto forma di giustizia. Non solo a lui, però, ma anche a noi che crediamo in Colui che ha risvegliato Gesù nostro Signore dai morti:

Gesi, il quale è stato dato a causa delle nostre offese ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione.

Rom 4,23 Or non per lui soltanto sta scritto che questo gli fu messo in conto come giustizia, 20,24 ma anche per noi, ai quali sarà pure messo in conto;per noi che crediamo in colui che ha risvegliato dai morti Gesù, nostro Signore, 20,25 il quale è stato dato a causa delle nostre offese ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione. Rom 4,23-25;


Quindi Paolo dice agli ebrei messianici nella lettera ai Galati che se loro continuano a praticare la circoncisione:

Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia.

Gal 5,2 Ecco, io, Paolo, vi dichiaro che, se vi fate circoncidere, Cristo non vi gioverà a nulla. 5,3 Dichiaro di nuovo: ogni uomo che si fa circoncidere, è obbligato a osservare tutta la legge. 5,4 Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia. Gal 5, 2- 4;


Rispettare tutta la legge, cioè osservare tutti i comandamenti di Dio, non è possibile per nessun essere umano, altrimenti il Figlio di Dio non sarebbe dovuto morire sulla croce. Così, anche se gli ebrei messianici pensano di credere in Gesù Cristo come loro Salvatore, quelli tra loro che praticano la circoncisione hanno di fatto perso questa salvezza per grazia. Per quanto possa essere difficile per noi cristiani farlo, dobbiamo pur dirglielo: non potendo essere salvati neanche dalla giustizia della legge, sono condannati alla dannazione proprio come qualsiasi non ebreo. Che il Signore conceda loro questa conoscenza.

Perché mediante le opere della legge (per esempio la circoncisione) nessuno sarà giustificato davanti a lui.

Rom 3,9 Che dire dunque? Noi siamo forse superiori? No affatto! Perché abbiamo già dimostrato che tutti, Giudei e Greci, sono sottoposti al peccato, 3,10 com’è scritto: «Non c’è nessun giusto, neppure uno. 3,11 Non c’è nessuno che capisca, non c’è nessuno che cerchi Dio. 3,12 Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corrotti. Non c’è nessuno che pratichi la bontà, no, neppure uno». (Sal 14:1-3) 3,13 «La loro gola è un sepolcro aperto; con le loro lingue hanno tramato frode». «Sotto le loro labbra c’è un veleno di serpenti». (Sal 140:4) 3,14 «La loro bocca è piena di maledizione e di amarezza». (Sal 10:7) 3,15 «I loro piedi sono veloci a spargere il sangue. 3,16 Rovina e calamità sono sul loro cammino 3,17 e non conoscono la via della pace». (Isa 59:7-8) 3,18 «Non c’è timor di Dio davanti ai loro occhi». (Sal 36:2) 3,19 Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge, affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio; 3,20 perché mediante le opere della legge nessuno sarà giustificato davanti a lui; infatti la legge dà soltanto la conoscenza del peccato. Rom 3, 9-20;


La ricerca della corretta comprensione.

Tra i primi cristiani al tempo di Paolo, l’obiettivo dei predicatori era quello di diffondere il vangelo e trasmettere gli insegnamenti di Cristo. A questo scopo, si riunivano (ekklesia= greco: assemblea/comunità) nella casa di uno dei fratelli. Il pubblico di solito consisteva di circa 20-30 persone che si riunivano intorno al predicatore nello spazio ristretto della stanza. Se sorgevano delle domande, potevano essere poste immediatamente e si rispondeva prontamente.

Nel corso degli ultimi duemila anni, tuttavia, le priorità sono cambiate. L’obiettivo principale non è più quello di trasmettere gli insegnamenti di Cristo, ma di attirare quanti più ascoltatori possibile nelle chiese. Questo è iniziato con la Chiesa cattolica, che ha costruito case di culto sempre più grandi in tutto il mondo.

D’altra parte, però, con l’invenzione di idoli (Maria) e falsi insegnamenti ("dogmi"), ma anche attraverso l’integrazione del mondo degli spiriti e dei demoni di altre religioni, che sono avanzati fino a diventare i "santi" della chiesa cattolica, i limiti per aderire alla chiesa sono stati livellati in modo da acquisire il maggior numero di membri il più rapidamente possibile. È così che la Chiesa cattolica è riuscita a guadagnare più di un miliardo di membri (non cristiani!) in tutto il mondo fino ad oggi.

Mentre la crescita dei membri della Chiesa cattolica è attualmente in declino a causa dei numerosi scandali in tutto il mondo, le chiese evangeliche come Willow Creek o Saddleback godono di una popolarità sempre maggiore negli Stati Uniti. Willow Creek è già la quarta chiesa più grande degli Stati Uniti e ha 23.000 fedeli nei fine settimana. Ma anche la comunità di Saddleback del pastore Rick Warren con 22.000 membri a Lake Forest, California, continua a crescere.

