Discorso 142 – Gli ebrei messianici, la religione ebraica e la fede cristiana.




L’insegnamento degli ebrei messianici. / Lehrbrief von Jacob Damkani, Prediger der Messianischen Juden.

Il cristianesimo: un adempimento della religione ebraica? / Commento di Daniel, Trumpet of Salvation to Israel, 2020-04-30

Da un punto di vista messianico, il cristianesimo non è una religione per gli ebrei. / "L’alleanze di Dio", di Jakob Damkani, predicatore di ebrei messianici.


L’insegnamento degli ebrei messianici.

(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Dio ha sostituito Israele con un mucchio di cristiani? / Lezione di Jacob Damkani, Ebrei messianici)

"Dal punto di vista di Dio il tempo è un elemento importante. Alla fine del tempo Egli ritorna. Questa volta non si tratta di un altro Mosè, di un altro Isaia; questa volta viene il Messia in persona ad offrire loro il regno. Dall’inizio alla fine della Sua opera Yeshua parla del regno. Le parabole si riferiscono al regno, così come il Suo insegnamento. Dall’inizio alla fine Egli offre a Israele di essere il regno di Dio sulla terra. E come sapete, loro lo respingono ancora una volta. Rifiutano Dio, che li ha condotti fuori dall’Egitto, mentre loro pretendevano un re. Lo respingono quando viene il Messia a offrire loro il regno. Ma Dio ha abbandonato questo popolo? Egli ha forse detto loro che li avrebbe sostituiti con i pagani, con un mucchio di cristiani? L’ha fatto? No, per carità! Se l’avesse fatto un giorno potrebbe andare a dire a questi cristiani di non essere buoni abbastanza e sostituirli con i musulmani."

(Le alleanze di Dio, di Jakob Damkani, La nuova alleanza/22)

Trumpet
Trumpet of Salvation to Israel
[Posaune der Rettung für Israel]



Il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti.

Mat 21,42 Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: "La pietra che i costruttori hanno rifiutata è diventata pietra angolare; ciò è stato fatto dal Signore, ed è cosa meravigliosa agli occhi nostri"? 21,43 Perciò vi dico che il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti. Mat 21,42-43;

Ma i figli del regno (gli ebrei senza Gesù) saranno gettati nelle tenebre di fuori.

Mat 8,11 E io vi dico che molti verranno da Oriente e da Occidente e si metteranno a tavola con Abraamo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli, 8,12 ma i figli del regno saranno gettati nelle tenebre di fuori. Là ci sarà pianto e stridor di denti». Mat 8,11-12;

(Vedi anche Discorso 94: "Il Regno di Dio e i suoi eredi.")


Il regno di Dio fu tolto agli ebrei e dato al popolo dei cristiani di tutte le nazioni (Mat 21,43). Per questo motivo e poiché a Gerusalemme - e solo a Gerusalemme - non c’è né un tempio né un altare per olocausti (sacrificio espiatorio), la fede mosaica non può più essere praticata - le prescrizioni mosaiche non possono essere adempiute.

Allora ti guarderai bene dall’offrire i tuoi olocausti in un luogo qualsiasi; ma offrirai i tuoi olocausti nel luogo che il SIGNORE avrà scelto (il tempio in Gerusalemme) in una delle tue tribù;

Deut 12,10 Voi dunque passerete il Giordano e abiterete il paese che il SIGNORE, il vostro Dio, vi dà in eredità; avrete pace da tutti i vostri nemici che vi circondano e vivrete nella sicurezza. 12,11 Allora porterete al luogo che il SIGNORE, il vostro Dio, avrà scelto per dimora del suo nome, tutto quello che vi comando: i vostri olocausti e i vostri sacrifici, le vostre decime, quello che le vostre mani avranno prelevato, e tutte le offerte scelte che avrete consacrato per voto al SIGNORE. 12,12 Vi rallegrerete davanti al SIGNORE vostro Dio, voi, i vostri figli, le vostre figlie, i vostri servi, le vostre serve e il Levita che abiterà nelle vostre città; poiché egli non ha né parte né proprietà tra di voi. 12,13 Allora ti guarderai bene dall’offrire i tuoi olocausti in un luogo qualsiasi; 12,14 ma offrirai i tuoi olocausti nel luogo che il SIGNORE avrà scelto in una delle tue tribù; là farai tutto quello che ti comando. Deut 12,10-14;

Se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati.