(Vedi anche: "Willow Creek Community Church: Una confessione scioccante" [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.])


Questo tipo di funzione religiosa di massa è qualcosa che ci è familiare anche attraverso un altro predicatore americano: Billy Graham appariva spesso negli stadi di calcio e i suoi sermoni erano altrettanto seguiti come quelli della predicatrice americana Joyce Meyer, che ai nostri giorni è conosciuta in tutto il mondo.

Diverse migliaia di ascoltatori sono incantati dalle sue parole. Lei stessa corre avanti e indietro sul palco come un cane da guardia e "abbaia" al pubblico. E quando non riceve applausi per le sue dichiarazioni, fa trasalire il suo gregge con l’osservazione sarcastica: "Cosa c’è che non va? Vi siete già addormentati tutti?".

Oltre al vantaggio di potersi rivolgere a un gran numero di persone con eventi così grandi, si riconosce qui anche il loro grande svantaggio: gli ascoltatori sono spesso disattenti, non riescono a seguire il sermone e perdono il filo nel corso del tempo.

Questo porta naturalmente a malintesi e a domande senza risposta, che però non possono essere poste o a cui non può essere data risposta in virtù della grande quantità di spettatori. E alla fine, la gente può ricordare una o due dichiarazioni pregne di significato, mentre il resto viene dimenticato.

Mentre ora la Chiesa cattolica rifiuta la Bibbia come unica base per i suoi insegnamenti e si basa principalmente sulle "tradizioni dei Padri della Chiesa", gli altri tra i predicatori menzionati sopra fanno assolutamente riferimento alla Bibbia. Tuttavia, se prendiamo Joyce Meyer come esempio, ciò che predica non è sbagliato, semplicemente però non è il Vangelo.

Ciò che insegna sono le regole di condotta sociali e di vita in comune, per esempio come le persone dovrebbero comportarsi verso i loro simili e come possono disciplinarsi. Ma non dice una parola sul perché Cristo sia morto e su come queste persone possano giungere alla vera ed autentica fede cristiana.

Tuttavia anche la situazione in molte chiese evangeliche più piccole - almeno nei paesi di lingua tedesca - non è poi tanto migliore. Anche lì, l’attenzione è principalmente rivolta al numero di membri e il programma è progettato in base a ciò che potrebbe attirare ancora più spettatori. Per esempio, le funzioni religiose sono proposte con eventi di danza e piccoli concerti pop, a cui naturalmente gli insegnamenti di Cristo non si adattano così bene .

Inoltre, la direzione della comunità è più preoccupata di trovare prestiti per espandere i locali della chiesa e accogliere ancora più membri, invece di cercare predicatori adatti che possano rafforzare ed espandere la fede e la conoscenza dei membri della chiesa.

Come possiamo vedere, il carro si è impantanato in questo punto e a causa del cosiddetto "Management by Champignon" praticato nella maggior parte delle comunità - che consiste nel tenere i fratelli e le sorelle all’oscuro e nell’annaffiarli di tanto in tanto - la situazione purtroppo non cambierà molto presto. - Cosa si può dunque consigliare al giorno d’oggi a una persona che, con un cuore sincero, cerca la giusta conoscenza nella fede cristiana e il giusto cammino?

La ricerca è sì lunga e laboriosa, ma è ancora possibile trovarle qua e là - quelle comunità, cioè, in cui la dottrina di Cristo, come ci è stata tramandata nella Bibbia, viene predicata e diffusa. Bisogna cercarle, e sperare che non siano troppo lontane dal luogo in cui si vive. Internet può senza dubbio essere una risorsa utile in questo caso, dato che molte comunità pubblicizzano il loro profilo e i loro sermoni su un sito web.

Se non riusciamo a trovare una comunità adatta vicino a noi, internet è anche un buon posto per cercare almeno un gruppo di studio biblico in casa o simili, che spesso funzionano anche meglio di una brutta comunità. Ma anche qui è necessario prima di tutto verificare la base di fede di queste persone, altrimenti gli scontri saranno all’ordine del giorno.

Se non si riesce a trovare né una comunità fedele alla Bibbia né un gruppo biblico domestico nelle vicinanze, c’è ancora la possibilità di studiare i sermoni su un sito web serio. Sulla base di 2Cor 2,17, tuttavia, questo sito dovrebbe in ogni caso essere gratuito. Il grande svantaggio di quando si studia su un sito web – il fatto che non si possa vedere il predicatore faccia a faccia - ha un inaspettato vantaggio, se solo si pensa ai criteri di selezione dei rappresentanti per le visite a domicilio.