Giov 8,21 Egli dunque disse loro di nuovo: «Io me ne vado e voi mi cercherete e morirete nel vostro peccato; dove vado io, voi non potete venire». 8,22 Perciò i Giudei dicevano: «S’ucciderà forse, poiché dice: "Dove vado io, voi non potete venire"?» 8,23 Egli diceva loro: «Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo. 8,24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; perché se non credete che io sono (il Messia), morirete nei vostri peccati». Giov 8,21–24;

Chi crede in lui (Gesù Cristo) non è condannato, ma chi non crede è già condannato.

Giov 3,17 Dio infatti non ha mandato il proprio Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma affinché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 3,18 Chi crede in lui non è condannato, ma chi non crede è già condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. Giov 3,17-18;


Quindi, gli ebrei non vengono perdonati da duemila anni. Muoiono nei loro peccati e saranno condannati se non si convertono a Gesù Cristo.

Pertanto c’è solo una fede biblica: la fede in Gesù Cristo.

È questo il motivo per cui Jacob Damkani dice erroneamente agli ebrei che non devono cambiare religione:

"E Yeshua non avrebbe mai voluto che la Chiesa fosse ciò che è oggi nella maggior parte del mondo. Ringraziate Dio per le persone come voi, che hanno davvero la giusta comprensione della vera rivelazione di Dio in Yeshua haMashiach, il quale non è venuto per portare una nuova religione nel mondo."

(Le alleanze di Dio, di Jakob Damkani, La nuova alleanza/24)


Gli ebrei devono diventare cristiani biblici! Non c’è altro modo. Come ebrei, non hanno vita eterna, devono convertirsi a una nuova religione: il cristianesimo biblico.


La porta stretta.

La fede in Gesù Cristo è la "porta stretta".
(Mat 7:13-14)


Dio è raggiungibile per ogni singola persona che lo desideri.
Tuttavia, non in diverse religioni, ma in suo figlio Gesù Cristo.
(Apoc 5:6.11-13; Giov 14:6)


Ogni religione che non ha Gesù Cristo, in quanto Figlio di Dio e unico mediatore tra Dio e gli esseri umani, al centro della sua fede, è una falsa religione.
(Giov 3:35-36; Giov 5:22-23; Mat 11:27; Mat 28:18; 1Tim 2:5)





(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Il cristianesimo: un adempimento della religione ebraica? / Commento di Daniel, Trumpet of Salvation to Israel, 2020-04-30)


Shalom,
Sono pienamente d’accordo con tutto ciò che ha scritto. C’è solo una via per arrivare a Dio ed è solo attraverso Gesù Cristo. Sì, gli ebrei devono passare dall’alleanza mosaica alla fede salvifica in Gesù Cristo, altrimenti moriranno effettivamente nei loro peccati.

Jakob (Damkani/FH) intendeva quanto segue: il cristianesimo non è una nuova religione iniziata duemila anni fa. È un adempimento della religione ebraica. È un adempimento dell’Antico Testamento, come Dio ha previsto e promesso al Suo popolo nell’Antico Testamento.

EC’è un gruppo di credenti ebrei che sono passati alla nuova alleanza, per credere in Gesù. Jakob è uno di loro e ora chiama i suoi fratelli ebrei e le sue sorelle ebree a credere nel Signore e Salvatore, il Messia Gesù Cristo. Questo è il messaggio e l’opera di tale ministero: affinché attraverso la fede e il perdono dei peccati, gli ebrei si uniscano alla Chiesa non giudaica, con Gesù Cristo come Capo dell’unico corpo, l’Agnello che è venuto per prendere i nostri peccati attraverso la morte sulla croce.