Per questo si ricorre sempre a persone dall’aspetto attraente e dalla persuasività retorica. E naturalmente, le persone con queste qualità si affermano meglio anche nelle comunità e nei circoli biblici domestici. Purtroppo, però, specialmente con tali personaggi nella predicazione porta-a-porta, è molto grande il pericolo che essi si concentrino meno sullo sviluppo spirituale dei loro ascoltatori e più sul proprio avanzamento finanziario e di carriera.

Il grande vantaggio dello studio online, che non è affatto ovvio a prima vista, è la disponibilità immediata di tutti i sermoni. A differenza della comunità dove si può solo imparare e valutare il taglio dottrinale passo dopo passo e come risultato di un lungo processo di ricerca e interrogazione, i sermoni rilevanti su un sito web possono essere consultati rapidamente, per cui generalmente si sa subito come girano le cose. Questa è un’altra ragione per evitare, per quanto possibile, siti web in cui i sermoni sono offerti solo in parte gratuitamente, o che sono accessibili solo ai membri registrati.

Anche con gli autori che offrono i loro sermoni o le loro conoscenze sotto forma di libri a scopo di lucro, ci si deve interrogare sul giusto background spirituale. Perché da un lato violano il comandamento di Paolo in 2Cor 2:17 e commercializzano la Parola di Dio. Dall’altro lato, i veri predicatori del vangelo non dipendono dalle donazioni o dal pagamento del loro lavoro da parte della gente. Sono servi di Dio e non servi degli uomini, e quindi Dio provvederà anche al loro sostentamento nel modo giusto.

Così anche Paolo si guadagnava da vivere come fabbricante di tende (Atti 18:3) e, anche se ne avrebbe avuto diritto grazie alla sua attività di predicatore, rinunciò al sostegno dei fratelli per non causare un ostacolo al vangelo di Cristo (1Cor 9:12). E per non causare un ostacolo al vangelo di Cristo, anche i giusti operai di Dio si guadagnano da vivere non con la predicazione porta-a-porta, ma con il proprio lavoro professionale (la predicazione non è una professione, ma una chiamata).

Non traggono il loro sostentamento da onorari, donazioni o royalty su prodotti venduti, dando alla gente l’impressione che sia il Vangelo ad essere in vendita, quando in realtà è l’autore. Ma come ha detto il predicatore del Risveglio Gottfried Daniel Pomacher di Wuppertal:

"Non ci sono aquile che volano nei cieli della chiesa oggi, e quindi gli uccellini non hanno alcuna scala per giudicare la loro grandezza."


Per inciso, lo stesso autore ha anche fatto una dichiarazione che sta diventando sempre più importante al giorno d’oggi, con tutti gli "uccellini" delle comunità:

"Il cristianesimo non consiste nelle parole ma nella potenza dello Spirito Santo nei credenti. Non sono le colonne del tempio coloro che si guadagnano l’ammirazione dei loro ascoltatori nelle preghiere pubbliche con "Signore, Signore", ma coloro che a casa, riflettendo dentro di sé e senza un solo ascoltatore, rivolgono le loro preghiere al Signore, sono i veri portatori della chiesa."


EOra, indipendentemente da quale delle varianti di cui sopra si scelga, rimane - almeno per i principianti nella fede cristiana - un problema da risolvere: come riconoscere quali interpretazioni sono giuste e quali sono sbagliate? Poiché la base della giusta fede cristiana è la Bibbia, ogni interpretazione deve essere verificata rispetto alla Bibbia. Gli esegeti seri portano di loro iniziativa i passi biblici rilevanti tra i commenti e indicano i passi paralleli con i riferimenti. Se questo non si trova in un’interpretazione, getta una cattiva luce sull’interprete.

Questi passi biblici e i passi paralleli - se disponibili - devono poi essere controllati attentamente nella propria Bibbia (online se possibile) e confrontati con le affermazioni del commento. Nel fare ciò, si dovrebbe sempre guardare anche il contesto di queste citazioni bibliche, perché spesso viene citato solo un particolare versetto e il contesto prima e quello dopo possono suggerire un’interpretazione completamente diversa.

Qui è anche molto utile avere una traduzione della Bibbia che offre riferimenti a passaggi paralleli. Si possono poi includerli nelle proprie riflessioni. E in linea di principio si dovrebbe (poter) fare questo anche nelle presentazioni orali, ma non sempre viene fornita una copia scritta del sermone.

Qualunque sia la strada scelta, se si vuole essere sicuri di ottenere effettivamente la giusta interpretazione, ci sarà un sacco di lavoro da fare. Ma quando si tratta di una decisione di fede, la questione cruciale è se farsi prendere da una setta (Testimoni di Geova, Mormoni o altro) o da un gruppo settario (Antitrinitari, Carismatici ecc.) o se ci si può affidare a interpretazioni che siano correttamente basate sulla Bibbia. Se si fa la cosa più semplice e si cerca di risparmiare tempo, si sta certamente risparmiando nel posto sbagliato.