È risorto. Egli è il Signore.

Spero di aver chiarito qualcosa.

Non esiti a correggere, aggiungere o commentare come ritieni appropriato.

Daniel (Info Trumpet of Salvation -  info@trumpetofsalvation.org)



Grazie per la Sua e-mail e per la Sua disponibilità ad approfondire la discussione. In effetti, sono lieto di trovarmi d’accordo con Lei, come ebreo messianico. Ma ovviamente sorgono alcune domande.

Entrambi proclamiamo la "fede salvifica in Gesù Cristo". Ora stabiliamo anche ciò da cui ci salva effettivamente questa fede: la "fede salvifica in Gesù Cristo" ci salva ovviamente dalla condanna a causa dei nostri peccati nel momento del Giudizio Universale e dalla dannazione eterna all’inferno (stagno di fuoco).

E quando il Signore dice agli ebrei di cui sopra, in Giov 8,24, che moriranno nei loro peccati - cioè senza perdono - se non crederanno che Egli è il Messia, allora intende esattamente questo: saranno condannati alla dannazione eterna nel Giudizio Universale.

Ma questa è la prova biblica che la religione ebraica non ha più alcun significato da allora, poiché non può più offrire l’unico scopo che una religione può avere in questo mondo, cioè promettere la vita eterna. Proprio come ogni altra religione al mondo, compreso il cattolicesimo (a causa della sua idolatria) e il protestantesimo (a causa dei sovrintendenti omosessuali).

Quindi c’è solo questo unico accesso alla vita eterna: la fede salvifica in Gesù Cristo, e su questo siamo entrambi d’accordo. Ne consegue, tuttavia, che questa fede non può essere un "adempimento della religione ebraica", come Lei scrive. "La legge e i profeti esistono fino alla venuta di Giovanni; da allora in poi viene predicato il vangelo del Regno di Dio" aveva già detto il nostro Signore Gesù Cristo.

La religione ebraica ha perso il suo significato a seguito del rifiuto del Messia ebraico da parte degli ebrei duemila anni fa. Fino ad allora, Dio ha vissuto nel tempio di Gerusalemme. Nel "sancta sanctorum" del tempio, separato dal "santo" da una tenda, Dio era sempre presente per il suo popolo Israele.

Alla morte di suo figlio, Dio lasciò il Sancta Sanctorum, il tempio e il popolo d’Israele.

Ed ecco, la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo (Dio ha lasciato il tempio).

Mat 27,50 E Gesù, avendo di nuovo gridato con gran voce, rese lo spirito. 27,51 Ed ecco, la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo, la terra tremò, le rocce si schiantarono. Mat 27,50-51;


Dio ha mandato suo Figlio al popolo d’Israele come loro Messia per la loro salvezza. Questa era la profezia dell’Antico Testamento ed era valida unicamente per il popolo di Dio proveniente da Israele.

Ma egli rispose: «Io non sono stato mandato che alle pecore perdute della casa d’Israele.

Mat 15,21 Partito di là, Gesù si ritirò nel territorio di Tiro e di Sidone. 15,22 Ed ecco una donna cananea di quei luoghi venne fuori e si mise a gridare: «Abbi pietà di me, Signore, Figlio di Davide. Mia figlia è gravemente tormentata da un demonio». 15,23 Ma egli non le rispose parola. E i suoi discepoli si avvicinarono e lo pregavano dicendo: «Mandala via, perché ci grida dietro». 15,24 Ma egli rispose: «Io non sono stato mandato che alle pecore perdute della casa d’Israele. Mat 15,21-24;


E anche quando il Signore mandò i suoi discepoli a predicare agli Israeliti la lieta novella del Regno, li inviò espressamente solo agli Israeliti e proibì loro di andare in altre nazioni o persino presso i Samaritani.

Andate piuttosto verso le pecore perdute della casa d’Israele e dite: "Il regno dei cieli è vicino".