Come prova del fatto che anche negli Stati Uniti ci sono predicatori ortodossi in grado di evidenziare in modo esemplare questo problema della falsa dottrina nelle comunità e di spiegarlo in modo accessibile, ecco il link di un video su Youtube inviato da una visitatrice:


Il segreto meglio custodito dell’inferno, perché l’evangelismo moderno spesso fallisce (con traduzione simultanea in italiano).


(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Gli ebrei dovrebbero attenersi all’Antica Alleanza? / Commento Ingmar Bauer 00, 2012-02-11)

Caro signor Horak, grazie per i suoi numerosi e validi testi utili per una migliore e più profonda comprensione del Vangelo.

Vorrei fare due commenti sui suoi ultimi due discorsi (Discorso 110 [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.], Discorso 111) (…)

In relazione al Discorso 111, vorrei sapere come Lei concilia le sue osservazioni con Atti 21,18-26:


Atti 21,18 Il giorno seguente, Paolo si recò con noi da Giacomo; e vi si trovarono tutti gli anziani. Dopo averli salutati, Paolo si mise a raccontare dettagliatamente quello che Dio aveva fatto tra i pagani, per mezzo del suo servizio. Ed essi, dopo averlo ascoltato, glorificavano Dio. Poi, dissero a Paolo: «Fratello, tu vedi quante migliaia di Giudei hanno creduto; e tutti sono zelanti per la legge. Ora sono stati informati su di te che vai insegnando a tutti i Giudei sparsi tra i pagani ad abbandonare Mosè, e dicendo di non circoncidere più i loro figli e di non conformarsi più ai riti. E allora? Sicuramente verranno a sapere che tu sei venuto. Fa’ dunque quello che ti diciamo: noi abbiamo quattro uomini che hanno fatto un voto; prendili con te, purìficati con loro e paga le spese per loro affinché possano radersi il capo; così tutti conosceranno che non c’è niente di vero nelle informazioni che hanno ricevute sul tuo conto; ma che tu pure osservi la legge. Quanto ai pagani che hanno creduto, noi abbiamo scritto decretando che si astengano dalle cose sacrificate agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalla fornicazione». Allora Paolo, il giorno seguente, prese con sé quegli uomini e, dopo essersi purificato con loro, entrò nel tempio, annunciando di voler compiere i giorni della purificazione, fino alla presentazione dell’offerta per ciascuno di loro. Atti 21,18-26


Paolo non conferma qui che gli ebrei devono mantenere l’antica alleanza? E ai Corinzi Paolo scrive in 1Cor 7,17-20:

1Cor 7,17 Del resto, ciascuno continui a vivere nella condizione assegnatagli dal Signore, nella quale si trovava quando Dio lo chiamò. Così ordino in tutte le chiese. Qualcuno è stato chiamato quando era circonciso? Non faccia sparire la sua circoncisione. Qualcuno è stato chiamato quand’era incirconciso? Non si faccia circoncidere. La circoncisione non conta nulla, e l’incirconcisione non conta nulla; ma ciò che conta è l’osservanza dei comandamenti di Dio. Ognuno rimanga nella condizione in cui era quando fu chiamato. 1Cor 7,17-20

Naturalmente, gli ebrei devono anche stringere la Nuova Alleanza con Dio. Dopo tutto, Gesù Cristo è anche il principio e lo scopo dell’Antica Alleanza, che indica la Nuova Alleanza. Quindi se un ebreo rifiuta la Nuova Alleanza perché rifiuta Gesù Cristo, allora anche la Vecchia Alleanza è inutile per lui.

Per un cristiano pagano, ovviamente, è sbagliato essere circoncisi. Perché la via della salvezza passa dall’Antica Alleanza con gli Israeliti alla Nuova Alleanza con tutti coloro che credono in Gesù Cristo. Fare altrimenti sarebbe ritornare nella schiavitù della legge, il che equivarrebbe a rifiutare Gesù Cristo. Non è forse questo a cui Paolo si riferisce in Gal 5,1-4?

Gal 5,1 Cristo ci ha liberati perché fossimo liberi; state dunque saldi e non vi lasciate porre di nuovo sotto il giogo della schiavitù. Ecco, io, Paolo, vi dichiaro che, se vi fate circoncidere, Cristo non vi gioverà a nulla. Dichiaro di nuovo: ogni uomo che si fa circoncidere, è obbligato a osservare tutta la legge. Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia. Gal 5,1-4

Paolo qui non sta parlando agli ebrei. Infatti non poteva dire loro: "Se vi fate circoncidere...". Sono già circoncisi. Come vede l’intera questione?


Ingmar Bauer Ingmarbauer@yahoo.de



Grazie per aver visitato Immanuel.at e per il suo commento!

Vorrei usare qui l’ultima frase del testo biblico che lei ha citato da Gal 5,1-4 per spiegare il mio punto di vista. Lì Paolo dice: "Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia.".

E nella lettera ai Romani Paolo spiega le “opere della legge":

Affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio.

Rom 3,19 Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge, affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio; 3,20 perché mediante le opere della legge nessuno sarà giustificato davanti a lui; infatti la legge dà soltanto la conoscenza del peccato. Rom 3,19-20;


Da questo si può vedere che attraverso le opere della legge nessuno può essere giusto davanti a Dio e quindi nessuno può essere salvato attraverso la legge. Tutti coloro che vogliono essere giustificati dalla legge sono persi. Essi stessi non possono osservare tutta la legge e il sacrificio quotidiano (il tamid), che veniva offerto per i peccati degli ebrei nel tempio di Gerusalemme, non può nemmeno essere offerto, perché non c’è più il tempio e l’altare sacrificale. Quindi si può solo consigliare agli ebrei di rivolgersi a Gesù Cristo e accettare la giustizia per grazia.

La circoncisione è rilevante solo se è vista come l’adempimento alla legge. Allora l’uomo nel suo insieme è soggetto alla legge e non può pretendere la salvezza per grazia ed è quindi perduto. Se la circoncisione (per gli ebrei o per i non ebrei) non è fatta per motivi religiosi ma per motivi medici, igienici o altro e la persona ha accettato il sacrificio redentore del Figlio di Dio ed è venuta alla fede in Gesù Cristo, la circoncisione non è un ostacolo alla salvezza per grazia.

Ora nei suoi commenti sopra lei cita 1Cor 7,17-20, e chiede: "Paolo non conferma qui che gli ebrei devono attenersi all’Antica Alleanza?

E qui naturalmente lei ha perfettamente ragione. Paolo dice a questo punto che coloro che sono nell’Antica Alleanza devono rimanere nell’Antica Alleanza, e coloro che sono nella Nuova Alleanza devono rimanere nella Nuova Alleanza. "Ognuno rimanga nella condizione in cui era quando fu chiamato".

Il fondamento dell’Antica Alleanza era la giustizia secondo la Legge. Chiunque osservasse tutti i comandamenti della Torah era giusto agli occhi di Dio, e quindi era salvato. Ma ora anche Paolo ci dice nel passo precedente (Rom 3,29) che nessun essere umano è capace di osservare tutta la Legge.

Ed è per questo che Dio permise agli Israeliti il tamid (vedi spiegazione precedente in questo discorso). Questo era il sacrificio quotidiano continuo, mattina e sera sull’altare sacrificale nel Tempio (e non altrove!!), che dava a tutti gli ebrei il perdono per quelle infrazioni alla legge (peccati) che avevano commesso nel corso della giornata.

Ora Paolo scrisse questa affermazione, "Ognuno rimanga nella condizione in cui era quando fu chiamato", nella sua prima lettera ai Corinzi, redatta a Efeso nell’anno 55. A questo punto l’Antica Alleanza, la giustizia secondo la legge con l’aggiunta del sacrificio quotidiano, era ancora assolutamente valida.

Quindi queste affermazioni di Paolo qui sono perfettamente corrette. Quello che Paolo non poteva sapere in quel momento era il fatto che 15 anni dopo Gerusalemme sarebbe stata rasa al suolo, e il Tempio e l’altare sacrificale sarebbero stati completamente distrutti dai legionari romani di Tito.

Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"

Mat 23,32 Voi superate la misura dei vostri padri! 23,33 Serpenti, razza di vipere! Come sfuggirete al giudizio della Geenna? 23,34 Perciò, ecco io vi mando dei profeti, dei savi e degli scribi; di loro ne ucciderete e crocifiggerete alcuni, altri ne flagellerete nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città, 23,35 affinché ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia, che uccideste fra il tempio e l’altare.

23,36 In verità vi dico che tutte queste cose ricadranno su questa generazione. 23,37 Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che ti sono mandati! Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! 23,38 Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta. 23,39 Poiché io vi dico, che da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: "Benedetto colui che viene nel nome del Signore!"». Mat 23,32–39;


Ho già spiegato in dettaglio nel discorso precedente che tutto questo era diretto da Dio. La conseguenza di ciò, tuttavia, fu che l’Antica Alleanza finì. Gesù Cristo ha compiuto questa alleanza con la propria morte sacrificale e Dio ha sciolto questa alleanza (Mat 21:43; Num 21:8-9; Giov 3:14-15). E con questo, gli Israeliti non avevano - e non hanno ad oggi – alcuna possibilità di fornire il sacrificio quotidiano e continuo. Non potendo nemmeno loro osservare tutta la legge, devono morire nei loro peccati e sono perduti.