Mat 10,5 Questi sono i dodici che Gesù mandò, dando loro queste istruzioni: «Non andate tra i pagani e non entrate in nessuna città dei Samaritani, 10,6 ma andate piuttosto verso le pecore perdute della casa d’Israele. 10,7 Andando, predicate e dite: "Il regno dei cieli è vicino". 10,8 Guarite gli ammalati, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni; gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. 10,9 Non provvedetevi d’oro, né d’argento, né di rame nelle vostre cinture, 10,10 né di sacca da viaggio, né di due tuniche, né di calzari, né di bastone, perché l’operaio è degno del suo nutrimento.» Mat 10, 5-10;


Solo quando gli ebrei lo rifiutarono e divenne evidente che non avrebbero accettato il suo messaggio, Dio ha proposto la predicazione del Vangelo a tutte le genti: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura.

Mar 16,15 E disse loro: «Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. 16,16 Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato. Mar 16,15-16;


Rifiutando il Messia, Israele ha rotto il patto con il suo Dio e Dio ha sciolto questo patto e 40 anni dopo ha fatto distruggere il tempio di Gerusalemme insieme all’altare degli olocausti. In questo modo, secondo il rito mosaico, non è stato più possibile fare alcuna offerta per la redenzione dei peccati e gli israeliti non hanno potuto più ricevere il perdono per i loro peccati.

 Il patto che feci con i loro padri, patto che essi violarono.

Jer 31,32 non come il patto che feci con i loro padri il giorno che li presi per mano per condurli fuori dal paese d’Egitto: patto che essi violarono, sebbene io fossi loro signore», dice il SIGNORE; Ger 31,32;

(Vedi anche Discorso 140: "La distruzione del tempio.")


Tramite suo Figlio Gesù Cristo, Dio ha stretto un nuovo patto con tutti gli uomini: ogni essere umano in questo mondo - incluso ogni ebreo - che si avvicina alla fede salvifica in Gesù Cristo e al suo sacrificio sulla croce per i nostri peccati, viene salvato e nel momento del Giudizio Universale erediterà la vita eterna per grazia – e non per giustizia!

(Vedi anche Discorso 103: "La Nuova Alleanza di Dio con tutti gli esseri umani.")


Il regno di Dio che era stato loro promesso, gli israeliti l’hanno definitivamente perso quando hanno rifiutato il Figlio di Dio e rotto in questo modo il patto con Dio. Anche il Figlio di Dio ha confermato loro ciò in una parabola.




Il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti.

(Mat 21:33-46;)


«Udite un’altra parabola: C’era un padrone di casa, il quale piantò una vigna, le fece attorno una siepe, vi scavò una buca per pigiare l’uva e vi costruì una torre; poi l’affittò a dei vignaiuoli e se ne andò in viaggio.
Quando fu vicina la stagione dei frutti, mandò i suoi servi dai vignaiuoli per ricevere i frutti della vigna.
Ma i vignaiuoli presero i servi e ne picchiarono uno, ne uccisero un altro e un altro lo lapidarono.
Da capo mandò degli altri servi, in numero maggiore dei primi; ma quelli li trattarono allo stesso modo.

~~~~~~~~~~~


Finalmente, mandò loro suo figlio, dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio".
Ma i vignaiuoli, veduto il figlio, dissero tra di loro: "Costui è l’erede; venite, uccidiamolo, e facciamo nostra la sua eredità".
Lo presero, lo cacciarono fuori della vigna e l’uccisero.


~~~~~~~~~~~

Quando verrà il padrone della vigna, che farà a quei vignaiuoli?» Essi gli risposero: «Li farà perire malamente, quei malvagi, e affiderà la vigna ad altri vignaiuoli i quali gliene renderanno il frutto a suo tempo».
Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture (Salmi 118,22-23): "La pietra che i costruttori hanno rifiutata è diventata pietra angolare; ciò è stato fatto dal Signore, ed è cosa meravigliosa agli occhi nostri"?

~~~~~~~~~~~


Perciò vi dico
che il regno di Dio vi sarà tolto, e sarà dato a gente che ne faccia i frutti.
Chi cadrà su questa pietra sarà sfracellato; ed essa stritolerà colui sul quale cadrà».


I capi dei sacerdoti e i farisei, udite le sue parabole, capirono che parlava di loro;
e cercavano di prenderlo, ma ebbero paura della folla, che lo riteneva un profeta.

~~~~~~~~~~~





(I testi nella cornice nera sono citazioni dei visitatori di questo sito o di altri autori!)

(Da un punto di vista messianico, il cristianesimo non è una religione per gli ebrei. / "L’alleanze di Dio", di Jakob Damkani, predicatore di ebrei messianici.)

"Mi rincresce che la maggior parte dei cristiani effettivamente non comprenda che gli ebrei non devono essere convertiti a nessun’altra religione; non devono abbandonare né la loro eredità, né la loro fede ebraica, poiché se Dio ha dato un’identità a ogni gruppo etnico, al popolo ebraico ha dato un’identità davvero chiara. Non hanno bisogno di abbandonare la loro identità e di diventare qualcos’altro, di diventare cristiani. Nella mente del popolo ebraico il cristianesimo è qualcosa di diverso da ciò che tu pensi che sia."

(Le alleanze di Dio, di Jakob Damkani, l’alleanza con Abraamo/04)


"Non si tratta del fatto che il Signore voleva portare nel mondo una nuova religione, il cristianesimo, una religione contro il Suo stesso popolo. L’appello dei profeti, l’appello degli apostoli e ora – lode a Dio – il vostro appello al ritorno di questo popolo a Dio è impressionante. L’Onnipotente Dio è così contento di ognuno nella chiesa, che si risveglia alla realtà della redenzione – del giudeo prima, Rom 1,16. Lodiamo Dio per essere venuti ad annunciare veramente il Vangelo a questa nazione. Benedetto sia colui che viene nel nome del Signore. Grazie a persone come voi, che si preoccupano, che amano, che hanno la volontà di combattere la buona battaglia, l’Onnipotente Dio riuscirà a mettere questa nazione di fronte alla realtà di Yeshua nel suo contesto ebraico. Questo succede attraverso la rivelazione; ed effettivamente non possiamo prendercela o serbare rancore nei confronti del resto della Chiesa. Semplicemente la Chiesa non ha avuto il privilegio e la grazia di questa rivelazione. Qui vi vengono insegnate cose, che solo pochissimi nella Chiesa comprendono davvero. Vi vengono insegnate cose, che sono molto lontane dalla Chiesa. Ci sono tantissimi insegnamenti nella Chiesa, ma c’è solo una verità. Noi qui tocchiamo il cuore della verità, studiando la parola e analizzando il piano di Dio per questa nazione e la redenzione che alla fine verrà, il regno di Dio sulla terra. Vieni, Signore Yeshua."

(Le alleanze di Dio, di Jakob Damkani, Il giorno creato dal Signore/15)




Prima di tutto, una correzione a tale affermazione, che Jakob Damkani e i suoi collaboratori hanno più volte messo in evidenza. Si dice sempre: "Prima gli ebrei!" Ed è esattamente quello che leggiamo nell’estratto del materiale didattico summenzionato. Si riferisce a Rom 1,16 e ora vogliamo esaminarlo:

Rom 1,16 Infatti non mi vergogno del vangelo; perché esso è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede; del Giudeo prima e poi del Greco; Rom 1,16;


Con la sua asserzione:

"Dio Onnipotente è così entusiasta di tutti coloro che nella chiesa si risvegliano alla realtà della salvezza – del Giudeo prima"

Damkani vorrebbe interpretare l’affermazione di Paolo in modo tale da intendere che il Vangelo debba essere predicato prima agli ebrei - come egli fa - e solo in seguito ai "greci", cioè alle nazioni.

Ora il Vangelo è certamente una "forza di Dio che rende beati tutti coloro che credono, prima gli ebrei e poi anche i greci". Ma come possiamo riconoscere dalle citazioni bibliche di cui sopra, gli ebrei hanno già avuto questa opportunità con la venuta del loro Messia. - Ma non l’hanno sfruttata, l’hanno persino rifiutata.