Per questo il Signore disse loro anche: "Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati" e "La vostra casa vi è lasciata deserta". - Dio li ha abbandonati. Da allora, quindi, gli ebrei hanno avuto una sola opzione lasciata loro aperta dall’Onnipotente nella Sua grazia: accettare la fede in Suo Figlio.

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;


Infine, I. Bauer sottolinea ancora un possibile malinteso nella mia risposta:


(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Cosa sarebbe successo se gli ebrei avessero creduto in Gesù? / Commento Ingmar Bauer 01, 2012-03-12)

Nella sua risposta alla domanda se gli ebrei debbano attenersi alla Antica Alleanza, penso che si potrebbe creare un malinteso. Vede, suona un po’ come se lei stesse dicendo che finché gli ebrei hanno il loro Tempio - se lo avessero ancora oggi - non hanno bisogno di credere in Gesù Cristo, perché dopo tutto hanno il tamid, il sacrificio quotidiano.

Lei naturalmente non lo intende in questo modo. Senza l’effettivo sacrificio di riconciliazione, il sacrificio di Gesù Cristo, tutti questi sacrifici sono inutili, come si dice in Ebrei 10,3-4 sui sacrifici dello Yom Kippur:

Ebr 10,3 Invece in quei sacrifici viene rinnovato ogni anno il ricordo dei peccati; perché è impossibile che il sangue di tori e di capri tolga i peccati. Ebr 10,3-4


Gesù invita dunque gli ebrei – anche al tempo in cui viveva sulla terra, mentre il Tempio era ancora in funzione - a credere in lui.

Naturalmente qui si pone la domanda: se gli ebrei avessero creduto in Gesù, come avrebbe potuto offrire il suo sacrificio sulla croce? Si sarebbe forse lasciato sacrificare dai sacerdoti? Non lo so. Ma Dio sapeva in anticipo che questa sarebbe rimasta una domanda teorica.

Ingmar Bauer Ingmarbauer@yahoo.de



Anche qui, naturalmente, sono pienamente d’accordo con lei. La mia argomentazione riguardo al tamid deriva dal rifiuto assoluto di Gesù Cristo e dalla loro convinzione di potersi salvare solo attraverso la fede mosaica, che è sempre riconoscibile nella discussione con gli ebrei. E la prova che questa convinzione è errata può essere fornita solo dalle leggi della stessa fede mosaica.

Chiunque sia un credente mosaico e conosca effettivamente le leggi (sacrifici all’altare del tempio) della fede mosaica deve inevitabilmente riconoscere qui - se è onesto - che non ha più alcuna possibilità di ottenere il perdono dei suoi peccati ed è quindi perso. E solo allora, quando questa consapevolezza sarà accettata, si potrà avere una conversazione con gli ebrei su Gesù, il loro Messia.

La sua citazione da Ebr 10,3-4 - come tutto il capitolo 10 (e anche il 7) della Lettera agli Ebrei – è il fondamento per la comprensione di Gesù Cristo e del Vangelo da parte degli ebrei. Troviamo lo stesso pensiero anche in Ebr 7,25-27:

Perciò egli (Gesù Cristo) può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio.

Ebr 7,25 Perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro. 7,26 Infatti a noi era necessario un sommo sacerdote come quello, santo, innocente, immacolato, separato dai peccatori ed elevato al di sopra dei cieli; 7,27 il quale non ha ogni giorno bisogno di offrire sacrifici, come gli altri sommi sacerdoti, prima per i propri peccati e poi per quelli del popolo; poiché egli ha fatto questo una volta per sempre quando ha offerto se stesso. Ebr 7,25-27;


Alla sua domanda conclusiva: "Se gli ebrei avessero creduto in Gesù, come avrebbe potuto offrire il suo sacrificio sulla croce? " è naturalmente molto difficile rispondere. Tuttavia, secondo ciò che possiamo dedurre dalla Scrittura, se gli ebrei si fossero davvero pentiti allora e avessero accettato nostro Signore come loro Messia, è possibile pensare che il sacrificio del Figlio di Dio sulla croce non sarebbe stato affatto necessario.

Sarebbe stato possibile realizzare il "piano A", in cui era previsto che Gesù giungesse originariamente solo agli ebrei (Mat 15:21-24; Mat 21:43; Mat 23:37-39). La conseguenza di ciò sarebbe stata che Israele sarebbe rimasto l’unico e solo popolo di Dio e noi nazioni gentili non avremmo avuto accesso diretto a Dio. L’Antica Alleanza non sarebbe stata probabilmente sciolta da Dio e il Millennio sarebbe dovuto iniziare a quel punto.