Questa dichiarazione di Paolo quindi non significa: "il Vangelo deve essere predicato prima agli ebrei e solo successivamente alle nazioni", bensì significa: il Vangelo è stato predicato prima agli ebrei e, se avessero creduto, sarebbero stati salvati. Ma ora il Vangelo viene predicato a tutte le nazioni, inclusi gli ebrei, in modo che tutti possano essere salvati.


Ma anche nel resto del succitato estratto dal materiale didattico di Jakob Damkani riconosciamo che il giudaismo messianico, sebbene creda in Yeshua come suo Messia, come sempre non ha saputo separarsi dalla religione ebraica ortodossa e non ha ancora riconosciuto il vero significato del cristianesimo. Quando Damkani scrive:

"Con mio grande dispiacere, molti cristiani davvero non capiscono che gli ebrei non hanno bisogno di convertirsi a nessun’altra religione" e

"Non si tratta del fatto che il cristianesimo sia una nuova religione che il Signore ha voluto portare nel mondo, una religione contro il suo popolo"

ha ovviamente dimenticato che furono i rappresentanti di tale religione ebraica ortodossa a giurare duemila anni fa: " Il suo sangue ricada su di noi e sui nostri figli!" (Mat 27.25). Quindi ciò di cui gli ebrei hanno bisogno è una fede diversa. La nuova fede nel Nuovo Patto con Dio per tutti gli uomini - anche per gli ebrei - attraverso il sangue del Figlio di Dio Gesù Cristo!

Questo è ciò di cui gli ebrei hanno urgentemente bisogno se non vogliono andare all’Inferno, dato che altrimenti non possono ottenere il perdono per i loro peccati. Nostro Signore Gesù Cristo non ha portato una nuova religione - perché il cristianesimo non è una religione ma, meglio ancora, un nuovo patto con Dio (Luca 22:20).

L’antico patto di Dio con Israele è stato infranto dagli ebrei con la condanna a morte sulla croce del Figlio di Dio e Dio ha quindi sciolto tale patto e lasciato il tempio di Gerusalemme (Matteo 27:51). E, mentre il vecchio patto prevedeva regolari sacrifici animali, affinché agli ebrei potessero essere perdonati i loro peccati, nel nuovo patto il sacrificio è già compiuto una volta per tutte. È il sacrificio del Figlio di Dio sulla croce che riscatta i peccati del mondo intero.

Quindi, quando Jacob Damkani pensa che il Signore Gesù abbia portato una nuova religione, "una religione che è contro il suo stesso popolo", sovverte i fatti. Non è nostro Signore che ha portato una nuova religione contro il suo popolo, ma il suo stesso popolo ha interpretato questa nuova religione – la fede in lui come suo Redentore - contro il proprio Messia per testardaggine e mancanza di conoscenza delle Scritture (Mat 21:42; 19: 4; 12: 3; 22:31; ...).

Sebbene gli ebrei messianici - proprio come i cristiani biblici - credano in Gesù di Nazareth quale loro Salvatore, per la non compiuta separazione dalla religione ebraica corrono il rischio in futuro - come molti cristiani cattolici e naturalmente anche l’ebraismo ortodosso – di credere in realtà in un falso Messia (Giov 5:43).

Alla fine dei tempi l’Anticristo pretenderà di essere il vero "Messia" e attraverso i poteri demoniaci conferitigli da Satana (2Tess 2: 9-12), indurrà non solo tutti gli ebrei ma anche molti cristiani a farsi adorare come "Gesù ritornato".

Mentre all’approcciarsi della fine dei tempi si dovranno rimproverare i cristiani per la mancata conoscenza delle Scritture, gli ebrei ortodossi si vanteranno di aver sempre saputo che questo Yeshua di Nazareth fosse un imbroglione e un bestemmiatore.