Ma come lei giustamente dice, Dio nella sua onniscienza sapeva come si sarebbero sviluppate le cose. Era simile a quello che è successo con Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden e anche per quasi duemila anni qui sulla terra con la tentazione delle persone da parte di Satana: tutto accade per mettere alla prova le persone su chi confida (crede) in Dio e chi no. E affinché nel Giudizio Universale nessuno possa dire che Dio non gli ha dato una possibilità.

(Vedi anche Discorso 104: "Cos’è il senso della vita?")


(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Come ebreo ho consegnato la mia vita a Gesù Cristo. / Commento David Libbre USA, 00, 2012-08-13)

Caro "Goyz" (un altro blogger che ha raccontato la sua vita sotto la violenza ebraica / nota). La tua storia di come tu, come cristiano bianco, sia stato tormentato e perseguitato da ebrei feroci mi ha fatto venire le lacrime agli occhi. Sono quasi senza parole dalla rabbia per l’influenza che gli ebrei hanno sull’America e per quanto lontano siano già arrivati con il loro complotto per il dominio del mondo.

Ammettiamolo: se non sei un "membro della tribù" non hai nessuna possibilità nell’America giudaica. Il tuo principale errore è stato quello di cercare di entrare nel territorio degli "eletti" quando sei diventato avvocato e gli ebrei ti hanno visto come un pericolo per le loro pratiche legislative corrotte.

Sono nato da genitori ebrei puri (da entrambe le parti) e sono cresciuto ebreo. Perciò sono stato esposto a tutta la pressione della propaganda ebraica e alle bugie sull’ebraismo. Di come Dio scelse gli ebrei per governare il mondo e rendere i gentili loro schiavi, di come Gesù fosse un ebreo che si rivoltò contro il suo stesso popolo e di come fu punito per aver praticato la stregoneria.

Tutti i bambini con cui andavo alla scuola del Sabbath erano odiosi marmocchi ebrei, davvero ricchissimi, che mi prendevano in giro perché non ero ricco come loro. Quando uscivano da scuola, venivano a prenderli i loro genitori - senza dubbio avvocati e banchieri - nelle loro grandi limousine, mentre io dovevo prendere l’autobus per tornare a casa. Mi ha sempre dato fastidio il fatto che gli ebrei dessero così importanza ai soldi e guardassero dall’alto in basso chiunque non fosse avido e affamato di soldi come loro.

I rabbini ci hanno insegnato che gli ebrei erano persone innocenti che graziarono il mondo con la loro presenza, e che furono perseguitati perché ci rifiutavamo di adorare gli idoli come i cristiani, che hanno statue di Gesù, Maria, Giuseppe e gli apostoli nelle loro chiese e si inchinano davanti agli idoli e li adorano.

Ci è stato insegnato che i pagani, e qui specialmente i cristiani, non sono migliori degli animali e sono stati creati solo per servire gli ebrei, perché nessun ebreo dovrebbe servire un altro ebreo. Ci è stato insegnato che Maria era una puttana che ha dato alla luce Gesù dopo essere stata violentata da un soldato romano e che Gesù non era divino, ma solo un falegname ebreo che "è andato fuori strada" e meritava di essere ucciso per "blasfemia".

Per tutta la mia infanzia ho avuto dubbi su questi insegnamenti perché tutti i cristiani che conoscevo erano persone simpatiche che si preoccupavano degli altri e cercavano di aiutare i meno fortunati di loro, non come gli ebrei che conoscevo che erano presuntuosi ed egoisti e si preoccupavano solo dei loro simili.

È stato solo quando ho lasciato casa e sono andato al college - contro la volontà dei miei genitori ebrei, che non erano a loro agio con l’idea che io lasciassi casa e andassi in un college non ebraico - che ho capito che TUTTO quello che avevo imparato sugli ebrei, su Gesù Cristo e sulla sua religione - il cristianesimo - era una bugia.

I miei professori erano cristiani che mi hanno insegnato il Nuovo Testamento e che in quel periodo, quando Cristo venne sulla terra, il giudaismo è morto come religione. Fu allora che gli ebrei accettarono Satana come loro dio perché egli offrì loro il mondo se si fossero inchinati davanti a lui e lo avessero adorato.

Questo è esattamente ciò che Satana offrì a nostro Signore quando lo portò su una grande montagna e gli offrì di renderlo re del mondo, ma nostro Signore rifiutò l’inganno e l’astuzia di Satana.

Mat 4,8 Di nuovo il diavolo lo portò con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria, dicendogli: 4,9 «Tutte queste cose ti darò, se tu ti prostri e mi adori». 4,10 Allora Gesù gli disse: «Vattene, Satana, poiché sta scritto: "Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi il culto"». 4,11 Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli si avvicinarono a lui e lo servivano. (Capitolo 4 del Vangelo secondo Matteo).

Dopo aver appreso la VERITÀ su Gesù Cristo - non quello che gli ebrei insegnano, ma quello che la BIBBIA dice sul Figlio di Dio - ho capito che non potevo essere un ebreo nello spirito, anche se avevo sangue ebreo nelle vene. Andai da uno dei miei professori, che era un ecclesiastico, e gli dissi che volevo dare la mia vita a Gesù Cristo e vivere come Lui mi chiedeva di vivere.

All’inizio non mi incoraggiò affatto, anzi mi disse che la via del cristiano era difficile e mi chiese se volevo davvero andare in quella direzione. Mi disse che sarei stato cacciato della mia famiglia ebrea e probabilmente perseguitato dagli ebrei che mi avrebbero considerato un traditore della loro razza.

Ho detto che avrei anche attraversato l’inferno per seguire Gesù e che il mio desiderio di dare la mia vita a lui e diventare cristiano era sincero, e che niente poteva allontanarmi da lui.

Così sono stato battezzato e i peccati del mio passato sono stati perdonati. Sono diventato una nuova persona in Gesù Cristo.

Quindi, ogni ebreo che si pente dei peccati del suo passato e vuole dare la sua vita a Gesù Cristo e diventare una persona nuova può fare quello che ho fatto io.

Ma la maggior parte di loro non lo farà, perché amano troppo la ricchezza e il potere e i ricchi di questo mondo.

Per diventare cristiani gli ebrei dovrebbero umiliarsi e questo è impossibile per loro perché si considerano un popolo superiore.

Beh, saranno sorpresi quando moriranno e saranno respinti dalla porta del paradiso. Avranno un’accoglienza molto "calda" dal loro padre, il diavolo, all’inferno. (Giov 8:21-24)

Quello che Goyz ha passato tra gli ebrei satanici viene direttamente dalle pagine del Talmud. Lo conserverò per un altro post, ma voglio comunque citare un passo del Talmud che è molto pertinente alla situazione di Goyz.

"Un Ebreo dovrebbe e deve fare un falso giuramento quando i Goyim chiedono se i nostri libri contengono qualcosa contro di loro".
(Szaaloth-Utszabot, Il libro di Jore, Dia 17)

"Comunicare qualcosa a un Goy sulle nostre relazioni religiose sarebbe uguale all’uccisione di tutti gli Ebrei, perché se i Goyim sapessero ciò che insegniamo su di loro, ci ucciderebbero apertamente". (Libbre David 37)

Commento a Real Jew News [Notizie dal vero ebreo], USA - Brother Nathanael







[1] "Erscheinungen und Botschaften der Gottesmutter Maria - Vollständige Dokumentation durch zwei Jahrtausende" di G. Hierzenberger e O. Nedomansky. Aschaffenburg: Pattloch/1993, [edizione italiana: "Tutte le apparizioni della Madonna in 2000 anni di storia. I suoi messaggi, i documenti e le testimonianze”, Piemme, 1996], pag 484

[2] ibidem pagina 469

[3] EBREI MESSIANICI.
La corrente osservante della Torah
La Torah e i suoi comandamenti vengono vissuti appieno, così come le consuete feste ebraiche. La Torah non è considerata "superata". Si distinguono fortemente dagli ebrei messianici "non osservanti". Gli ebrei messianici osservanti della Torah molto spesso si riferiscono agli altri ebrei messianici come "cristiani di origine ebraica" e solo a sé stessi come "ebrei messianici".

La corrente "non osservante"
Diversi dogmi cristiani (come la Trinità), vengono per lo più rifiutati, risultando così sia non accettati dagli ebrei osservanti, il che è vero per tutte le correnti, sia rifiutati dalla maggior parte dei cristiani, poiché il riconoscimento della Trinità esercita un’influenza molto forte sull’accettazione dei gruppi religiosi in quanto essenzialmente cristiani.


[4] Alcuni gruppi tra gli ebrei messianici vogliono ora lottare per un "Secondo Concilio di Gerusalemme", in cui - in modo simile a quello in cui la circoncisione fu una volta dispensata per i non ebrei al Concilio degli Apostoli - le grandi chiese cristiane dovrebbero ora riconoscere anche questi ebrei messianici come cristiani, nonostante il loro retroterra mosaico.

(https://www.tjcii.org/toward-jerusalem-council-ii-vision-statement.html)


Tuttavia, se guardiamo lo stato attuale di queste grandi chiese cristiane di cui sopra, sono piuttosto queste che hanno bisogno di essere riconosciute dagli ebrei messianici.



Le alleanze di Dio, di Jacob Damkani.  – Discorso 1111

Gesù è al lavoro per adempiere le sue promesse a Israele?  Parte 2  – Discorso 1112 [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.]

Cristiani difende il Vangelo verso gli "amici di Israele"  Parte 3  – Discorso 1113 [non ancora disponibile in italiano, leggi in tedesco, leggi in inglese.]

La dottrina degli ebrei messianici – l’analisi  Parte 4  – Discorso 1114