Solo dopo la fine dei tempi, all’inizio del Millennio, quando il Figlio di Dio stabilirà a Gerusalemme il suo millenario regno di pace, gli ebrei si renderanno conto che nella loro storia hanno considerato come vero Messia quello falso e il falso Messia come quello vero e si convertiranno a Gesù Cristo con pieno pentimento (Apoc 1:7; Mat 24:30; Zac 12:10).

(Vedi anche Discorso 132: "Il cristianesimo biblico e il messia ebraico.")


Agli ebrei messianici di oggi si può solo consigliare di esaminare attentamente la Bibbia e di separarsi dalla religione ebraica (non dalla Bibbia !!). L’affermazione di Jakob Damkani nella sua lezione su citata: "che gli ebrei non hanno bisogno di convertirsi a nessun’altra religione; non devono abbandonare la loro eredità o le loro credenze ebraiche", è contro qualsiasi comprensione della fede cristiana biblica.

Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia.

Gal 5,3 Dichiaro di nuovo: ogni uomo che si fa circoncidere, è obbligato a osservare tutta la legge. 5,4 Voi che volete essere giustificati dalla legge, siete separati da Cristo; siete scaduti dalla grazia. Gal 5,3-4;

Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra.

Mat 28,18 E Gesù, avvicinatosi, parlò loro, dicendo: «Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra». Mat 28,18;

Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio.

Giov 5,22 Inoltre, il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio, 5,23 affinché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio non onora il Padre che lo ha mandato. Giov 5,22.23;


Piuttosto, può essere paragonato alla "venerazione dei santi" nella Chiesa cattolica. Solo che nel cattolicesimo una persona (Maria, i santi) viene "idolatrata" e per gli ebrei messianici si tratta di "giudaismo". In entrambe le religioni - ebraismo e cattolicesimo – le penne bugiarde dei teologi (rabbini o padri della chiesa - vedi Ger 8: 8) con i loro scritti (Talmud al posto dell’Antico Testamento o catechismo tradizionale al posto del Nuovo Testamento) nei secoli passati hanno falsificato l’autentica fede biblica fino a renderla irriconoscibile.

Il noto autore inglese ed esperto della Bibbia Michael Marlowe documenta così questo evento nel giudaismo:


(Abramo nostro padre - Gerusalemme nostra madre / di Michael Marlowe, dicembre 2004)

E così il Talmud ha la meglio sulla Torah come fonte autorevole primaria per l’ebraismo moderno. Questo si vede persino nel Talmud stesso. Per esempio, in un’edizione del Talmud troviamo le parole: "Figlio mio, stai più attento a seguire le parole degli scribi che le parole della Torah".23 Di conseguenza, in un articolo del Jewish Chronicle troviamo l’affermazione che in una vera yeshiva (istruzione religiosa) gli ebrei sono "dedicati al Talmud ad esclusione di tutto il resto". L’autorevole Enciclopedia Ebraica afferma: "Coloro che professavano il giudaismo non avevano dubbi che il Talmud fosse uguale alla Bibbia come fonte di istruzione e decisione in materia religiosa". E continua dicendo, più precisamente: "Per la maggioranza degli ebrei [il Talmud] è ancora l’autorità suprema nella religione".

(Estratto da: "Abraham our Father – Jerusalem our Mother [Abramo nostro Padre - Gerusalemme nostra Madre] / di Michael Marlowe, Dec. 2004.")

Traduzione con Deepl ©Hanna Weitzel



L’inizio di un’inversione di tendenza potrebbe ad es. essere che gli ebrei messianici cambino il nome della loro organizzazione. Invece di

"Trumpet of Salvation to Israel - [Tromba di Salvezza per Israele]"

"Trumpet of Salvation to all people - [Tromba di Salvezza per tutti gli uomini]".




PS: Con mio disappunto, Daniel di Info Trumpet of Salvation - info@trumpetofsalvation.org non ha più risposto al mio commento nonostante la sua richiesta: "Per favore, sentiti libero di correggere, aggiungere o commentare come meglio credi".